Nei Tg va in onda la frattura nei 5 Stelle. Covid, prima settimana senza ordinanze.

tg 5 stelle

I Tg da 20 giugno al 2 luglio – Come non accadeva da mesi, la politica interna monopolizza le prime pagine del primetime, con ben 21 aperture dedicate alla gravissima crisi che dilania il Movimento 5 Stelle. Con l’Italia che resta in bianco e il numero dei contagiati totali che scende ai livelli dello scorso settembre, diverse testate si lasciano assorbire dall’agone politico, denotando un atteggiamento attendista e non spendendosi in particolari pronostici. A mostrarsi più coinvolti – da posizioni opposte – sono, ancora una volta, Tg4 e Tg La7, che martedì si servono nei titoli alla stessa espressione (il “Vaffa di Grillo a Conte”) per descrivere la risposta del garante alla conferenza del leader dei 5 stelle da lui stesso designato. Su l’altro versante politico, il probabile naufragio del progetto del partito unico del centrodestra voluto da Berlusconi, visto l’accordo stretto da Salvini e Meloni con i sovranisti europei, resta sottotraccia per le testate Mediaset, mentre viene segnalato da Tg3 e Tg La7.

I Tg riprendono la frattura nei 5 Stelle. Covid, si “celebra” la prima settimana senza ordinanze.

Fuori dallo scontro politico, le aperture rimanenti si dividono tra il Covid e gli Europei, con il match Italia-Belgio che colleziona 6 prime titolazioni. Spazio, venerdì, al calo dei contagi, anche se stavolta la “notizia” consiste proprio nel fatto che la situazione è stabile, e non richiede ulteriori ordinanze da parte del Ministro Speranza. A distrarre l’informazione dalla frattura nei 5 Stelle sono inoltre, giovedì, gli annunci del Premier Draghi (in apertura per i Tg Rai e Tg4), che prospettano una crescita per fine anno oltre le previsioni, pur ribadendo le necessarie cautele per la rapida diffusione della variante delta.

Pestaggi in carcere, anche per i Tg di Mediaset fu “un vero massacro”

Per la cronaca, sono state oggetto di un interesse crescente (18 titoli in totale) le violenze condotte sui detenuti lo scorso anno nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, e che hanno portato a misure cautelari per 52 agenti di polizia penitenziaria. Rilanciate da tutti le riprese di questi gravi fatti. Molto forte, poi, la testimonianza offerta giovedì su News Mediaset da parte di ex detenuto disabile, vittima anche lui di una violenza insensata che, come sta emergendo, si sarebbe tentato di insabbiare. Grande interesse anche per i fatti di cronaca criminale, con 15 titoli dedicati all’omicidio della giovane sedicenne uccisa nel bolognese ad opera di un suo coetaneo. Attenzione per il Tg5 di venerdì alle evoluzioni sul caso di Saman, con l’intervista al fidanzato della giovane, mentre ancora continuano le ricerche.

Diffusa attenzione dei Tg all’omicidio di Chiara Gualzetti

La morte di numerosi migranti, tra cui 8 donne, nel canale di Sicilia, avvenuta durante il trasbordo da un barcone, per due giorni riporta in scaletta il tema sbarchi, con titoli per i Tg Rai e Mediaset.

Covid, preoccupano Regno Unito e Russia

Assai limitata in settimana l’attenzione agli esteri, per lo più declinata nella logica del campionato europeo. Preoccupazione per il picco di contagi in Regno Unito e Russia, dove avanza la variante delta. A 100 anni dalla costituzione in Cina del partito Comunista, Pierluigi Battista commenta le manifestazioni di Pechino in un forte editoriale in cui, criticando le dichiarazioni aggressive del leader Xi Jinping, lo invita  a “raccontare la verità” sia sulla diffusione del virus che sull’oppressione della minoranza degli uiguri.

Leggi anche

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali