Da debito a fondi di sviluppo. La proposta italiana “Release G20” per una nuova cooperazione

release g20

“Release G20”, un’importante proposta italiana per qualificare la cooperazione internazionale e sostenere i paesi più fragili nei piani di ripresa dalla crisi pandemica e di promozione di investimenti sostenibili, è stata presentata lo scorso 23 giugno 2021 in occasione di un webinar  organizzato da “Link2007”, l’associazione di coordinamento delle più importanti e storiche Organizzazioni Non Governative (ONG) del nostro paese in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI).

Release G20, una proposta italiana per sostenere i paesi più fragili

«Nei prossimi tre anni – ha spiegato il presidente di “Link2007”, l’amb. Roberto Ridolf – il debito pubblico dei Paesi africani supererà i 950 milioni di dollari; per questo proponiamo Release G20, che si fonda sulla ristrutturazione e quindi la riconversione di parte di questo debito in investimenti in valuta locale finalizzati agli Obiettivi di sviluppo sostenibile. E noi ci auguriamo che questa parte sia la più grande possibile».

La sfida di cancellare il debito nel quadro della presidenza italiana del G20

La proposta, che è stata consegnata alla valutazione del G20 a presidenza italiana, prevede un cambio di paradigma per la cooperazione internazionale fondamentale per ridurre l’impatto socio-economico del debito in particolare per i paesi africani a basso reddito. Nell’esprimere il proprio sostegno all’iniziativa il vice ministro Marina Sereni, che ha presieduto la conferenza, ha spiegato che «l’Italia ha un progetto ambizioso, con un focus particolare sui paesi africani»: per questo il nostro paese coglie «la sfida di cancellare il debito nel quadro della presidenza italiana del G20» e di «ristrutturare gli investimenti in modo da poter sostenere la ripresa dopo che la pandemia ha esacerbato tante crisi già in atto. Ridurre il debito dei paesi più poveri è una sfida cui l’Italia non si sottrae, soprattutto ora che, con la crisi di Covid-19, diventa sempre più difficile, in particolare in Africa, perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’ONU». L’on. Marina Sereni ha quindi ricordato che il G20 a presidenza italiana ha prorogato la sospensione temporanea dei pagamenti del debito fino al 31 dicembre 2021 «con l’obiettivo di evitare un ulteriore aumento dei costi umani, economici e sociali della pandemia» e che «i ministri delle finanze del G20 stanno lavorando a strategie di finanziamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, accogliendo così le proposte che emergono, come nel caso di quest’incontro, dalle organizzazioni della società civile».

Il G20 a presidenza italiana ha prorogato la sospensione del debito a fine 2021

Anche il consigliere diplomatico Luigi Mattiolo, Sherpa G20 del presidente del consiglio italiano, ha tenuto a confermare nell’occasione che l’obiettivo dell’alleggerimento del debito è oggetto di particolare attenzione anche da parte della Presidenza del consiglio dei ministri.

Un particolare riconoscimento di alto valore e prestigio all’iniziativa promossa da “Link 2007” è stato espresso in particolare dai rappresentanti degli stati africani, tra i quali Ibrahim Assane Mayaki, responsabile di “NEPAD”, l’agenzia per lo sviluppo dell’Unione Africana secondo il quale: «la ristrutturazione del debito può aiutare l’Africa a andare avanti a perseguire l’Agenda degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite in tutti i settori chiave. Il continente perde circa 90 miliardi all’anno a causa di flussi finanziari illeciti. Per questo Release G20 è fondamentale: oggi più che mai gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono importanti da raggiungere».

Release G20 propone una conversione flessibile del debito sovrano

Nello specifico, “Release G20” propone una conversione flessibile, totale o parziale, del debito sovrano, da parte di uno stato africano debitore in un Fondo di contropartita in valuta locale, finalizzato a promuovere iniziative collegate al perseguimento degli obiettivi della sostenibilità. Tale proposta garantirebbe un alleggerimento del peso del debito per gli stati in questione e nello stesso tempo favorirebbe il progresso delle comunità tramite l’avvio di investimenti resilienti sul medio-lungo termine. Il Fondo sarebbe gestito dal governo del singolo stato, il quale, in assenza di pressioni fiscali dovute al debito, potrebbe vedere rafforzata la propria ownership in favore della realizzazione immediata di progetti inerenti agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Al fine di garantire il rispetto dei principi di trasparenza, efficacia e accountability “Release G20” propone di promuovere, in parallelo, l’utilizzo di efficaci meccanismi di monitoraggio, la  definizione delle modalità di esercizio della supervisione da parte del ministero delle finanze dello stato interessato, il coinvolgimento degli altri ministeri competenti e delle organizzazioni della società civile. Questo insieme di strumenti e procedure è proposta allo scopo di rafforzare le capacità amministrative e operative degli stati africani nell’ utilizzo dei Fondi costituiti in base alla conversione del debito.

Release G20, una visione comune orientata ai princìpi di equità e sostenibilità

Secondo “Release G20” , la trasformazione del debito sovrano in investimenti per la ripresa socialmente sostenibile post Covid-19 sarebbe auspicabile non solo in una prospettiva politica di rafforzamento della collaborazione tra gli stati ma consentirebbe anche di qualificare la cooperazione internazionale con l’avvio di una effettiva programmazione di nuovi investimenti orientati dai principi della equità e della sostenibilità. Ciò richiederà, secondo il presidente del gruppo di lavoro “Sviluppo” della presidenza italiana del G20, Marco Ricci, la volontà operare secondo “una visione comune” ma anche la capacità di promuovere una  revisione degli attuali piani di sviluppo sostenibile da parte dei paesi prestatori.

*Eurispes, Dipartimento Internazionale – Università LUMSA

Leggi anche

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario