Center-news

Esports e Olimpiadi. Nasce il Comitato Promotore e-Sport Italia

132

L’Osservatorio su Giochi, Legalità e Patologie dell’Eurispes, prendendo spunto dalla scheda dal titolo: Gli eSports verso le Olimpiadi, pubblicata sul Rapporto Italia 2020, evidenzia che le direttive del Comitato Olimpico Internazionale sono quelle di verificare, in prima istanza, la possibilità di “istituzionalizzare” i videogiochi che simulano gli sport “tradizionali” e che ne ricalcano i valori e principi della Carta Olimpica. A tal fine, su impulso del Coni, si è costituito il Comitato Promotore E-Sports Italia, che ha lo scopo di analizzare la situazione attuale nel nostro Paese, con l’obiettivo di individuare le modalità possibili per la costituzione di una Federazione Sportiva riconosciuta, e condividere poi queste informazioni in seno al CONI stesso.

Allo stato, dunque, le istituzioni sportive si stanno interessando concretamente ai videogiochi che riproducono, in forma elettronica, gli sport tradizionali come calcio, tennis, vela, ciclismo, automobilismo, ecc.; prendendo, invece, le distanze da tutti quei titoli videoludici che possono indurre alla violenza o, semplicemente, che non sono in linea con i valori olimpici.

Tracciata questa strada non è difficile immaginare che, in un prossimo futuro, il fenomeno eSports si potrebbe dividere in due macroaree: da una parte gli E-Sports, laddove il trattino che separa la “E” serve proprio a indicare la versione Elettronica degli Sport, e, dall’altra, tutti i videogiochi “non sportivi”. Con la conseguenza che si avranno dei videogiocatori E-Sportivi che beneficeranno di tutte le tutele e le garanzie proprie del mondo sportivo e che, in ipotesi, potranno partecipare alle Olimpiadi e diventare così dei campioni olimpici; mentre i campioni degli altri videogiochi dovranno cercare altre forme di “istituzionalizzazione”, al di fuori del mondo sportivo tradizionale.

Ultime notizie
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara