Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

gentrificazione

Il termine gentrificazione (in inglese “gentrification”) fu coniato negli anni Sessanta del Novecento dalla sociologa Ruth Glass, in riferimento ai cambiamenti del tessuto urbano che stavano interessando la città di Londra. Non si riferiva, all’epoca, al turismo di massa che sta cambiando il volto delle città, bensì a una serie variegata di fenomeni di ripopolamento sociale dei quartieri. La gentrificazione è un fenomeno di trasformazione territoriale in cui la classe sociale ricopre un ruolo centrale, trattandosi di un processo di transizione legato al cambiamento della composizione di classe nel quartiere, per il passato riferibili generalmente alla classe media e alla classe operaia, e ad oggi assimilabili più alle classi emergenti o a fenomeni come il turismo di massa. Un fenomeno complesso che ha anche recentemente trovato spazio nelle pagine del Rapporto Italia 2022 dell’Eurispes.

Gentrifiers di prima e seconda generazione

Chi sono dunque i gentrifiers oggi e in che modo la loro appartenenza sociale si lega alla gentrificazione? Ebbene i gentrifiers non sono un gruppo sociale omogeneo e identificabile allo stesso modo in ogni processo di gentrificazione. Le loro caratteristiche variano in base al contesto, così come esiste una differenza tra chi può essere definito gentrifier in una fase iniziale e chi invece rientra in questa categoria nelle sue fasi più avanzate della gentrificazione. Può accadere infatti che ai primi gentrifiers del quartiere se ne succedano altri, rendendone la composizione sociale ancora più distante da quella originaria. Ciò accade ad esempio quando studenti e artisti si mescolano e sostituiscono gradualmente i vecchi residenti di un’area, seguiti a loro volta dall’arrivo di famiglie della classe media che influenzano il mercato immobiliare innescando profondi cambiamenti nella composizione abitativa e commerciale.

Turismo e gentrificazione in Italia, un fenomeno in crescita

Oggi i gentrifiers sono anche i turisti che sono tornati ad affollare i centri storici delle città d’arte italiane, fonte di ricchezza per tante attività legate al turismo ma che se non sapientemente guidate possono innescare processi irreversibili di ricomposizione urbana. Sebbene la pandemia abbia creato nuovi effetti collaterali – già si parla di de-gentrificazione – la recente ripresa dei flussi turistici genera nuove domande.

I dati sono riferiti a una situazione pre-covid (2018), quando l’Istat riporta 438,8 milioni di presenze negli esercizi ricettivi italiani, con un incremento del 2% rispetto alle rilevazioni dell’anno precedente. La città di Roma è prima con 29 milioni di turisti che hanno soggiornato in città, seguita dai 12,1 milioni di visitatori di Venezia e Milano. Solo a Roma, nel 2018, si sono registrate due milioni di presenze rispetto all’anno precedente (dati Istat). Il dato prende forma quando si osservano le rilevazioni del settore alberghiero ed extra-alberghiero: se gli esercizi alberghieri registrano una crescita pari all’1,6%, gli extra-alberghieri crescono del 2,7%.  Inoltre, gli esercizi extra-alberghieri (Airbnb e affini) hanno registrato un incremento degli arrivi del 6,5%, il doppio rispetto agli esercizi alberghieri, che sono cresciuti del 3,2%. I dati Istat evidenziano, già nel 2018, un trend significativo di crescita degli esercizi extra-alberghieri in termini sia di arrivi (dal 19,2% del 2008 al 24,5% del 2018) sia di presenze (dal 32,6% al 34,8%). Il dato, associato con i 438,8 milioni di presenze, rende l’idea dell’impatto urbanistico del settore turistico.

I numeri evidenziano 280.000 alloggi che sfuggono ad ogni tipo di controllo, non solo tributario

Già nel 2015, Airbnb contava 3,6 milioni di presenze, per un giro d’affari superiore ai 3 milardi di euro. Su un totale di 83.300 host italiani, il 73% aveva affittato l’intera casa/appartamento, declinando l’home sharing ­a una dimensione spiccatamente commerciale. Federalberghi riconduce il fenomeno a una vera e propria shadow economy che sfugge alle regole del mercato alberghiero, rendendo più difficile la pianificazione urbanistica delle città in relazione ai flussi turistici. Ad agosto del 2018, erano disponibili sulla piattaforma Airbnb 397.314 alloggi in Italia (+78,34% rispetto al 2016, ovvero +174.528 alloggi), mentre le strutture extra-alberghiere di natura analoga censite dall’Istat in Italia erano 113.538. I numeri evidenziano almeno 280.000 alloggi che sfuggono ad ogni tipo di controllo, non solo dal punto di vista tributario: sono alloggi che già pesano sulla geografia sociale dei quartieri, sulla loro economia, sui prezzi delle case e degli esercizi commerciali. Le città più attive per numero di annunci sono, nell’ordine, Roma (29.519 annunci), Milano (18.482), Firenze (11.341), Venezia (8.025) e Napoli (6.858) (dati Federalberghi-Incipit srl 2018).

