Immigrazione

Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

529

Taglio dei fondi, cancellati i servizi per l’integrazione, avvantaggiate le grandi cooperative che possono permettersi di dare una sforbiciata netta al costo per l’accoglienza degli immigrati.
Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi per l’accoglienza, senza porsi il problema di riformare il sistema di prima accoglienza in Italia. Con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo oltre che di quelle delle comunità ospitanti. È questo, in sintesi, il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare il nuovo schema di Capitolato per la gestione dei centri di accoglienza, presentato dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini.
A fare le spese della scelta di “aggredire” gli ormai famigerati 35 euro al giorno destinati all’accoglienza sono, infatti, le figure professionali specializzate nei servizi: circa 36mila operatori specializzati di cui almeno la metà andrà a ingrossare le fila dei disoccupati. Più che un risparmio, dunque, uno spostamento delle voci di spesa: da un lato, non si garantiscono più i necessari interventi nell’ambito dell’integrazione, sulla vulnerabilità, nel presidio delle strutture e sul piano sanitario, con conseguenze disastrose sotto il profilo del rischio sociale collegato; dall’altro, si trasferiscono i fondi nella disponibilità del ministero del Lavoro, che dovrà spendere quei fondi per misure di sostegno al reddito dei nuovi disoccupati. E se questi non garantiranno più i servizi che hanno garantito fino ad oggi, a finire penalizzati saranno anche gli Enti locali di prossimità, che dovranno tamponare le emergenze create dalla carenza di servizi destinati alle persone accolte nei Cas, i centri di accoglienza straordinaria.

Di queste strutture, ormai è evidente, sono destinate a rimanere in funzione soltanto quelle che lavorano “su grandi numeri”, in grado, cioè, di fare economie di scala importanti davanti a tagli quantificabili tra i 19 e i 26 euro, per persona accolta, al giorno, su 35. Si favoriscono, dunque, proprio le realtà di grandi dimensioni, con il rischio che – ancor più che in passato – vi siano casi di realtà disposte a tagliare sui costi di vitto e di forniture di beni, pur di lucrare.
C’è da aspettarsi che pochissime, delle 1.048 associazioni e cooperative (il 57% del totale) che nel 2017 hanno partecipato a bandi per l’apertura di Cas fino a 50 posti, torneranno a farlo. I tagli, dunque, determineranno la disponibilità di meno posti del necessario e le Prefetture saranno costrette a prorogare le vecchie convenzioni a 35 euro, vanificando i risparmi tanto sbandierati dal ministro.
L’analisi di In Migrazione si è concentrata sugli effetti dei nuovi schemi di capitolati per i bandi dei Centri di Accoglienza Straordinaria attivati dalle Prefetture, che rappresentano quantitativamente oltre il 90% dell’accoglienza che l’Italia garantisce ai richiedenti protezione internazionale.
Ne emerge che il Viminale dà indicazione di cancellare i servizi per l’integrazione erogati dai gestori dei Cas: niente più corsi di lingua né sostegno per preparare l’audizione dinanzi alle Commissioni territoriali per la richiesta d’asilo. Gli ospiti saranno “parcheggiati” senza strumenti di conoscenza e di orientamento e senza mediazione culturale, determinando così anche la fine di esperienze virtuose che avevano caratterizzato alcuni bandi delle Prefetture.
Il risultato di questo repentino ritorno al passato è, dunque, già noto: sfruttamento lavorativo e caporalato, accattonaggio, aumento della microcriminalità e forte rischio di arruolamento da parte delle mafie.
Un modello che taglia servizi e personale, concentrandosi sulla fornitura di vitto, alloggio e beni materiali, cessa anche di sostenere le vulnerabilità di chi è sfuggito a guerre e persecuzioni. Sparisce lo psicologo, e l’assistente sociale, nei centri fino a 50 posti, dovrà essere presente per 6 ore settimanali. Per di più, all’aumentare del numero di ospiti diminuisce fortemente il tempo disponibile per incontrare questa figura, che deve far fronte anche a una elevata mole di burocrazia. Stesso discorso per i mediatori culturali, che, nei centri più grandi, si potranno incontrare per meno di 20 minuti al mese.
La situazione, già resa insostenibile, rischia di sfociare poi nell’allarme sociale se crollano anche le prestazioni minime di assistenza sanitaria. La presenza del medico nei centri più piccoli è richiesta per 4 ore l’anno ad ospite e non è più obbligatorio avere un infermiere in struttura. È facile immaginare le conseguenze di una scelta del genere anche sui richiedenti asilo e sulla comunità tutta.
Più in generale, la presenza di personale richiesta dai prossimi bandi, in virtù delle nuove linee guida ministeriali, è così esigua che non si potrà nemmeno garantire la continuità del presidio della struttura per le 24 ore, arrivando a un operatore ogni 150 ospiti nei centri più grandi. Quale sicurezza si può garantire in condizioni del genere? In quest’ultimo dato c’è la sintesi di tutto il paradosso di un ministro che finisce per tradire le sue stesse parole d’ordine.

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo