Da debito a fondi di sviluppo. La proposta italiana “Release G20” per una nuova cooperazione

release g20

“Release G20”, un’importante proposta italiana per qualificare la cooperazione internazionale e sostenere i paesi più fragili nei piani di ripresa dalla crisi pandemica e di promozione di investimenti sostenibili, è stata presentata lo scorso 23 giugno 2021 in occasione di un webinar  organizzato da “Link2007”, l’associazione di coordinamento delle più importanti e storiche Organizzazioni Non Governative (ONG) del nostro paese in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI).

Release G20, una proposta italiana per sostenere i paesi più fragili

«Nei prossimi tre anni – ha spiegato il presidente di “Link2007”, l’amb. Roberto Ridolf – il debito pubblico dei Paesi africani supererà i 950 milioni di dollari; per questo proponiamo Release G20, che si fonda sulla ristrutturazione e quindi la riconversione di parte di questo debito in investimenti in valuta locale finalizzati agli Obiettivi di sviluppo sostenibile. E noi ci auguriamo che questa parte sia la più grande possibile».

La sfida di cancellare il debito nel quadro della presidenza italiana del G20

La proposta, che è stata consegnata alla valutazione del G20 a presidenza italiana, prevede un cambio di paradigma per la cooperazione internazionale fondamentale per ridurre l’impatto socio-economico del debito in particolare per i paesi africani a basso reddito. Nell’esprimere il proprio sostegno all’iniziativa il vice ministro Marina Sereni, che ha presieduto la conferenza, ha spiegato che «l’Italia ha un progetto ambizioso, con un focus particolare sui paesi africani»: per questo il nostro paese coglie «la sfida di cancellare il debito nel quadro della presidenza italiana del G20» e di «ristrutturare gli investimenti in modo da poter sostenere la ripresa dopo che la pandemia ha esacerbato tante crisi già in atto. Ridurre il debito dei paesi più poveri è una sfida cui l’Italia non si sottrae, soprattutto ora che, con la crisi di Covid-19, diventa sempre più difficile, in particolare in Africa, perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’ONU». L’on. Marina Sereni ha quindi ricordato che il G20 a presidenza italiana ha prorogato la sospensione temporanea dei pagamenti del debito fino al 31 dicembre 2021 «con l’obiettivo di evitare un ulteriore aumento dei costi umani, economici e sociali della pandemia» e che «i ministri delle finanze del G20 stanno lavorando a strategie di finanziamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, accogliendo così le proposte che emergono, come nel caso di quest’incontro, dalle organizzazioni della società civile».

Il G20 a presidenza italiana ha prorogato la sospensione del debito a fine 2021

Anche il consigliere diplomatico Luigi Mattiolo, Sherpa G20 del presidente del consiglio italiano, ha tenuto a confermare nell’occasione che l’obiettivo dell’alleggerimento del debito è oggetto di particolare attenzione anche da parte della Presidenza del consiglio dei ministri.

Un particolare riconoscimento di alto valore e prestigio all’iniziativa promossa da “Link 2007” è stato espresso in particolare dai rappresentanti degli stati africani, tra i quali Ibrahim Assane Mayaki, responsabile di “NEPAD”, l’agenzia per lo sviluppo dell’Unione Africana secondo il quale: «la ristrutturazione del debito può aiutare l’Africa a andare avanti a perseguire l’Agenda degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite in tutti i settori chiave. Il continente perde circa 90 miliardi all’anno a causa di flussi finanziari illeciti. Per questo Release G20 è fondamentale: oggi più che mai gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono importanti da raggiungere».

Release G20 propone una conversione flessibile del debito sovrano

Nello specifico, “Release G20” propone una conversione flessibile, totale o parziale, del debito sovrano, da parte di uno stato africano debitore in un Fondo di contropartita in valuta locale, finalizzato a promuovere iniziative collegate al perseguimento degli obiettivi della sostenibilità. Tale proposta garantirebbe un alleggerimento del peso del debito per gli stati in questione e nello stesso tempo favorirebbe il progresso delle comunità tramite l’avvio di investimenti resilienti sul medio-lungo termine. Il Fondo sarebbe gestito dal governo del singolo stato, il quale, in assenza di pressioni fiscali dovute al debito, potrebbe vedere rafforzata la propria ownership in favore della realizzazione immediata di progetti inerenti agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Al fine di garantire il rispetto dei principi di trasparenza, efficacia e accountability “Release G20” propone di promuovere, in parallelo, l’utilizzo di efficaci meccanismi di monitoraggio, la  definizione delle modalità di esercizio della supervisione da parte del ministero delle finanze dello stato interessato, il coinvolgimento degli altri ministeri competenti e delle organizzazioni della società civile. Questo insieme di strumenti e procedure è proposta allo scopo di rafforzare le capacità amministrative e operative degli stati africani nell’ utilizzo dei Fondi costituiti in base alla conversione del debito.

Release G20, una visione comune orientata ai princìpi di equità e sostenibilità

Secondo “Release G20” , la trasformazione del debito sovrano in investimenti per la ripresa socialmente sostenibile post Covid-19 sarebbe auspicabile non solo in una prospettiva politica di rafforzamento della collaborazione tra gli stati ma consentirebbe anche di qualificare la cooperazione internazionale con l’avvio di una effettiva programmazione di nuovi investimenti orientati dai principi della equità e della sostenibilità. Ciò richiederà, secondo il presidente del gruppo di lavoro “Sviluppo” della presidenza italiana del G20, Marco Ricci, la volontà operare secondo “una visione comune” ma anche la capacità di promuovere una  revisione degli attuali piani di sviluppo sostenibile da parte dei paesi prestatori.

*Eurispes, Dipartimento Internazionale – Università LUMSA

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento