Con il cuore a Tunisi

tunisi

Cosa si può dire di una serata dell’informazione attraversata in tutti i Tg, (compreso Studio Aperto!) dalle immagini drammatiche che vengono da Tunisi? La cronaca delle convulse ore dell’assalto terroristico al Museo del Bardo è stata inevitabilmente frammentaria e le tante edizioni straordinarie che si sono susseguite durante il pomeriggio hanno avuto principalmente il merito di “collegare” i teleutenti nella logica della diretta a un dramma incomprensibile ma ravvicinato non solo geograficamente, vista la presenza di centinaia di connazionali in vacanza sulle coste del nord Africa. Per il resto gli strumenti professionali in casi come questo sono solo quelli del buon senso che, ad esempio, ha portato le maggiori testate a moderare la “voglia” di dare i numeri dei morti e dei feriti. Non tutti hanno però mostrato moderazione, ed il titolo del Tg4 che riportava i 7 morti italiani è chiaramente figlio di un’approssimazione professionale che poco ha a che fare con il buon senso. Che i morti siano 22 o 25, e che tra questi gli italiani siano 1, 2 o di più, non dovrebbe modificare l’impostazione e il lavoro di una redazione. Sempre di tragedia, eccidio, terrorismo sconsiderato si tratta. Enrico Mentana trasferisce al suo pubblico la tensione dl giornalista che vorrebbe fornire i numeri, ma che non per questo li spara a casaccio. Non a caso TgLa7 è l’unica testata delle ore 20 a seguire in diretta le comunicazioni della Farnesina, e a comunicare – bissato mezz’ora più tardi dal Tg2 – la cifra al momento ufficiale dei 3 italiani rimasti uccisi e dei 6 feriti. Tra i ricordi di chi scrive riemergono le forti critiche che colpirono un titolo di Paese Sera del novembre 1980 che, a poche ore dalle scosse nell’Irpinia, forniva un bilancio di 5.000 vittime: numeri sparati a caso, visto che dopo anni e anni ancora non si conosce quello definitivo, comunque inferiore ai 3 mila morti.
Oltre alla cronaca necessariamente frammentaria alcune testate riescono a inquadrare l’eccezione rappresentata dalla Tunisia, unico paese del Nord Africa che dopo la primavera araba ha creato uno stato non confessionale in cui laici ed islamici convivono accettabilmente e in cui vige una costituzione avanzata e un sistema parlamentare di tipo occidentale. Tg3 in questo senso offre gli approfondimenti più seri. Bello il servizio di Tg1 che ci racconta come il Bardo, il più antico museo del mondo arabo, raccolga in realtà quasi esclusivamente splendidi reperti – soprattutto favolosi mosaici – della Roma imperiale.
Per il resto i Tg vivono dei riflessi della difficile giornata del Ministro Lupi che nel question time respinge le accuse e le illazioni sui suoi rapporti con Incalza. Tra i politici non mancano i colpevolisti senza se e senza ma, mentre nell’informazione l’attenzione è alta ma in qualche misura “asettica”. Il più critico appare TgLa7 che presenta un servizio alquanto dettagliato sui rapporti stretti tra Ministro a manager pubblico.
Dati auditel dei Tg di martedì 17 marzo 2015
Tg1 – ore 13:30 3.837.000, 21.72% ore 20:00 6.079.000, 23.48%.
Tg2 – ore 13:00 2.878.000, 17.22% ore 20:30 2.219.000, 7.99%.
Tg3 – ore 14:30 1.853.000, 11.18% ore 19:00 2.242.000, 11.53%.
Tg5 – ore 13:00 3.396.000, 20.19% ore 20:00 4.728.000, 18.04%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.008.000, 14.44% ore 18:30 973.000, 6.25%.
Tg4 – ore 11.30 634.000, 7.72% ore 18:55 798.000, 4.24%.
Tg La7 – ore 13:30 754.000, 4.26% ore 20:00 1.491.000, 5.72%.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento