Osservatorio TG

Europa “sotto il tappeto”. Berlusconi “argine al sovranismo”, almeno in tv

99

Europee sempre nell’ombra anche negli ultimi giorni di campagna elettorale, a parte qualche raro approfondimento “fuori tempo massimo”; l’Istat snocciola i nuovi dati deludenti sull’economia ma la “lettura” varia a seconda della testata; il ricordo della strage di Capaci segna la giornata di giovedì; la vicenda della 19enne che uccide il padre per difendere la madre conquista le pagine di cronaca. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 20 al 24 maggio.

Fino alla vigilia del voto, la campagna per le Europee risulta annichilita dalle forti tensioni interne ai partiti della maggioranza, che con gli scontri e i “placcaggi” dell’ultimo Consiglio dei Ministri preelettorale, tra lunedì e martedì, si prendono ben 12 aperture. La quadra che non si trova sui decreti per le famiglie e sicurezza bis domina anche mercoledì, con le aperture che ripropongono le consuete posizioni: “nuovi scontri” e “contrasti” per i Tg Mediaset, mentre Tg1 e Tg2 rilanciano un Premier Conte icona del “Governo unito”.
A riportare, almeno in parte, la discussione sui temi dell’Europa ci pensano le dichiarazioni delle opposizioni, riproposte questa settimana in 16 titoli. Assai presente nei servizi la “strana coppia” Berlusconi–Zingaretti, unita nell’equazione “voto Lega = voto Cinque Stelle”. Il Leader di Forza Italia, con ben 21 presenze (12 sui Mediaset) e due lunghe interviste ampiamente riprese, rilancia la sua lettura dei problemi del Paese, destinati tutti a trovare soluzioni con il ritorno al Governo della “sua maggioranza”, capace di contare in Europa e contenere le forze sovraniste.
Ma, intanto, in Europa già si vota, con le urne in Olanda e Regno Unito che giovedì si prendono 4 titoli; Tg La7 si dimostra la testata più attenta, con Mentana che commenta gli exit poll del voto olandese sfavorevoli ai sovranisti. Dopo lunga attesa, anche Tg1 “entra” nella partita delle Europee, con la proposta di alcuni approfondimenti quasi “fuori tempo massimo”, data l’assenza di attenzione nelle settimane precedenti. Diverso l’atteggiamento delle altre testate del Servizio Pubblico. Nelle ultime giornate emerge chiaramente la linea editoriale del Tg di Sangiuliano che, parlando di Svezia e Grecia, offre l’immagine di nazioni che hanno pagato duramente l’appartenenza all’Unione, la prima per i problemi dovuti all’accoglienza e alla mancata integrazione dei profughi, la seconda per la perdita di sovranità economica: il tutto riecheggiando le posizioni di Salvini e delle altre forze populiste. Benché portatore di posizioni nettamente europeiste, il Tg3 invece risulta più equilibrato, proponendo diversi approfondimenti sugli altri paesi dell’Unione.

Immigrazione e sicurezza: attenzione ad intermittenza. Riace “riabilitata” nel silenzio
I temi della sicurezza e della immigrazione, al centro discusso “decreto bis”, sono quasi assenti dai servizi. L’annullamento da parte del Tar dell’esclusione del Comune di Riace dalla rete degli Sprar, imposta dal Viminale, è nei titoli martedì per Tg3, ma figura appena nei servizi dei Tg delle 20, con Tg2 che se la sbriga con pochi secondi da studio. Giovedì, le denunce delle nave Ong alla Marina italiana figurano nei servizi dei Tg Rai e delle 20, con Tg3 e Tg2 che vi dedicano titoli e buone coperture. Se si esclude il Tg diretto da Giuseppina Paterniti, la questione dei migranti continua ad esistere solo quando attenzionata dalla politica. Sintomatiche le coperture che hanno avuto gli arresti a Napoli di un gruppo che produceva permessi di soggiorno falsi, con Tg2 che enfatizza i pericoli per la sicurezza ed i rischi di infiltrazione terroristica, mentre Tg3 denuncia il contesto di ritardi burocratici che favoriscono queste condotte fraudolente.

Istat: crescita deludente. Tg Rai e Mediaset: il bicchiere dell’economia “mezzo pieno” e “mezzo vuoto”
Una marcata differenza tra Tg Rai e Mediaset è riscontrabile nella valutazione dei dati dell’economia. Se la crescita stimata dall’Istat resta deludente, tra mercoledì e giovedì permette ai Tg Rai di valorizzare il +0,3 e i movimenti sui diversi indici dell’occupazione. Al contrario, i Tg Mediaset riprendono con forza le critiche e le esortazioni di Confindustria, e Tg5 giovedì segnala allarmato l’aumento della cassa integrazione.

Brexit: il “saluto” del Tg5 alla premier May dimissionaria
L’Inghilterra della Brexit, che dopo tre anni dal referendum per lasciare l’Unione è costretta comunque al voto per le europee, riceve molta attenzione nel corso della settimana, con l’annuncio delle dimissioni della Premier Theresa May che, venerdì, compare nei titoli per tutti. Molto duro Tg5, che nella sua copertina illustra, con tono canzonatorio, l’ascesa e poi la caduta della seconda premier donna della storia inglese, osservando come la sua uscita di scena, dopo tanti fallimenti, non sarà rimpianta dalla maggioranza degli elettori.

Capaci, 27 anni di lotta. L’Italia non dimentica i suoi eroi
Il ricordo della strage di Capaci segna la giornata di giovedì, reclamando le aperture dei Tg Rai e Studio Aperto. Una giornata non esente da tensioni, come segnala Mentana fin dai titoli spiegando che il Sindaco di Palermo Orlando ha disertato la cerimonia nell’aula bunker per contrasti con Salvini. Molte e varie le coperture delle manifestazioni per ricordare Falcone e Borsellino. Buono l’approfondimento del Tg2 che mercoledì fotografa in due servizi la condizione attuale di Cosa Nostra e il radicamento del sentimento d’antimafia nei giovani palermitani.

Caso Debora, Tg Mediaset schierati. Minori e violenze: un’attenzione ancora “estemporanea”
Assai ricca la pagina della cronaca in settimana. 7 titoli e numerosi servizi vanno alla tragica vicenda di Monterotondo, dove la 19enne Debora ha ferito a morte il padre per difendere sua madre dalle percosse. Tg5 si schiera apertamente dalla parte della giovane e le reti Mediaset minori propongono, venerdì, un’intervista alla madre, che per 20 anni avrebbe sopportato gli abusi del compagno.

Diversi titoli sono inoltre andati ai casi gravi di violenze ed abusi su minori, che hanno causato due giovanissime vittime. Nell’affrontare queste vicende, Studio Aperto e Tg3 si ricollegano ad altri casi recenti; gli abusi sui minori sono presenti diffusamente in alcuni contesti sociali e secondo Terres Des Hommes nell’ultimo decennio si è registrato un loro marcato aumento. Si lamenta l’assenza di un’attenzione non occasionale al problema, a differenza di ciò che è accaduto negli ultimi anni per i femminicidi.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua