Claudio Martelli: “Il socialismo non è morto e può essere l’argine al razzismo e al populismo”

Chi pensa che il socialismo sia morto dovrà ricredersi. Governa in molti paesi europei ed emergono segnali di nuovo interesse persino negli Stati Uniti, come unico argine al razzismo e al populismo. È un Claudio Martelli a tutto campo quello intervistato da Emilio Albertario per il magazine online dell’Eurispes, presieduto da Gian Maria Fara. Martelli parla di Craxi, dei suoi governi, della attuale assoluta mancanza di leadership dell’Italia in politica estera; affronta anche il tema del carcere duro per i mafiosi che rischia di essere smantellato e parla del futuro governo del Paese con le posizioni di Pd, 5 Stelle e del ruolo di mediatore che si sta ritagliando Silvio Berlusconi.

On. Martelli, aver riportato Avanti in edicola è un atto d’amore o la ricerca di conquistare uno spazio politico?

Sicuramente è un atto d’amore e anche un senso del dovere. Mi sembrava assurdo che una storia così gloriosa, e anche dolorosa, ma ricca di risultati straordinari come la conquista della Repubblica e fino a tutta la tematica dei diritti dei lavoratori finisse nella dimenticanza, finisse nel nulla nel quale praticamente è finita la Prima Repubblica. Appena si è presentata l’occasione, con la digitalizzazione della collezione storica dell’Avanti presso la biblioteca del Senato, ho pensato che non dovessimo avere cura soltanto del passato dell’Avanti, ma anche occuparci del futuro di una testata storica, per quanto riguarda l’aspetto simbolico ma anche quello concreto. Oggi, la politica è essenzialmente comunicazione, come lo era ai tempi degli oratori greci ma anche romani, fino ai primi dell’Ottocento; la democrazia ha sempre vissuto di comunicazione, quanto più diffusa possibile. E qualcosa abbiamo tentato di fare anche noi agli inizi degli anni Ottanta. Credo sia stato un giornale, un partito all’avanguardia in questa materia. L’Avanti di oggi non può identificarsi con un frammento della storia socialista. Noi guardiamo a tutti i socialisti. Osservo che non esistono più le sigle dei vecchi partiti, oppure, se esistono, esistono come reliquie di un passato. Noi pensiamo di parlare al socialismo contemporaneo, ma anche a quello del futuro, osservando che è balzana l’idea di alcuni intellettuali che, essendo stati per tutta la vita magari comunisti, ritengono che anche il socialismo, il socialismo democratico sia finito, come se ci fosse qualcosa da festeggiare da questo annuncio, soprattutto come se l’annuncio fosse vero. Io vedo, al contrario, segni evidenti della rinascita, sostenuti dalla realtà dei fatti. I socialisti guidano il governo in Spagna, Portogallo; un “simil-socialismo” governa anche la Grecia. Poi, in Danimarca, in Svezia, in Finlandia e in altri Stati, i socialisti sono partner di governo come nella socialdemocrazia in Germania. Ma, soprattutto, colpisce che il socialismo rinasca negli Stati Uniti, dove è stato estirpato con la violenza agli inizi del Novecento. Eppure, la successione delle due crisi, quella finanziaria e quella pandemica, segnalano anche nella nazione capitalista più potente del mondo la necessità di tenere insieme la coesione sociale in tempo di crisi, respingendo o contenendo l’attacco populista e nazionalista, riposa in buona parte sull’esistenza dei socialisti, e non dei comunisti. Lo sono in tanti paesi europei, lo sono negli Stati Uniti tanto dovrebbe bastare per scongiurare i cattivi presagi. Tutto dipende, però, dalla capacità degli uomini e della politica che devono saper cogliere le necessità. L’Eurispes è stato per me una scuola con l’Osservatorio sulle migrazioni, per applicare a una scienza contemporanea come la sociologia fondata sui sondaggi, analisi approfondite delle tendenze profonde della socialità per mettere alla prova convinzioni e princìpi ai quali mi sono sempre dedicato.

Il primo titolo di Avanti, il 2 giugno scorso, in occasione della festa della Repubblica è stato: “Grazie a Nenni”. Lei recentemente ha scritto un libro su Craxi, a vent’anni dalla morte. Un grazie lo dobbiamo anche a Craxi?

