Countdown per gli Stati Generali e ricetta Colao in cima alle scalette del prime time

La settimana dell’informazione dall’8 al 12 giugno è dominata dai temi economici, che occupano il 18% delle titolazioni. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza.

Alla ricetta della “Commissione Colao” per l’avvio della Fase 3, segue il dibattito in vista degli Stati Generali, oggetto di numerose controversie e distinguo, con appelli, prese di posizione e buoni approfondimenti (Tg3 ospita, venerdì, la Presidente del Senato, Elisabetta Casellati). Spazio sui Tg Mediaset ai dati sulla disoccupazione, mentre la questione Ilva risulta più seguita, martedì, da Tg3 e Tg La7; duro il commento di Mentana: «La vicenda Mittal è l’esempio classico di una situazione che peggiora».

L’inchiesta sulla “mancata zona rossa nel bergamasco”, che ha chiamato in causa anche Conte ed altri ministri, reclama tra mercoledì e venerdì 10 aperture, ma l’attenzione del prime time non va oltre il clamore iniziale. A dedicarvi maggiore interesse sono Tg4 e Tg La7. Se la testata di News Mediaset ripropone nei titoli le accuse delle opposizioni, che richiamano le responsabilità dell’Esecutivo, nei servizi emerge, paradossalmente, la valutazione opposta, con i commentatori di serata (l’economista Sapelli ed il direttore del Riformista, Sansonetti) che criticano l’operato della magistratura, sempre pronta ad “attaccare la politica”. Su questi temi, Mentana raccoglie la valutazione del sindaco di Nembro: le maggiori responsabilità non stanno nella “colpa” di una o dell’altra parte, ma nella mancata volontà di coesione tra Governo e Regioni.

I dati sul contagio, con il numero dei contagiati che scende sotto la soglia dei 30mila, trovano sempre meno spazio nelle scalette, raccogliendo comunque 8 aperture. L’attenzione si concentra sulla Lombardia, mentre i Tg Mediaset denunciano le contraddizioni dell’OMS attraverso le parole del virologo Andrea Crisanti, che paragona l’istituto ad un “baraccone”. Tg4 rilancia gli appelli della Fondazione Gimbe, che critica il ridotto uso dei tamponi in questa fase. L’inchiesta che sfiora il Presidente della Lombardia, Attilio Fontana, viene invece citata nei titoli dal solo Tg La7.

La rabbia sociale in America, che arriva a “sfogarsi contro statue e monumenti del razzismo”, intriga molto le testate del prime time, che vi dedicano riflessioni interessanti. Buono l’editoriale del Tg5 di giovedì, che considera “francamente difficile” risolvere la questione razziale imbrattando qualche statua o togliendo dagli scaffali film considerati razzisti. Della stessa opinione Paolo Mieli, che intervistato dal Tg di Mimun condanna la distruzione delle statue, da qualunque parte politica essa venga. Della stessa opinione Tg3 che, giovedì, denuncia gli atti vandalici contro la statua di Indro Montanelli (segnalati anche venerdì). I dati negativi sul consenso per Trump, che si vedrebbe superato ampiamente dal rivale repubblicano Joe Biden, sono proposti dal Tg5 in due diverse occasioni.

Il naufragio nelle prossimità delle coste tunisine costato la vita a 50 persone, tra donne e bambini, riporta, dopo mesi d’assenza, il tema dei migranti nei servizi del prime time (titolo però per solo Tg La7). Per i Tg Mediaset, la tragedia è occasione per paventare i rischi di una” nuova invasione”, con Studio Aperto che parla di 700mila in attesa di partire. Tg1 si limita a fornire i numeri degli sbarchi, mentre Tg5 segnala la ripresa degli arrivi dal confine sloveno. Nessuna testata ci informa sugli sviluppi della guerra in Libia, che vedrebbe dopo mesi la situazione ribaltata, con il rafforzamento del governo di Tripoli grazie alla presenza delle milizie turche.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang