Città, territori e pandemia: riconnettersi con la prossimità per affrontare il futuro e risollevare le sorti del Sud

città

Secondo il World Urbanization Prospect 2018 entro il 2050 oltre 2,5 miliardi di persone potrebbero migrare dalle aree rurali e marginali del Pianeta verso le grandi città, andandosi ad aggiungere ai già 4 miliardi di individui. In America Meridionale e Settentrionale oltre l’80% degli abitanti vive in città, in Europa il 74,5%. In particolare, a destare grande interesse è l’Asia Orientale, che presenta il tasso di crescita più elevato, con una migrazione di oltre 200 milioni di persone verso le aree urbane tra il 2000 e il 2010. Entro il 2050 le città indiane, cinesi e nigeriane vedranno un incremento demografico pari a circa il 35% di quanto si verificherà in tutto il globo. Il National Bureau of Statistics of China, ha registrato nel 2019 un tasso di urbanizzazione del 60,6%, ossia 848 milioni di persone (circa 17 milioni in più rispetto al 2018).

L’urbanizzazione contemporanea: le città oltre i confini

Le connotazioni delle città contemporanee sfuggono a criteri analitici. I mutamenti emersi nelle città con l’affermarsi del post-fordismo hanno una natura multidimensionale e complessa: a essi concorrono l’intensificazione e la ramificazione dei flussi materiali (pendolarismo, migrazioni, mobilità delle merci, ecc.) e immateriali (comunicazioni, informazioni, ecc.), l’estensione e l’ispessimento della copertura antropica del suolo, la densificazione delle relazioni economiche e sociali. Le città contribuiscono in maniera significativa al riscaldamento globale, dal momento che le attività che vi si svolgono costituiscono circa il 70% delle emissioni globali di gas serra legate all’energia, ai rifiuti e agli sprechi alimentari.

Pandemia: una questione urbana

La pandemia ha aggravato le condizioni già precarie delle popolazioni che vivono in aree urbane marginali, le periferie e gli insediamenti come gli slum, ponendo al contempo diversi interrogativi su quale sarà la forma urbana nel futuro prossimo e come muterà lo stile di vita urbano. D’altronde, gli effetti della pandemia sono una questione innanzitutto urbana. Più del 90% dei casi di Coronavirus si sono concentrati nelle principali città: Wuhan, Milano, Madrid, New York tra le principali e le più esposte (World City Report, 2020). Occorre considerare che così come nelle città si concentra circa l’80% del Pil globale, esse costituiranno anche i territori ove più impattante sarà la recessione economica conseguente alla pandemia e alle restrizioni resesi necessarie. Si stima una contrazione delle risorse finanziarie in dotazione alle Amministrazioni locali tra il 15% e il 25%, con perdite maggiori nelle aree metropolitane.

Dalle città alle nuove frontiere della polarizzazione Nord-Sud

La frattura territoriale da sempre esistente fra Nord e Sud Italia è tornata paradossalmente a ricucirsi con la pandemia: i dati mostrano come la ripartizione dove la povertà assoluta è cresciuta maggiormente è il Nord del Paese (dal 5,8% del 2019 al 7,6% del 2020) ma è il Mezzogiorno che continua ad essere l’area dove la povertà assoluta è più elevata, interessando il 9,3% delle famiglie contro il 5,5% del Centro (Istat, 2020). Complessivamente, nelle stime preliminari relative al 2020, la povertà assoluta raggiunge i valori più elevati dal 2005. Le condizioni di disagio economico sono direttamente proporzionali anche ai deficit infrastrutturali e di investimenti nel settore dei trasporti. Buoni livelli di accessibilità sono una delle componenti necessarie per il miglioramento della qualità della vita, consentendo un ottimale svolgimento delle attività economiche e sociali, un funzionamento efficiente delle filiere produttive e delle supply chain. I dati Istat relativi alla soddisfazione degli utenti di autobus, filobus e tram indicano una forte polarizzazione geografica tra Nord, Sud e Isole. Il 30% in meno rispetto agli utenti residenti nel Nord si dice soddisfatto dei mezzi di trasporto pubblico nelle regioni del Mezzogiorno.

Riconfigurare la territorialità per sostenere la ripresa del Mezzogiorno

Alla luce dei dati, è ancora più evidente che la ripresa post pandemica potrebbe acuire gli esistenti squilibri geografici. La ripresa post Covid-19 non può che partire da politiche bottom-up che tengano conto delle particolarità e peculiarità geografiche, dalle quali partire per approntare modelli di sviluppo che permettano di cogliere anche nuove opportunità, soprattutto alla luce di una nuova centralità del Mediterraneo sulla scorta del compimento dell’ambizioso progetto euro-asiatico per la realizzazione della “Nuova via della Seta”. Ripartire dai territori rappresenta un’opportunità per superare la storica dicotomia Nord-Sud.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento