Coronavirus e democrazia. La pandemia andava affrontata con gli strumenti ordinari

Sentiamo dire che dobbiamo trarre dalla pandemia insegnamenti per il futuro. Un insegnamento importante riguarda la democrazia. Il governo rappresentativo e la tutela della libertà – che della democrazia costituiscono il fondamento – erano già in crisi, in Europa e nell’Occidente.
La manifestazione più rilevante di questa crisi è quella che il Premier ungherese Orbán ha autodefinito «democrazia illiberale», cioè un neo-autoritarismo che riduce la democrazia al mandato popolare derivante dalle elezioni politiche, relegando in un ruolo subalterno le garanzie e il pluralismo istituzionale che caratterizzano la liberaldemocrazia.
In Italia, per fortuna, non siamo a questo punto. Ma qualche segnale non positivo è venuto dalla gestione istituzionale della pandemia, che ha accentuato elementi di crisi già presenti nell’istituzione fondamentale del governo rappresentativo: il Parlamento.
La Costituzione italiana non prevede uno “stato di emergenza”, che giustifichi limitazioni alle libertà fondamentali – se non in caso di guerra e per delibera del Parlamento. È un bene che sia così. Nella Repubblica di Weimar – che invece lo prevedeva – il ricorso a questo strumento aprì la via al nazismo.
La drammatica situazione causata dalla pandemia andava, quindi, affrontata con gli strumenti ordinari. In larga misura è stato così, ma qualche forzatura c’è stata. Nella prima fase si è fatto abbondante ricorso agli ormai famosi Dpcm: atti amministrativi emanati dal Presidente del Consiglio senza passare né dal Consiglio dei Ministri, né dal Presidente della Repubblica, né dal Parlamento. Per i «casi straordinari di necessità e di urgenza» la Costituzione prevede, invece, i decreti legge, che sono provvedimenti legislativi, con la stessa “forza” della legge. Le critiche sollevate al troppo frequente ricorso ai Dpcm hanno, poi, portato al ritorno alla legalità, per la quale le libertà possono essere limitate – ed entro parametri ben definiti – dalla legge, non da un atto amministrativo unipersonale.
C’è stata una seconda violazione costituzionale palese, ma non adeguatamente contrastata. Mi riferisco alle ordinanze dei Presidenti delle Giunte Regionali (si chiamano così, non “governatori”), che hanno chiuso – o minacciato di chiudere – le rispettive Regioni. Ciò è vietato dall’art. 120 della Costituzione, secondo il quale le Regioni non possono «adottare provvedimenti che ostacolino, in qualsiasi modo, la libera circolazione delle persone tra le Regioni».
Intendiamoci, nell’insieme non si può parlare di democrazia violata. Ma bisogna stare attenti, non creare precedenti che potrebbero magari essere utilizzati in futuro da chi volesse “pieni poteri” per governare.
Il ruolo del Parlamento è decisivo per assicurare la continuità della legalità, anche nelle situazioni di crisi come quella attuale. Poco presente nella prima fase della pandemia – tanto da indurre qualche opinionista a pensare all’effetto della paura del contagio –, è, poi, tornato ad operare.
Però, in Italia, l’Istituzione parlamentare è in sofferenza da molti anni. La fenomenologia più inquietante riguarda il ricorso, sempre più frequente, da parte dei governi di ogni connotazione politica, al decreto legge, ben oltre le ipotesi eccezionali per le quali, come ricordavo, è previsto dalla Costituzione. Nell’esame della legge di conversione, inoltre, sempre più spesso i governi hanno fatto e fanno ricorso a un meccanismo che nella sostanza, se non nella forma, non risponde alla logica costituzionale. Il meccanismo consiste nella presentazione di un maxi-emendamento, composto, a volte, da centinaia di norme, sul quale il Governo chiede la fiducia delle Camere. I parlamentari possono solamente votare con un sì o con un no su questo testo; ma se prevale il no, il Governo cade. Questo meccanismo è stato utilizzato troppo spesso in questo periodo.
La Corte costituzionale ha fatto capire che è illegittimo ma, poi, non se l’è sentita (finora almeno) di trarne tutte le conseguenze.
Ma c’è un secondo punto da segnalare. La democrazia va rivitalizzata anche con forme rinnovate di partecipazione dei cittadini, altrimenti rischia di dissolversi lentamente.
La democrazia diretta non può essere un’alternativa, ma può integrarsi al governo rappresentativo, anche con l’uso degli strumenti digitali. Si pensi al fatto che, per la prima volta nella sua storia, la Camera degli Stati uniti (a guida democratica) ha deciso di far votare i suoi rappresentanti da casa. Perché non potrebbero fare altrettanto i cittadini?
Naturalmente, non bisogna essere semplicistici. I problemi sono molti, ma sulla “democrazia deliberativa” da alcuni anni è in corso un dibattito interessante, e ricco di utili proposte.
È certo, comunque, che la democrazia sia un bene troppo importante per lasciarla deperire. È importante per tutti i cittadini ma, soprattutto, per i più deboli economicamente e socialmente (che sono stati anche i più colpiti dalla pandemia), i quali non hanno altri modi per fare sentire e valere la propria voce.

Ultime notizie
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale
calcio
Italia

Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

Il trionfo degli Azzurri agli Europei contro un'Inghilterra troppo sicura di sé è la vittoria di un calcio come progetto e gioco di squadra, da coltivare con dedizione e impegno. La squadra voluta da Mancini, fatta di innovazione e giovani talenti, è simbolo di un Paese che vuole ripartire.
di Alfonso Lo Sardo
calcio
prison
Cosa vuol dire Mafia?

“A prison is a place of transit” says magistrate Sebastiano Ardita

The magistrate Sebastiano Ardita talks about the theme of prison in Italy, in the main national debate after Santa Maria Capua Vetere's facts. Why is the management of approximately 54,000 inmates in a nation of 65 million inhabitants so problematic? Interview by Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
prison
carcere
Cosa vuol dire Mafia?

Il carcere deve essere un transito verso il reinserimento: intervista a Sebastiano Ardita

Le carceri rappresentano un argomento delicato nel nostro Paese, sebbene si tratti di gestire circa 54.000 detenuti in una nazione di 65 milioni di abitanti. Il Magistrato Sebastiano Ardita affronta il tema del reinserimento, dei diritti costituzionali dei detenuti e le criticità dei luoghi detentivi in un'intervista di Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
carcere
tecnologia adolescenti
Rapporto Italia

La biologia delle relazioni: uso e abuso della tecnologia negli adolescenti

La natura dinamica e continua delle interazioni tramite social network comporta disturbi ampiamente associati agli adolescenti e ai giovani adulti. A fasce di età diverse corrisponderebbero disturbi più o meno specifici. Nei bambini il problema principale è lo sviluppo cognitivo e comportamentale, mentre negli adolescenti e nei giovani adulti ansia e depressione.
di redazione
tecnologia adolescenti
morin
Cultura

Buon compleanno, Edgar! I cento anni di Morin, filosofo della complessità

L'otto luglio compie cento anni Edgar Morin, l'ultimo ad entrare nella hall of fame dei grandi pensatori centenari. Morin è filosofo della complessità, dell'universo-ologramma secondo cui la società è presente in ogni uomo, e della "terrestrità".
di Giuseppe Pulina
morin