Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

Taglio dei fondi, cancellati i servizi per l’integrazione, avvantaggiate le grandi cooperative che possono permettersi di dare una sforbiciata netta al costo per l’accoglienza degli immigrati.
Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi per l’accoglienza, senza porsi il problema di riformare il sistema di prima accoglienza in Italia. Con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo oltre che di quelle delle comunità ospitanti. È questo, in sintesi, il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare il nuovo schema di Capitolato per la gestione dei centri di accoglienza, presentato dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini.
A fare le spese della scelta di “aggredire” gli ormai famigerati 35 euro al giorno destinati all’accoglienza sono, infatti, le figure professionali specializzate nei servizi: circa 36mila operatori specializzati di cui almeno la metà andrà a ingrossare le fila dei disoccupati. Più che un risparmio, dunque, uno spostamento delle voci di spesa: da un lato, non si garantiscono più i necessari interventi nell’ambito dell’integrazione, sulla vulnerabilità, nel presidio delle strutture e sul piano sanitario, con conseguenze disastrose sotto il profilo del rischio sociale collegato; dall’altro, si trasferiscono i fondi nella disponibilità del ministero del Lavoro, che dovrà spendere quei fondi per misure di sostegno al reddito dei nuovi disoccupati. E se questi non garantiranno più i servizi che hanno garantito fino ad oggi, a finire penalizzati saranno anche gli Enti locali di prossimità, che dovranno tamponare le emergenze create dalla carenza di servizi destinati alle persone accolte nei Cas, i centri di accoglienza straordinaria.

Di queste strutture, ormai è evidente, sono destinate a rimanere in funzione soltanto quelle che lavorano “su grandi numeri”, in grado, cioè, di fare economie di scala importanti davanti a tagli quantificabili tra i 19 e i 26 euro, per persona accolta, al giorno, su 35. Si favoriscono, dunque, proprio le realtà di grandi dimensioni, con il rischio che – ancor più che in passato – vi siano casi di realtà disposte a tagliare sui costi di vitto e di forniture di beni, pur di lucrare.
C’è da aspettarsi che pochissime, delle 1.048 associazioni e cooperative (il 57% del totale) che nel 2017 hanno partecipato a bandi per l’apertura di Cas fino a 50 posti, torneranno a farlo. I tagli, dunque, determineranno la disponibilità di meno posti del necessario e le Prefetture saranno costrette a prorogare le vecchie convenzioni a 35 euro, vanificando i risparmi tanto sbandierati dal ministro.
L’analisi di In Migrazione si è concentrata sugli effetti dei nuovi schemi di capitolati per i bandi dei Centri di Accoglienza Straordinaria attivati dalle Prefetture, che rappresentano quantitativamente oltre il 90% dell’accoglienza che l’Italia garantisce ai richiedenti protezione internazionale.
Ne emerge che il Viminale dà indicazione di cancellare i servizi per l’integrazione erogati dai gestori dei Cas: niente più corsi di lingua né sostegno per preparare l’audizione dinanzi alle Commissioni territoriali per la richiesta d’asilo. Gli ospiti saranno “parcheggiati” senza strumenti di conoscenza e di orientamento e senza mediazione culturale, determinando così anche la fine di esperienze virtuose che avevano caratterizzato alcuni bandi delle Prefetture.
Il risultato di questo repentino ritorno al passato è, dunque, già noto: sfruttamento lavorativo e caporalato, accattonaggio, aumento della microcriminalità e forte rischio di arruolamento da parte delle mafie.
Un modello che taglia servizi e personale, concentrandosi sulla fornitura di vitto, alloggio e beni materiali, cessa anche di sostenere le vulnerabilità di chi è sfuggito a guerre e persecuzioni. Sparisce lo psicologo, e l’assistente sociale, nei centri fino a 50 posti, dovrà essere presente per 6 ore settimanali. Per di più, all’aumentare del numero di ospiti diminuisce fortemente il tempo disponibile per incontrare questa figura, che deve far fronte anche a una elevata mole di burocrazia. Stesso discorso per i mediatori culturali, che, nei centri più grandi, si potranno incontrare per meno di 20 minuti al mese.
La situazione, già resa insostenibile, rischia di sfociare poi nell’allarme sociale se crollano anche le prestazioni minime di assistenza sanitaria. La presenza del medico nei centri più piccoli è richiesta per 4 ore l’anno ad ospite e non è più obbligatorio avere un infermiere in struttura. È facile immaginare le conseguenze di una scelta del genere anche sui richiedenti asilo e sulla comunità tutta.
Più in generale, la presenza di personale richiesta dai prossimi bandi, in virtù delle nuove linee guida ministeriali, è così esigua che non si potrà nemmeno garantire la continuità del presidio della struttura per le 24 ore, arrivando a un operatore ogni 150 ospiti nei centri più grandi. Quale sicurezza si può garantire in condizioni del genere? In quest’ultimo dato c’è la sintesi di tutto il paradosso di un ministro che finisce per tradire le sue stesse parole d’ordine.

Ultime notizie
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali