Salute

Fibrosi Polmonare Idiopatica: nuove scoperte dai ricercatori Unimore

Fibrosi

Un altro importante passo per sconfiggere una delle più note “malattie rare”: la fibrosi polmonare idiopatica – FPI. Sono stati identificati, infatti, nuovi biomarcatori che si possono modificare nel corso della terapia dei pazienti affetti da questa patologia. E i malati di FPI possono finalmente trarre beneficio da nuove terapie, in particolare nintedanib e pirfenidone, che, per la prima volta dopo molti anni, hanno dimostrato di rallentare la progressione della malattia e sono disponibili anche in Italia.
Lo studio, coordinato da Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e in particolare dal prof. Luca Richeldi, attualmente in forza all’Ateneo inglese di Southampton, e dal prof. Andrea Cossarizza, Direttore della Cattedra di Patologia Generale e Immunologia presso il Dipartimento Chirurgico, Medico, Odontoiatrico e di Scienze Morfologiche dell’ateneo emiliano, fondatori del Centro Interdipartimentale per le Malattie Rare del Polmone presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, ha suscitato l’interesse della comunità scientifica internazionale tanto che la rivista BMC Medicine ne ha pubblicato i risultati.
Lo studio, finanziato dalla Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA 2012) e guidato dalle dott.sse Sara De Biasi e Stefania Cerri di Unimore, ha coinvolto numerosi ricercatori italiani dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, dell’ Università “Federico II” di Napoli, dell’ Università di Catania ed internazionali dell’Università di Southampton in Inghilterra, che hanno valutato e seguito nel tempo un totale di 67 pazienti con questa grave patologia, che è una fibrosi cronica, progressiva ed irreversibile del parenchima polmonare dalle cause ancora sconosciute.
Lo studio ha consentito di identificare nuovi biomarcatori che si possono modificare nel corso della terapia, quali particolari molecole presenti sulle cellule endoteliali circolanti, sui loro precursori e sui fibrociti circolanti. “Per analizzare tali molecole – dice il prof. Andrea Cossarizza di Unimore – sono state utilizzate le più avanzate tecnologie di citometria a flusso, con strumenti, unici in Europa, capaci analizzare fino a 40.000 cellule al secondo. Abbiamo perciò scoperto che sulla membrana delle sopraccitate cellule dei pazienti con FPI, la concentrazione di alcune molecole, quali i recettori per le chemochine e il recettore per il fattore di crescita endoteliale-vascolare, si modificano dopo la terapia e sono correlabili con il successo terapeutico“. Il prof. Luca Richeldi conclude sottolineando che “sono questi i primi biomarcatori identificati in questa grave patologia e la loro identificazione apre la possibilità di nuove strategie di follow up e cura per questi pazienti“.
E’ motivo di grande soddisfazione per la nostra Facoltà – dice il Presidente della Facoltà di Medicina e Chirurgia prof. Giovanni Pellacani di Unimore – vedere che i risultati dei nostri ricercatori vengano così apprezzati e trovano sbocco su importanti riviste internazionali (ricordo anche che il collega. Cossarizza ha partecipato ad uno studio sulla genetica dell’infezione da HIV, i cui risultati sono stati appena pubblicati dai Proceedings of the National Academy of Science – PNAS – USA). Ma mi piace anche sottolineare come Unimore sia sempre all’avanguardia su argomenti di grande interesse scientifico“.

Ultime notizie
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Innovazione

La crescita dell’e-commerce e le nuove abitudini dei consumatori

La pandemia ha cambiato le abitudini dei consumatori. I dati della crescita dell'e-commerce internazionale nel 2020 e negli ultimi anni.
di Ludovico Semerari
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Giustizia

Magistratura politicizzata: la situazione tra scandali e veleni

Perché si parla così tanto di Magistratura politicizzata? L'incidenza del caso Palamara e il tema della separazione delle carriere.
di Alfonso Lo Sardo
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Cultura

Viviamo nell’era del “Dataismo”: significato e caratteristiche

Che cos'è il Dataismo? Cosa intendiamo con tale espressione? L'analisi del Dataismo ("datism", in inglese), tra significato e caratteristiche.
di Giuseppe Pulina
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Approfondimenti

Come il Covid ha cambiato la nostra vita

Lavoro, vita sociale, spostamenti: tutte le trasformazioni della pandemia. Un'analisi su come il Covid ha cambiato la nostra vita.
di Angelo Perrone*
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Cosa vuol dire Mafia?

Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza: intervista a Giovanna Di Rosa

Il magistrato di sorveglianza è una figura di cui poco si conosce e si parla in Italia. Un lavoro complesso che incomincia...
di Sergio Nazzaro
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Who Supervisory Judges are and what they do?
Cosa vuol dire Mafia?

Who Supervisory Judges are and what they do: an interview with Giovanna Di Rosa

The Eurispes online magazine's pages feature an interview with Dr Giovanna Di Rosa, President of the Supervisory Court of Milan, on the issue of the Supervisory Magistracy.
di Sergio Nazzaro
Who Supervisory Judges are and what they do?
Fisco

Le tecniche di intelligenza artificiale contro l’evasione fiscale

Nell’evoluzione del sistema informativo tributario e delle tecniche di contrasto all’evasione fiscale, l’efficace utilizzo delle banche dati assume un ruolo sempre più...
di Giovambattista Palumbo*
Internazionale

Gli Usa di Joe Biden: le differenze dopo l’era Trump

Il passaggio di testimone alla Casa Bianca da Donald Trump a Joe Biden sta determinando, come era preventivabile, effetti diretti non solo...
di Marco Omizzolo*
draghi
Luciano Maria Teodori

Divergenze senza ragioni apparenti

L’anno in corso ha segnato un grande ritorno nel Mediterraneo: il ritorno dello zio Sam nella scena politica di un mare sempre...
di Luciano Maria Teodori
draghi
Il punto a Mezzogiorno

Si sbloccano i primi progetti infrastrutturali al Sud. Manca però una visione strategica

Si sbloccano i primi progetti infrastrutturali al Sud. Manca però una visione strategica: Ponte sullo Stretto e porto hub sono due delle opere indispensabili allo sviluppo del territorio.
di Saverio Romano