Penso proprio di sì per quello che ha fatto negli anni Ottanta e per le idee che ci lascia in eredità. Quel che ha fatto è abbastanza noto: il suo è stato il Governo più duraturo e più foriero di risultati per il nostro Paese. Se penso che al termine dei quattro anni del Governo Craxi l’Italia cresceva al ritmo del 4 e mezzo per cento c’è da sognare a occhi aperti. Magari fosse questa, non dico la realtà, ma solo la possibilità dell’Italia di oggi. Il Paese aveva un grande prestigio internazionale ed esercitava un ruolo importante nello scacchiere e soprattutto nel Mediterraneo, dove siamo stati scalzati da 15 anni di incuria e di incapacità politica. Basti considerare la vicenda libica e come ci siamo fatti scalzare dal nostro ruolo di moderatori, regolatori e grandi agenti della pace, dalla Turchia. Sino a questa vicenda, per me incredibile, di vendita di armi all’Egitto, nel momento in cui dovevamo esercitare la massima pressione per ottenere la verità su Regeni. Sono tutti segnali di una inconsistenza della politica estera. Ricordo nel 1980, Craxi prima di diventare Presidente del Consiglio, in un discorso al Parlamento per la fiducia al Governo Cossiga, osservò come, per tanti aspetti, si aveva la sensazione di uno scarso senso dello Stato, una assenza della coscienza nazionale, e anche di atteggiamenti servili nei confronti del potente alleato americano. Certo, di questo errore non si è macchiato lui; pur essendo un uomo dell’Occidente fermissimo nella difesa del mondo libero rispetto alle minacce sovietiche, non dimenticò mai di essere un socialista da politico e da uomo delle Istituzioni.

Dopo la strage di Capaci, il Governo in cui lei era Ministro della Giustizia, varò, non senza difficoltà, il carcere duro per i mafiosi. A 28 anni dal sacrificio di Falcone e Borsellino questa legge rischia di essere in pericolo?

Più che in pericolo, mi sembra che rischi di essere attenuata nel tempo. Io penso che il carcere che si chiama “duro”, ovvero l’isolamento dei detenuti più pericolosi, mi sembra una misura persino ovvia. Non si può consentire che i boss della mafia o della ’ndrangheta o della camorra, spadroneggino in carcere, intimidendo altri detenuti e le guardie carcerarie. Non possono essere messi in condizione di continuare a comandare dall’interno del carcere. È questo lo scopo del 41-bis. Non è una misura afflittiva, o di violenza sulle persone o punitiva. No, è una misura preventiva per evitare che continuino a delinquere dall’interno del carcere. Per approvare il 41-bis ci furono molte resistenze. Addirittura i gruppi parlamentari riuniti della Democrazia Cristiana, votarono contro il decreto dell’8 giugno, il “decreto Falcone”, che conteneva, oltre al 41-bis, altre misure di rigore per la repressione antimafia. In realtà, senza l’assassinio di Borsellino non so se sarebbe mai passato in Parlamento, devo dirlo con franchezza, perché la condizione politica, l’opposizione anche del Partito Comunista era assolutamente contraria. Fino all’ultimo ci fu il tentativo di rinviare ai primi di agosto con la richiesta del gruppo comunista al Senato, di rinviare la votazione, con supplementi di indagine, per una misura che veniva ritenuta ai limiti della Costituzione.

On. Martelli, per il futuro dell’Italia vede un quadro di unità nazionale o una grande coalizione che abbia al centro i temi dell’economia e della giustizia?

È difficile a dirsi. Vedo scarsissima volontà da parte dei partiti che oggi governano, cioè Pd e 5 Stelle, di abbandonare la guida del Governo, per far largo ad altre forze. E vedo le opposizioni, a loro volta, prigioniere, in particolare alcuni partiti, di un populismo gridato, una gabbia dalla quale è difficile possano influenzare davvero la cultura del nostro Paese. Per quanto riguarda Pd e 5 Stelle si comprende benissimo perché resistano non solo per brama di potere, ma per una maggiore compatibilità più di quanta ce ne sia con altri soggetti, penso in particolare alla Lega e a Fratelli d’Italia. Diverso è il rapporto con Forza Italia, come si vede anche nelle vicende attuali sulle misure per rilanciare il Paese. Mi pare che la disponibilità di Forza Italia e, in generale, la posizione di Berlusconi risalti, in questa fase, per essere il leader più ispirato da equilibrio e saggezza.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento