Countdown per gli Stati Generali e ricetta Colao in cima alle scalette del prime time

La settimana dell’informazione dall’8 al 12 giugno è dominata dai temi economici, che occupano il 18% delle titolazioni. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza.

Alla ricetta della “Commissione Colao” per l’avvio della Fase 3, segue il dibattito in vista degli Stati Generali, oggetto di numerose controversie e distinguo, con appelli, prese di posizione e buoni approfondimenti (Tg3 ospita, venerdì, la Presidente del Senato, Elisabetta Casellati). Spazio sui Tg Mediaset ai dati sulla disoccupazione, mentre la questione Ilva risulta più seguita, martedì, da Tg3 e Tg La7; duro il commento di Mentana: «La vicenda Mittal è l’esempio classico di una situazione che peggiora».

L’inchiesta sulla “mancata zona rossa nel bergamasco”, che ha chiamato in causa anche Conte ed altri ministri, reclama tra mercoledì e venerdì 10 aperture, ma l’attenzione del prime time non va oltre il clamore iniziale. A dedicarvi maggiore interesse sono Tg4 e Tg La7. Se la testata di News Mediaset ripropone nei titoli le accuse delle opposizioni, che richiamano le responsabilità dell’Esecutivo, nei servizi emerge, paradossalmente, la valutazione opposta, con i commentatori di serata (l’economista Sapelli ed il direttore del Riformista, Sansonetti) che criticano l’operato della magistratura, sempre pronta ad “attaccare la politica”. Su questi temi, Mentana raccoglie la valutazione del sindaco di Nembro: le maggiori responsabilità non stanno nella “colpa” di una o dell’altra parte, ma nella mancata volontà di coesione tra Governo e Regioni.

I dati sul contagio, con il numero dei contagiati che scende sotto la soglia dei 30mila, trovano sempre meno spazio nelle scalette, raccogliendo comunque 8 aperture. L’attenzione si concentra sulla Lombardia, mentre i Tg Mediaset denunciano le contraddizioni dell’OMS attraverso le parole del virologo Andrea Crisanti, che paragona l’istituto ad un “baraccone”. Tg4 rilancia gli appelli della Fondazione Gimbe, che critica il ridotto uso dei tamponi in questa fase. L’inchiesta che sfiora il Presidente della Lombardia, Attilio Fontana, viene invece citata nei titoli dal solo Tg La7.

La rabbia sociale in America, che arriva a “sfogarsi contro statue e monumenti del razzismo”, intriga molto le testate del prime time, che vi dedicano riflessioni interessanti. Buono l’editoriale del Tg5 di giovedì, che considera “francamente difficile” risolvere la questione razziale imbrattando qualche statua o togliendo dagli scaffali film considerati razzisti. Della stessa opinione Paolo Mieli, che intervistato dal Tg di Mimun condanna la distruzione delle statue, da qualunque parte politica essa venga. Della stessa opinione Tg3 che, giovedì, denuncia gli atti vandalici contro la statua di Indro Montanelli (segnalati anche venerdì). I dati negativi sul consenso per Trump, che si vedrebbe superato ampiamente dal rivale repubblicano Joe Biden, sono proposti dal Tg5 in due diverse occasioni.

Il naufragio nelle prossimità delle coste tunisine costato la vita a 50 persone, tra donne e bambini, riporta, dopo mesi d’assenza, il tema dei migranti nei servizi del prime time (titolo però per solo Tg La7). Per i Tg Mediaset, la tragedia è occasione per paventare i rischi di una” nuova invasione”, con Studio Aperto che parla di 700mila in attesa di partire. Tg1 si limita a fornire i numeri degli sbarchi, mentre Tg5 segnala la ripresa degli arrivi dal confine sloveno. Nessuna testata ci informa sugli sviluppi della guerra in Libia, che vedrebbe dopo mesi la situazione ribaltata, con il rafforzamento del governo di Tripoli grazie alla presenza delle milizie turche.

Ultime notizie
Futuro

Fake news, molestie, furto di dati: la percezione del rischio su scala mondiale

Tracciare un profilo unico della percezione del rischio dei cittadini e delle imprese a livello mondiale. Questo è quello che hanno tentato di fare uno studio condotto dalla Lloyd’s Register Foundation e il Report Regional Risks for Doing Business del World Economic Forum.
di Roberta Rega
Immigrazione

Dossier Statistico Immigrazione 2020, minori stranieri in Italia: i senza patria

Anticipiamo, alcuni dati e rilievi proposti nel Dossier Statistico Immigrazione 2020, redatto dal Centro Studi e Ricerche Idos, in collaborazione con il Centro Studi Confronti, alla cui presentazione prenderà parte il sociologo dell’Eurispes, Marco Omizzolo.
di redazione
Crescita

PMI italiane e pandemia: un viaggio dal presente al futuro

il contesto della ricerca italiana conferma la sua attualità, grazie alla tradizionale “vivacità” delle micro e piccole imprese, che, più di altre, si confrontano (e si scontrano) con le particolari esigenze di innovazione dettate dalla trasformazione digitale e da un bisogno sempre crescente di flessibilità e resilienza.
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella*
International

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future   Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella Sapienza, Università di Roma European Network...
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella 
Futuro

Le App: una finestra sulla nostra vita digitale

Se nel 2008 il mercato delle app era praticamente inesistente, negli otto anni successivi esso arriva a valere 1.300 miliardi di dollari, indotto compreso, e nel 2021 l’economia che ruota intorno alle App potrebbe diventare la terza a livello mondiale, con una crescita del 385% rispetto al 2016.
di redazione
Economia

Sugar tax, Italia ancora lontana dall’obiettivo

La Sugar Tax, approvata in Italia con la Legge di Bilancio 2020, sarebbe dovuta partire proprio da ottobre 2020, ma il Governo sembra ora orientato ad un ulteriore slittamento a luglio 2021
di redazione
Cultura

Una ridda di sigle per la scuola italiana

C’è la ddi, la dad, la dip, e se le si conta per bene, le sigle che caratterizzano oggi il mondo della scuola possono costituire tutte insieme l’indice di un corposo dizionario burocratico: se ne contano addirittura più di 500.
di Giuseppe Pulina
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

L'indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, ha monitorato, per la volta in Italia, i provvedimenti in materia di mandato di arresto europeo ed estradizione.
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

Il fenomeno mafioso è antico ma va stadiato a scadenze regolari allo stesso modo delle malattie nel campo medico. Gli intervalli sono quelli dettati dalla geopolitica che la storia ci presenta, i cambiamenti geopolitici mondiali comportano come conseguenza l’adeguamento di strutture e organizzazioni preesistenti ai nuovi paradigmi.
di Pasquale Preziosa*