Diminuiscono i negozi al dettaglio, crescono take away e ristorazione

Anche la demografia d’impresa può fornire dati sul futuro che ci attende in merito alla gentrificazione, soprattutto in presenza di dati rilevati per un ampio periodo di tempo. Negli ultimi dieci anni si è assistito a un profondo cambiamento del tessuto commerciale delle città, con una tendenza alla riduzione progressiva delle attività, come riportato dall’Ufficio Studi Confcommercio in occasione della settima edizione dell’Osservatorio sulla demografia d’impresa nelle città italiane realizzata in collaborazione con il Centro Studi delle Camere di Commercio G. Tagliacarne. Stando ai dati evidenziati da Confcommercio, dal 2012 al 2021 hanno chiuso 85mila negozi al dettaglio e quasi 10mila attività di commercio ambulante. In controtendenza, sono in crescita le attività di ristorazione di street food e take away, e alcune tipologie di alloggio, quali i bed and breakfast e gli appartamenti per soggiorni brevi. In meno di 10 anni, nei 120 comuni di grandi e medie dimensioni presi ad esame dell’indagine, sono scomparsi quasi 85mila negozi fisici, di cui quasi 4.500 durante la pandemia. Un declino smentito quando si prendono in considerazione le attività di ristorazione e alberghiere legate ai flussi turistici: in nove anni il numero di alberghi nei centri storici del Mezzogiorno è cresciuto addirittura dell’89,3%, del 34% del Centro-Nord Italia.

Gentrificazione o declino, la risposta è nella pianificazione urbana

Secondo molti la gentrificazione ha innescato, in ogni caso, processi positivi sul tessuto urbano: la stabilizzazione delle aree in declino, il recupero e la ristrutturazione del patrimonio immobiliare, in certi casi un incremento di social mix, la riduzione degli spazi cittadini inutilizzati, maggiori entrate fiscali e sviluppo urbanistico. Quando la pandemia ha spinto le persone a cercare spazi al di fuori della città, in aree verdi o in piccoli centri con affitti più accessibili per lavorare da remoto, si è parlato addirittura di degentrificazione come sintomo di declino, fenomeno di decrescita opposto al progresso urbano generato da disoccupazione, cattiva gestione amministrativa e aumento della criminalità nelle grandi città. Ma gli effetti negativi della gentrificazione vanno innanzitutto individuati, e regolati dalle autorità preposte per ridurne gli impatti sulla comunità residente quali il displacement, o l’elevata speculazione nel mercato immobiliare e conseguente incremento dei prezzi, che rischiano di convertire i centri storici delle città in posti ad uso e consumo del turismo di massa.

Leggi anche

Ultime notizie
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy
gentrificazione
Società

Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

Gentrificazione e turismo di massa sono due fenomeni in aumento e interconnessi, generanti profondi cambiamenti nel tessuto urbano e sociale delle città italiane. Per questo motivo andrebbero riconsiderati in relazione a logiche di pianificazione urbana e non di laissez faire.
di Roberta Rega
gentrificazione
flat tax
Economia

Flat tax, questa sconosciuta

La flat tax richiama la questione della corrispettiva copertura finanziaria, nonché della progressione di aliquota. Ma il vero problema in materia fiscale è l’evasione, e la flat tax va vista come una misura mirata in primis a favorire la emersione dei redditi non dichiarati.
di Giovambattista Palumbo*
flat tax
Carmelo Cedrone
Biografia

In ricordo di Carmelo Cedrone

Ci ha lasciato Carmelo Cedrone, scomparso ai primi di settembre; è stato un sincero europeista, autentico sindacalista, promotore e coordinatore del “Laboratorio Europa” per l’Eurispes, fino all’ultimo impegnato a dare il proprio contributo al processo di integrazione europea.
di Marco Ricceri*
Carmelo Cedrone
giustizia tributaria
Economia

Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

La Giustizia tributaria è finalmente oggetto di una riforma, arrivata alla Camera con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati nell’ambito del Pnrr, era la riduzione della durata media dei processi in Cassazione.
di Giovambattista Palumbo*
giustizia tributaria