Attualità

Coronavirus, Tg come bollettini di guerra. Il report

157

A un mese dai primi contagi nel Nord Italia, la quotidiana conferenza stampa della Protezione civile delle 18 costituisce l’evento principale della comunicazione. Tutte le testate aprono con i “bollettini di guerra”, e i numeri dominano anche nei servizi. I risvolti economici della crisi e gli stessi provvedimenti del Governo passano in secondo piano (solo 3 aperture al Salva Italia). L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispe e Coris Sapienza dal 16 al 20 marzo.

Con le misure avviate dalle istituzioni dell’Unione (Bce e Commissione), il prime time non può che prendere atto di una svolta: l’Europa, l’eterna fidanzata riottosa, che giusto la scorsa settimana ci aveva “schiaffeggiato” con le parole di Lagarde, ora sostiene appieno il nostro Paese, con maggiore o minore soddisfazione dell’informazione italiana. I Tg Rai confermano la linea europeista, con Tg3 che mercoledì interpella il commissario Gentiloni, mentre Tg1 giovedì dialoga a distanza con la Presidente Von Der Leyen. Anche i Tg Mediaset prendono atto della svolta, ma mostrano un atteggiamento da “amante risentito”, dedicando venerdì poche righe alla ventilata sospensione del patto di stabilità. Si attenuano, comunque, gli accenti negativi, anche perché tutte le nazioni del vecchio continente guardano all’esempio del nostro Paese. Nei servizi che documentano il diffondersi del contagio negli altri stati, spazio alle letture preoccupate e critiche verso gli atteggiamenti contraddittori e attendisti di alcuni paesi (Ue e non).

Per quanto riguarda la voce della politica, che da alcune settimane si è fatta flebile, da segnalare giovedì l’intervento “preventivo” del Quirinale verso i leader dell’opposizioni (4 titoli), cui è richiesta maggiore coesione, anche a fronte di un tentativo del centrodestra di acquistare spazi comunicazionali a scapito del governo, che sembra guadagnare consensi. Nella battaglia per arraffare qualche presenza nel prime time, a uscirne vincitore è Silvio Berlusconi, con 11 citazioni nei titoli (tutte Mediaset) e ampio spazio per i suoi interventi.

Tutte le testate forniscono coperture apprezzabili, che documentano senza pietismi l’allarmante situazione dei centri delle province di Bergamo e Brescia, così come lo sviluppo di focolai in altre regioni. I Tg Mediaset sono molti attivi nell’invitare la popolazione a restare a casa, accompagnando agli appelli dei governatori di Lombardia e Veneto diversi servizi in cui i propri giornalisti quasi arrivano a rivolgersi al pubblico a casa. Ampiamente diffuso l’orgoglio per l’impegno del personale medico, con i Tg Mediaset che caldeggiano per la riapertura di alcuni reparti dell’ospedale Forlanini nella Capitale. Anche Tg La7 plaude agli operatori sanitari di Bergamo e Brescia, con Mentana che giovedì afferma: “Se dall’epidemia si uscirà cambiati, bisognerà ricordarsi di ricompensare concretamente i medici”. Oltre che reclamare una maggiore retribuzione per gli operatori sanitari, il direttore di Tg La7 invita la politica a recuperare sulla avvenuta destrutturazione del Sistema sanitario nazionale, i cui effetti sono risultati evidenti in questa drammatica emergenza.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Intervista

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
Società

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone