Europa “sotto il tappeto”. Berlusconi “argine al sovranismo”, almeno in tv

Europee sempre nell’ombra anche negli ultimi giorni di campagna elettorale, a parte qualche raro approfondimento “fuori tempo massimo”; l’Istat snocciola i nuovi dati deludenti sull’economia ma la “lettura” varia a seconda della testata; il ricordo della strage di Capaci segna la giornata di giovedì; la vicenda della 19enne che uccide il padre per difendere la madre conquista le pagine di cronaca. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 20 al 24 maggio.

Fino alla vigilia del voto, la campagna per le Europee risulta annichilita dalle forti tensioni interne ai partiti della maggioranza, che con gli scontri e i “placcaggi” dell’ultimo Consiglio dei Ministri preelettorale, tra lunedì e martedì, si prendono ben 12 aperture. La quadra che non si trova sui decreti per le famiglie e sicurezza bis domina anche mercoledì, con le aperture che ripropongono le consuete posizioni: “nuovi scontri” e “contrasti” per i Tg Mediaset, mentre Tg1 e Tg2 rilanciano un Premier Conte icona del “Governo unito”.
A riportare, almeno in parte, la discussione sui temi dell’Europa ci pensano le dichiarazioni delle opposizioni, riproposte questa settimana in 16 titoli. Assai presente nei servizi la “strana coppia” Berlusconi–Zingaretti, unita nell’equazione “voto Lega = voto Cinque Stelle”. Il Leader di Forza Italia, con ben 21 presenze (12 sui Mediaset) e due lunghe interviste ampiamente riprese, rilancia la sua lettura dei problemi del Paese, destinati tutti a trovare soluzioni con il ritorno al Governo della “sua maggioranza”, capace di contare in Europa e contenere le forze sovraniste.
Ma, intanto, in Europa già si vota, con le urne in Olanda e Regno Unito che giovedì si prendono 4 titoli; Tg La7 si dimostra la testata più attenta, con Mentana che commenta gli exit poll del voto olandese sfavorevoli ai sovranisti. Dopo lunga attesa, anche Tg1 “entra” nella partita delle Europee, con la proposta di alcuni approfondimenti quasi “fuori tempo massimo”, data l’assenza di attenzione nelle settimane precedenti. Diverso l’atteggiamento delle altre testate del Servizio Pubblico. Nelle ultime giornate emerge chiaramente la linea editoriale del Tg di Sangiuliano che, parlando di Svezia e Grecia, offre l’immagine di nazioni che hanno pagato duramente l’appartenenza all’Unione, la prima per i problemi dovuti all’accoglienza e alla mancata integrazione dei profughi, la seconda per la perdita di sovranità economica: il tutto riecheggiando le posizioni di Salvini e delle altre forze populiste. Benché portatore di posizioni nettamente europeiste, il Tg3 invece risulta più equilibrato, proponendo diversi approfondimenti sugli altri paesi dell’Unione.

Immigrazione e sicurezza: attenzione ad intermittenza. Riace “riabilitata” nel silenzio
I temi della sicurezza e della immigrazione, al centro discusso “decreto bis”, sono quasi assenti dai servizi. L’annullamento da parte del Tar dell’esclusione del Comune di Riace dalla rete degli Sprar, imposta dal Viminale, è nei titoli martedì per Tg3, ma figura appena nei servizi dei Tg delle 20, con Tg2 che se la sbriga con pochi secondi da studio. Giovedì, le denunce delle nave Ong alla Marina italiana figurano nei servizi dei Tg Rai e delle 20, con Tg3 e Tg2 che vi dedicano titoli e buone coperture. Se si esclude il Tg diretto da Giuseppina Paterniti, la questione dei migranti continua ad esistere solo quando attenzionata dalla politica. Sintomatiche le coperture che hanno avuto gli arresti a Napoli di un gruppo che produceva permessi di soggiorno falsi, con Tg2 che enfatizza i pericoli per la sicurezza ed i rischi di infiltrazione terroristica, mentre Tg3 denuncia il contesto di ritardi burocratici che favoriscono queste condotte fraudolente.

Istat: crescita deludente. Tg Rai e Mediaset: il bicchiere dell’economia “mezzo pieno” e “mezzo vuoto”
Una marcata differenza tra Tg Rai e Mediaset è riscontrabile nella valutazione dei dati dell’economia. Se la crescita stimata dall’Istat resta deludente, tra mercoledì e giovedì permette ai Tg Rai di valorizzare il +0,3 e i movimenti sui diversi indici dell’occupazione. Al contrario, i Tg Mediaset riprendono con forza le critiche e le esortazioni di Confindustria, e Tg5 giovedì segnala allarmato l’aumento della cassa integrazione.

Brexit: il “saluto” del Tg5 alla premier May dimissionaria
L’Inghilterra della Brexit, che dopo tre anni dal referendum per lasciare l’Unione è costretta comunque al voto per le europee, riceve molta attenzione nel corso della settimana, con l’annuncio delle dimissioni della Premier Theresa May che, venerdì, compare nei titoli per tutti. Molto duro Tg5, che nella sua copertina illustra, con tono canzonatorio, l’ascesa e poi la caduta della seconda premier donna della storia inglese, osservando come la sua uscita di scena, dopo tanti fallimenti, non sarà rimpianta dalla maggioranza degli elettori.

Capaci, 27 anni di lotta. L’Italia non dimentica i suoi eroi
Il ricordo della strage di Capaci segna la giornata di giovedì, reclamando le aperture dei Tg Rai e Studio Aperto. Una giornata non esente da tensioni, come segnala Mentana fin dai titoli spiegando che il Sindaco di Palermo Orlando ha disertato la cerimonia nell’aula bunker per contrasti con Salvini. Molte e varie le coperture delle manifestazioni per ricordare Falcone e Borsellino. Buono l’approfondimento del Tg2 che mercoledì fotografa in due servizi la condizione attuale di Cosa Nostra e il radicamento del sentimento d’antimafia nei giovani palermitani.

Caso Debora, Tg Mediaset schierati. Minori e violenze: un’attenzione ancora “estemporanea”
Assai ricca la pagina della cronaca in settimana. 7 titoli e numerosi servizi vanno alla tragica vicenda di Monterotondo, dove la 19enne Debora ha ferito a morte il padre per difendere sua madre dalle percosse. Tg5 si schiera apertamente dalla parte della giovane e le reti Mediaset minori propongono, venerdì, un’intervista alla madre, che per 20 anni avrebbe sopportato gli abusi del compagno.

Diversi titoli sono inoltre andati ai casi gravi di violenze ed abusi su minori, che hanno causato due giovanissime vittime. Nell’affrontare queste vicende, Studio Aperto e Tg3 si ricollegano ad altri casi recenti; gli abusi sui minori sono presenti diffusamente in alcuni contesti sociali e secondo Terres Des Hommes nell’ultimo decennio si è registrato un loro marcato aumento. Si lamenta l’assenza di un’attenzione non occasionale al problema, a differenza di ciò che è accaduto negli ultimi anni per i femminicidi.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra