Europa “sotto il tappeto”. Berlusconi “argine al sovranismo”, almeno in tv

Europee sempre nell’ombra anche negli ultimi giorni di campagna elettorale, a parte qualche raro approfondimento “fuori tempo massimo”; l’Istat snocciola i nuovi dati deludenti sull’economia ma la “lettura” varia a seconda della testata; il ricordo della strage di Capaci segna la giornata di giovedì; la vicenda della 19enne che uccide il padre per difendere la madre conquista le pagine di cronaca. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 20 al 24 maggio.

Fino alla vigilia del voto, la campagna per le Europee risulta annichilita dalle forti tensioni interne ai partiti della maggioranza, che con gli scontri e i “placcaggi” dell’ultimo Consiglio dei Ministri preelettorale, tra lunedì e martedì, si prendono ben 12 aperture. La quadra che non si trova sui decreti per le famiglie e sicurezza bis domina anche mercoledì, con le aperture che ripropongono le consuete posizioni: “nuovi scontri” e “contrasti” per i Tg Mediaset, mentre Tg1 e Tg2 rilanciano un Premier Conte icona del “Governo unito”.
A riportare, almeno in parte, la discussione sui temi dell’Europa ci pensano le dichiarazioni delle opposizioni, riproposte questa settimana in 16 titoli. Assai presente nei servizi la “strana coppia” Berlusconi–Zingaretti, unita nell’equazione “voto Lega = voto Cinque Stelle”. Il Leader di Forza Italia, con ben 21 presenze (12 sui Mediaset) e due lunghe interviste ampiamente riprese, rilancia la sua lettura dei problemi del Paese, destinati tutti a trovare soluzioni con il ritorno al Governo della “sua maggioranza”, capace di contare in Europa e contenere le forze sovraniste.
Ma, intanto, in Europa già si vota, con le urne in Olanda e Regno Unito che giovedì si prendono 4 titoli; Tg La7 si dimostra la testata più attenta, con Mentana che commenta gli exit poll del voto olandese sfavorevoli ai sovranisti. Dopo lunga attesa, anche Tg1 “entra” nella partita delle Europee, con la proposta di alcuni approfondimenti quasi “fuori tempo massimo”, data l’assenza di attenzione nelle settimane precedenti. Diverso l’atteggiamento delle altre testate del Servizio Pubblico. Nelle ultime giornate emerge chiaramente la linea editoriale del Tg di Sangiuliano che, parlando di Svezia e Grecia, offre l’immagine di nazioni che hanno pagato duramente l’appartenenza all’Unione, la prima per i problemi dovuti all’accoglienza e alla mancata integrazione dei profughi, la seconda per la perdita di sovranità economica: il tutto riecheggiando le posizioni di Salvini e delle altre forze populiste. Benché portatore di posizioni nettamente europeiste, il Tg3 invece risulta più equilibrato, proponendo diversi approfondimenti sugli altri paesi dell’Unione.

Immigrazione e sicurezza: attenzione ad intermittenza. Riace “riabilitata” nel silenzio
I temi della sicurezza e della immigrazione, al centro discusso “decreto bis”, sono quasi assenti dai servizi. L’annullamento da parte del Tar dell’esclusione del Comune di Riace dalla rete degli Sprar, imposta dal Viminale, è nei titoli martedì per Tg3, ma figura appena nei servizi dei Tg delle 20, con Tg2 che se la sbriga con pochi secondi da studio. Giovedì, le denunce delle nave Ong alla Marina italiana figurano nei servizi dei Tg Rai e delle 20, con Tg3 e Tg2 che vi dedicano titoli e buone coperture. Se si esclude il Tg diretto da Giuseppina Paterniti, la questione dei migranti continua ad esistere solo quando attenzionata dalla politica. Sintomatiche le coperture che hanno avuto gli arresti a Napoli di un gruppo che produceva permessi di soggiorno falsi, con Tg2 che enfatizza i pericoli per la sicurezza ed i rischi di infiltrazione terroristica, mentre Tg3 denuncia il contesto di ritardi burocratici che favoriscono queste condotte fraudolente.

Istat: crescita deludente. Tg Rai e Mediaset: il bicchiere dell’economia “mezzo pieno” e “mezzo vuoto”
Una marcata differenza tra Tg Rai e Mediaset è riscontrabile nella valutazione dei dati dell’economia. Se la crescita stimata dall’Istat resta deludente, tra mercoledì e giovedì permette ai Tg Rai di valorizzare il +0,3 e i movimenti sui diversi indici dell’occupazione. Al contrario, i Tg Mediaset riprendono con forza le critiche e le esortazioni di Confindustria, e Tg5 giovedì segnala allarmato l’aumento della cassa integrazione.

Brexit: il “saluto” del Tg5 alla premier May dimissionaria
L’Inghilterra della Brexit, che dopo tre anni dal referendum per lasciare l’Unione è costretta comunque al voto per le europee, riceve molta attenzione nel corso della settimana, con l’annuncio delle dimissioni della Premier Theresa May che, venerdì, compare nei titoli per tutti. Molto duro Tg5, che nella sua copertina illustra, con tono canzonatorio, l’ascesa e poi la caduta della seconda premier donna della storia inglese, osservando come la sua uscita di scena, dopo tanti fallimenti, non sarà rimpianta dalla maggioranza degli elettori.

Capaci, 27 anni di lotta. L’Italia non dimentica i suoi eroi
Il ricordo della strage di Capaci segna la giornata di giovedì, reclamando le aperture dei Tg Rai e Studio Aperto. Una giornata non esente da tensioni, come segnala Mentana fin dai titoli spiegando che il Sindaco di Palermo Orlando ha disertato la cerimonia nell’aula bunker per contrasti con Salvini. Molte e varie le coperture delle manifestazioni per ricordare Falcone e Borsellino. Buono l’approfondimento del Tg2 che mercoledì fotografa in due servizi la condizione attuale di Cosa Nostra e il radicamento del sentimento d’antimafia nei giovani palermitani.

Caso Debora, Tg Mediaset schierati. Minori e violenze: un’attenzione ancora “estemporanea”
Assai ricca la pagina della cronaca in settimana. 7 titoli e numerosi servizi vanno alla tragica vicenda di Monterotondo, dove la 19enne Debora ha ferito a morte il padre per difendere sua madre dalle percosse. Tg5 si schiera apertamente dalla parte della giovane e le reti Mediaset minori propongono, venerdì, un’intervista alla madre, che per 20 anni avrebbe sopportato gli abusi del compagno.

Diversi titoli sono inoltre andati ai casi gravi di violenze ed abusi su minori, che hanno causato due giovanissime vittime. Nell’affrontare queste vicende, Studio Aperto e Tg3 si ricollegano ad altri casi recenti; gli abusi sui minori sono presenti diffusamente in alcuni contesti sociali e secondo Terres Des Hommes nell’ultimo decennio si è registrato un loro marcato aumento. Si lamenta l’assenza di un’attenzione non occasionale al problema, a differenza di ciò che è accaduto negli ultimi anni per i femminicidi.

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia