Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il settore healthcare dei prodotti farmaceutici e parafarmaceutici sta attraversando una fase di grandi trasformazioni, nella distribuzione e nella logistica in primis. Tali mutamenti sono generati, tra gli altri fattori, dall’avvicinamento dei consumatori all’e-commerce (spinto dalla pandemia) e dai complicati equilibri internazionali in essere (un esempio tra tutti: il reperimento dei principi attivi presso paesi come Cina e India). Ne parliamo con Pierluigi Petrone, Presidente di Assoram (Associazione Operatori Commerciali e Logistici Farma e Salute).

Presidente Petrone, innanzitutto, le chiederei di raccontarci che cosa è Assoram, in quali àmbiti opera e qual è la sua mission.

Assoram è l’associazione nazionale che rappresenta le aziende della distribuzione e dei servizi nel settore healthcare dei prodotti farmaceutici, parafarmaceutici, cosmetici, dispositivi medici e sanitari a uso umano e veterinario. Apolitica e senza fini di lucro, l’Associazione nasce nel 1965 dall’intuizione di un gruppo di amministratori delegati, che decise di fondare un’associazione di rappresentanza degli agenti di medicinali. Da allora molto è cambiato. Di fronte a cambiamenti rapidi e disruptive del mercato Assoram si candida sempre più ad essere una rappresentanza dell’intero comparto distributivo dei prodotti della salute, al passo con le evoluzioni che sta vivendo il Sistema Salute. In questi anni abbiamo assistito ad una progressiva crescita della nostra base associativa: ai depositari farmaceutici si sono affiancati grossisti, vettori e, di recente, nuove figure impegnate a vario titolo nella distribuzione, come le aziende di home delivery ed e-commerce. Oggi l’associazione conta 141 imprese, che vedono in noi non solo la rappresentanza e la tutela degli interessi, ma anche l’opportunità di poter dialogare e confrontarsi con le altre anime della supply chain. 

Solo pochi giorni fa, a Roma presso il Museo del Ninfeo, si è svolta la vostra 59° Assemblea. Può illustrarci quali sono stati i principali punti emersi nel corso dell’incontro e quali le prospettive future dell’Associazione?

La 59° Assemblea è stata interamente dedicata ai nostri associati e ai temi core per loro. Solitamente l’Assemblea è anche un momento per favorire il dialogo e l’incontro con le associazioni di rappresentanza degli altri comparti della supply chain. Quest’anno, invece, abbiamo voluto creare un momento di riflessione interno per analizzare le dinamiche geopolitiche e di mercato e definire le priorità per il nostro comparto, anche in vista dell’importante anniversario del prossimo anno, quando taglieremo il traguardo dei sessant’anni. A supportarci nella discussione sono stati enti e centri di ricerca molto vicini all’associazione: AIFA, NMVO Italia (la società consortile no-profit che agirà in veste di National Medicines Verification Organization), Istituto Eurispes, CONFETRA – Confederazione generale italiana dei Trasporti e della Logistica, DOXA Pharma. Attraverso i loro contributi, quelli dei Vicepresidenti e degli associati intervenuti, abbiamo ripercorso i principali driver del prossimo futuro: la sostenibilità ambientale, sociale e di governance; le rapide evoluzioni tecnologiche e la cybersecurity; la medicina customizzata e le nuove tendenze del mercato; i nuovi obblighi sulla tracciabilità dei farmaci. In un mondo della cura digitalizzato e umano-centrico, la logistica e il trasporto rivestono un ruolo cruciale. Per disegnare questo futuro, la distribuzione Health deve diventare sempre più collaborativa e il nostro impegno è e sarà di creare gli spazi giusti per il dialogo tra imprese e istituzioni. 

Sempre più il commercio e la distribuzione dei farmaci e dei prodotti della salute avvengono attraverso le piattaforme e i siti online. L’e-commerce moltiplica le opportunità per le aziende che operano nel settore, ma non è privo di rischi. Parliamo, inoltre, di una galassia molto frastagliata e il web non è ancora del tutto “governato”. Quali iniziative sta promuovendo l’Associazione in questo contesto? È stato avviato un dialogo con le Istituzioni?

Negli ultimi anni importanti aziende dell’e-commerce e dell’home delivery, che rappresentano una fetta preponderante del mercato italiano, si sono rivolte alla nostra Associazione alla ricerca di un terreno neutrale di dialogo tra imprese viste le diverse zone grigie della normativa Ue che rischiano di penalizzare gli operatori nazionali. In una serie di incontri interni all’Associazione, il gruppo di lavoro ha individuato importanti istanze da sottoporre al “Tavolo tecnico sulla dispensazione al pubblico di medicinali per uso umano con particolare riguardo alla vendita on line” del Ministero della Salute con l’obiettivo di sensibilizzare il dibattito pubblico-privato sulla necessità non rinviabile di regole chiare e uniformi a livello comunitario che salvaguardino gli aspetti prioritari di sicurezza dei prodotti farmaceutici e dei pazienti e che non penalizzino al contempo i princìpi che regolano i servizi della società dell’informazione condivisi a livello europeo. La farmacia continua e continuerà ad avere il suo ruolo di presidio di prossimità, grazie al rapporto di fiducia che si può instaurare tra il farmacista e i suoi clienti, ma è innegabile che sono cambiati gli stili di vita. I consumatori reclamano un ruolo sempre più attivo nelle scelte sulla propria salute e Assoram si sta impegnando affinché queste scelte avvengano in sicurezza, nel pieno rispetto della normativa stringente che vigila un settore così importante per il benessere della società. 

Voi rappresentate un numero importante di aziende all’interno del settore dell’healthcare. Quali sono le direttrici lungo le quali si svilupperà nei prossimi anni il comparto e in particolare quale sarà l’evoluzione della logistica?

Il Covid-19 è stato un importante stress test per tutta la nostra supply chain ed è servito a comprendere limiti e potenzialità di questo comparto essenziale e strategico. Nel corso di questi anni, resi poi ulteriormente complessi dall’aumento dei fattori produttivi e dal contesto geopolitico mondiale, produzione, logistica e dispensazione hanno accelerato i processi di digitalizzazione in atto da tempo, dimostrando di poter superare sfide impreviste utilizzando le nuove tecnologie per adattare i propri processi al contesto mutevole. Adesso, con la pandemia alle spalle e la minaccia dall’Oms di potenziali futuri eventi disruptive, la filiera farmaceutica sta vivendo una trasformazione profonda, incentrata su una serie di punti.

  • La centralità del paziente, strettamente connessa a quelle innovazioni in ambito medico che racchiudiamo sotto il cappello della medicina customizzata, ma anche all’emergere dei nuovi servizi di telemedicina e alla rapida diffusione dei servizi di e-commerce.
  • La ricerca di nuovi equilibri commerciali per far fronte a nuovi eventi disruptive, dal momento che oltre il 74% dei principi attivi di uso più consolidato in Europa dipende, direttamente o indirettamente, da produzioni localizzate in Cina o in India.
  • La sostenibilità ambientale, sociale e di governance, un processo che dovrà coinvolgere necessariamente tutti gli operatori in pochi anni. Le due recenti normative sul tema, infatti, prevedono requisiti stringenti per le grandi imprese, che diventano responsabili degli impatti su persone e ambiente non solo per le proprie attività ma anche per quelle della propria catena di fornitura.
  • La digitalizzazione. La logistica ha subito una trasformazione radicale grazie alla digitalizzazione, migliorando l’efficienza e la sostenibilità. Il futuro che si viene a delineare può essere racchiuso in una parola chiave per le aziende e una per le istituzioni. Per le prime, i dati. La trasformazione digitale ha portato alla creazione di sistemi integrati e interconnessi, in cui i dati sono il fulcro delle operazioni logistiche. Per le istituzioni: interoperabilità. L’integrazione tra i sistemi nazionali (eCRM, PCS) e internazionali permetterebbe di ottimizzare l’intermodalità, la tracciabilità e l’impatto ambientale.

Questi cambiamenti, però, dovranno fare i conti con l’aumento dei costi produttivi e delle commodity e con una carenza internazionale di manodopera. Infatti, di pari passo alle trasformazioni del comparto sono mutate anche le competenze richieste agli operatori della logistica e del trasporto. La ricerca di figure con competenze trasversali si sta scontrando con una carenza cronica di manodopera, che affligge in particolare il settore del trasporto. Per concludere, potremmo dire che la vera sfida dei prossimi anni sarà affrontare i cambiamenti con un approccio collaborativo da parte di tutte le imprese della filiera. Ce lo impongono le innovazioni di prodotto e di processo, ce lo impongono i nuovi standard di sostenibilità e di tracciabilità, ma soprattutto ce lo impongono i cittadini, che guardano sempre più ai servizi logistici come a una parte essenziale del processo di acquisto e di cura.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione