Attualità

Coronavirus in Italia, picco vicino. Cnr: “Fase di rallentamento in più della metà delle province”

2709

Il Coronavirus in Italia sta raggiungendo il picco dell’epidemia: poco più della metà delle province italiane avrebbe, infatti, raggiunto il picco massimo di crescita del numero dei contagiati e quindi per loro sarebbe appena iniziata una fase di rallentamento.
È quanto emerge dalla ricerca effettuata dall’Istituto per le applicazioni del calcolo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac), condotta da Giovanni Sebastiani, che dal primo marzo sta analizzando su base giornaliera l’evolversi della diffusione dell’epidemia di COVID-19 in Italia. I dati utilizzati sono quelli ufficiali resi disponibili dalla Protezione Civile. La strategia adottata prevede lo studio del fenomeno di diffusione del contagio attraverso modelli e metodi matematici e statistici di diverso tipo. L’analisi è stata effettuata attraverso un approccio che utilizza modelli parametrici e, in particolare, quello geometrico e quello logistico, che caratterizzano tipicamente l’evoluzione delle epidemie.
I calcoli aggiornati al 23 marzo fanno emergere che 57 delle 107 province italiane mostrano di aver raggiunto il picco della crescita dell’epidemia. Per quanto riguarda la Lombardia, ovvero la regione più martoriata, questa situazione è stata riscontrata in 10 delle 12 province, compresa quella di Milano.
Spiega Giovanni Sebastiani, primo ricercatore presso L’Istituto per le Applicazioni del calcolo Mauro Picone (del Cnr): «Se si osserva la distribuzione geografica, si nota che le 57 province che mostrano il punto massimo di crescita sono presenti in tutte le regioni del Paese, con una distribuzione spaziale diffusa. E questo è senz’altro un dato positivo». Nel dettaglio, sono così distribuite: 2 in Abruzzo, 1 in Basilicata, 3 in Calabria, 2 in Campania, 2 in Emilia Romagna (Forlì, Cesena e Piacenza), 1 in Friuli Venezia Giulia, 4 nel Lazio (ma all’appello manca Roma), 3 in Liguria, 10 in Lombardia (Milano compresa), 2 nella Marche, 1 nel Molise, 3 nel Piemonte (compresa Torino), 3 in Puglia, 4 in Sardegna, 5 in Sicilia (mancano ancora Agrigento, Catania e Palermo), 5 in Toscana, 1 in Trentino Alto Adige, 2 in Umbria, 1 nella Valle d’Aosta, 2 nel Veneto (Verona e Vicenza).
Un altro aspetto importante è quello relativo ai tempi, ovvero quando sarebbe avvenuto il picco. Spiega ancora il dottor Sebastiani: «Di queste 57 province, quasi la metà ha raggiunto il picco il 20 marzo: esattamente 9 giorni dopo l’11 marzo, ovvero il giorno in cui sono state introdotte le misure di restrizione della mobilità. Dalla letteratura scientifica sappiamo che nove giorni è il tempo medio che intercorre tra il giorno dell’infezione e quello della diagnosi. Più nel dettaglio: il tempo medio che passa tra l’infezione e i primi sintomi è di 5 giorni; secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, il tempo medio che intercorre tra l’insorgere dei sintomi e la diagnosi è di 4 giorni. Quindi, in tutto, sono nove. Questo dato ci conforta perché significa che le misure di contenimento stanno ottenendo l’effetto sperato, anche se siamo in una fase iniziale della diminuzione, quindi si può parlare di tendenza, ma bisogna essere cauti».
A questo punto, che cosa ci si può aspettare? «Quello che ci aspettiamo è un ulteriore aumento delle province che raggiungono il picco, come accaduto negli ultimi tre giorni. Va, comunque, evidenziato che queste stime sono soggette a grande incertezza in questa fase, a causa di vari fattori in gioco e vanno ricalibrate di continuo a seconda dei dati disponibili e dei cambiamenti indotti dai decreti governativi e dai conseguenti comportamenti individuali».

Intanto, il Cnr ha lanciato un nuovo spazio di informazione sul suo portale, intitolato “Il Cnr risponde”. Si tratta di pillole-video di due minuti in cui i ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche introducono al pubblico, con un linguaggio semplice e diretto, i principali argomenti di attualità.
La rubrica è partita ovviamente con una programmazione che affronta i temi legati, direttamente e indirettamente, al Coronavirus. Il prof. Giovanni Maga, dell’Istituto di genetica molecolare (Cnr-Igm), spiega l’origine, le modalità di trasmissione e la pericolosità di questo virus http://www.cnrweb.tv/cosa-e-il-coronavirus/.

Ultime notizie
Cultura

Ri-costituire l’Italia. “Le parole della resilienza”: l’iniziativa di Minerva Edizioni

L’Eurispes aderisce all’iniziativa promossa dalla Minerva Edizioni “Le parole della resilienza” per rendere fruibile la creatività dei suoi Autori attraverso video che raccontano, con un concetto o una parola chiave, la loro opera.
di redazione
Economia

Coronavirus, misure anticrisi. Serve un fisco intelligente

I vari decreti che si sono succeduti in queste ultime settimane hanno introdotto molte misure di contrasto, dirette agli effetti economici derivanti...
di Giovambattista Palumbo
International

Il manuale della Cina per sconfiggere il Covid-19

La Jack Ma Foundation e la Alibaba Foundation, con il supporto del Primo Ospedale Affiliato, Zhejiang University School of Medicine (FAHZU), hanno pubblicato una guida sull'esperienza clinica su come trattare questo nuovo coronavirus.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il Covid-19 può alimentare le mafie. La Polizia istituisce una cabina di regia

Le mafie possono sfruttare la crisi scatenata dal Coronavirus per radicarsi nel settore agricolo, della logistica, della grande distribuzione, della finanza o in altri settori strategici. Il capo della Polizia, Franco Gabrielli crea un Organismo Permanente di Monitoraggio presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale.
di Marco Omizzolo
Attualità

Coronavirus, la Cina ringrazia l’Italia con un fumetto

L’agenzia stampa ufficiale del Governo cinese ha pubblicato sul proprio sito un breve fumetto per bambini in cui viene raccontata la storia di un panda malato e dell’aiuto ricevuto per sconfiggere il virus. L’Italia è rappresentata da un lupo che suona il pianoforte.
di Redazione
Economia

Covid-bonds con chi ci sta. Piano B per l’Eurozona

È arrivato il momento in cui l’Unione deve decidere se esiste o meno un “bene comune europeo”. Dalla risposta a questa domanda dipende se procedere con il progetto dei Covid-bonds.
di Carmelo Cedrone
Economia

Coronavirus, le misure anti-crisi dimenticano i consorzi ASI. Giosy Romano: “Agevolare il credito”

Consorzi industriali nelle aree di sviluppo dimenticati dalle misure anti crisi. A fare da portavoce di queste criticità è stata la Cise, Confederazione italiana per lo sviluppo economico, che ha sollecitato un intervento urgente del Governo e del Mise.
di Emilio Albertario
Ambiente

La gestione dei rifiuti in emergenza Coronavirus. Ecco come affronta la crisi Malagrotta

Il Coronavirus costringe la maggior parte della popolazione alla quarantena; tuttavia, alcuni servizi essenziali devono rimanere aperti e funzionanti a pieno regime, come la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Ne parliamo con il dottor Luigi Palumbo, amministratore giudiziario del sito di Malagrotta.
di Susanna Fara
Economia

Lucia Annunziata e i soldi per il Sud. Rendere giustizia al Mezzogiorno

In una recente puntata della trasmissione di Lucia Annunziata, Mezzora in Più, si parla dei disordini avvenuti al Sud in seguito al crescere del dramma povertà, dopo il fermo delle attività economiche per l’emergenza Covid-19. La replica e il commento.
di Marco Ascione
Attualità

I rischi digitali del Coronavirus

Attacchi informatici, revenge porn e sexual extortion: quali sono i rischi legati alla crescita del traffico in Rete? Ne parliamo con Roberto...
di redazione