Società

Governo Lega-M5S. Miseria e nobiltà dello strumento “contratto”

186

Lega e M5S legati da un “contratto di Governo”. Nel saggio di Fabrizio Di Marzio, La politica e il contratto, la ricchezza, i limiti, la miseria e la nobiltà dello strumento contrattuale che oggi domina in tutti i campi.

La politica, la più nobile delle attività umane, quella che presiede l’organizzazione e la regolamentazione della convivenza civile, può essere ridotta ad un contratto? L’arte del possibile – secondo la definizione di Otto Von Bismarck – può essere espressione della mera e rigida volontà delle parti, espressa nella forma contrattuale? È a questa e ad altre domande e riflessioni che Fabrizio Di Marzio, nel suo interessante saggio dal titolo La politica e il contratto, edizione Donzelli, risponde, delineando un contesto nel quale il contratto, le sue implicazioni, la sua odierna pervasività, i suoi limiti, le sue opportunità, vengono messe in luce in modo nitido. «L’accordo tra il Movimento 5 Stelle e la Lega, che ha dato vita a una nuova maggioranza parlamentare – spiega l’Autore –, e che è di per sé un contratto di governo e non di coalizione, in quanto tende a soddisfare interessi e non a realizzare valori, ha assunto un’enfasi particolare, espressa nella scelta del nome “contratto di governo”, negoziato e sottoscritto tra le due formazioni politiche e che si ispira esplicitamente al modello contrattuale mutuato dal diritto privato». È un nuovo metodo dell’azione politica? È questo l’atto con cui nasce la Terza Repubblica?

Il percorso storico e giuridico che Di Marzio compie, si fonda sulla analisi del contratto quale origine della comunità e che dà legittimazione alla sovranità dello Stato sui cittadini. Ma la sostanziale differenza, oggi, è che, nel caso del contratto di governo siglato da Di Maio e Salvini – capi politici di M5S e Lega – l’intesa viene stabilita non con i governati ma tra i governanti, passando così dal piano istituzionale a quello della negoziazione privata di interessi. Cambia così la piattaforma iniziale: la “negoziazione di interessi” prende il posto della “rivendicazione di valori”, la quale stava alla base del discorso politico precedente. Nessun giudizio di merito da parte di Di Marzio, da esperto e studioso qual è, sui due modelli, ma la consapevolezza sì, della grande trasformazione in atto, con la definizione di nuovi àmbiti politici, con uno schema che offre ampie possibilità di manovra ma che può rivelarsi in tutta la sua rigidità. Perché, in ogni contratto che si rispetti, tutte le clausole possono essere previste, ma se il campo di applicazione è quello della politica, le sfumature, gli equivoci sui punti del programma che possono essere o meno contemplati dalla comune azione di governo, gli spunti di discussione e le tensioni, le aspettative e le reciproche pretese, possono essere occasione continua di scontro e di lacerazioni. A scanso di equivoci, Di Marzio chiarisce subito come, sul duplice presupposto della sussistenza di interessi contrapposti e della necessità di un compromesso, la categoria del contratto richiami il metodo di maggiore successo nell’organizzazione della convivenza umana.

Per i teorici del patto sociale, il “contrat social” di Rousseau è financo istitutivo della comunità politica e, quindi, va da sé che la tipologia non possa che rappresentare una grande opportunità di composizione delle dispute politico-programmatiche. Gli esempi che la storia offre, in tal senso, sono numerosi, ma non tutti privi di aspetti problematici. «Il contratto – ricorda Di Marzio – è un vincolo liberamente assunto dai contraenti, fondato su premesse reciproche e finalizzato a realizzare interessi corrispettivi: l’accordo contrattuale si fonda su promesse, sul dare qualcosa, oppure sul fare o non fare qualcosa, o, infine, sul sopportare qualcosa, e la reciprocità delle promesse è la cifra del rapporto»; senza dimenticare che «il contratto è un atto di libertà e che tale libertà è detta autonomia». L’Autore delinea il tragitto storico e culturale dello strumento contrattuale, la sua evoluzione, con richiami a Rousseau, Althusius, Hobbes, operando le dovute distinzioni tra i concetti di “intesa”, “accordo”, “patto”, “convenzione”, e la categoria contrattuale che «presuppone la libertà e l’uguaglianza dei contraenti», illustrando al lettore un aspetto di fondamentale importanza, ossia, che «l’organizzazione capitalistica e mercantile dello scambio e la progressiva declinazione in termini economici degli interessi umani, la classificazione negli accordi privati come interessi di tutto ciò che sarebbe classificabile nell’ambito dei bisogni, dei desideri, delle aspirazioni, delle emozioni, ha reso il nostro mondo il regno del contratto». Luci e ombre sulla categoria del contratto che sembra avere occupato ogni spazio della nostra vita, persino quello della politica; ma un elemento di positività Di Marzio non manca di citarlo, laddove si consideri che, «attraverso il calcolo degli interessi, a volte spietato, il contratto ci allena alla ragionevolezza, al compromesso piuttosto che allo scontro di valori non negoziabili: ecco allora che la trattativa, per il suo insopprimibile contenuto educativo, può fornire speranza anche quando offende, nell’immediato, ciò che pensavamo avesse dignità, ma cade lo stesso nel negoziato». È la dimensione dell’ascolto e del confronto che il contratto, di per sé e nonostante tutto, implica. Ecco, dunque, che la presenza – che per alcuni è sinonimo di invasione di campo del contratto nella politica – può assumere anche un significato di risoluzione ultima dei conflitti e della contrapposizione di interessi che devono di volta in volta essere negoziati. Nel caso della esperienza attuale del contratto di governo stipulato da Lega e M5S per il Governo del cambiamento, solo il tempo potrà dire se lo strumento è stato utile, in questo particolare momento storico, alla causa, ossia, al rafforzamento della democrazia, al consolidamento delle Istituzioni, e ad una maggiore partecipazione e fiducia dei cittadini-elettori nei confronti della cosa pubblica. Di Marzio offre tutti gli spunti per capire la categoria contrattuale nelle sue infinite potenzialità, disvelandone i rischi, i limiti, il cinismo, le trappole, anche perché «i contenuti del contratto li mettono i contraenti, le parti, gli uomini, e di quelli, il contratto non risponde…».

Fabrizio Di Marzio è consigliere della corte di Cassazione. Autore di numerosi lavori in materia di diritto civile e commerciale, sul tema del contratto ha pubblicato ‘I contratti d’impresa’ (Utet 2008) e ‘Contratto illecito e disciplina del mercato ( Jovene, 2011). Per i tipi della Donzelli ha pubblicato ‘Agricoltura senza caporalato’ (2017)

 

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata