Farmaci contraffatti: la falsificazione nel settore della salute sul web

farmaci contraffatti

La falsificazione è un fenomeno esteso e che non riguarda solo beni di lusso: nel mirino dei falsari ci sono anche i farmaci contraffatti e in generale il settore della salute. Sebbene le statistiche siano variabili in relazione al livello di medicinali contraffatti, si calcola che la percentuale di farmaci contraffatti vari fra l’1 e il 10% circa del settore farmaceutico globale (fonte: AIFA). Numeri preoccupati, ma che presentano variazioni sensibili tra paesi in via di sviluppo e non.
L’Eurispes, nell’àmbito delle attività di studio e ricerca promosse dall’Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza fondato con Enpam, ha voluto approfondire il panorama dei  mercati illeciti afferenti in particolare ai prodotti farmacologici che viaggiano attraverso il Web. Negli ultimi anni, infatti, il commercio in Rete ha conosciuto una crescita esponenziale. Basti pensare che nelle principali economie, tra il 2018 e il 2020, le vendite al dettaglio online sono aumentate del 41%. Una crescita certamente accelerata anche dalle limitazioni imposte dalla pandemia da Covid-19. Secondo Osservatorio  eCommerce  B2, solo nel nostro Paese, nel  2021, gli acquisti online hanno  raggiunto un valore di 39,4 miliardi di euro (+21% rispetto al 2020). Sappiamo inoltre che attualmente, in Italia, l’85% della popolazione ha accesso a Internet; nel 2021 era l’82%, mentre prima della pandemia, nel 2019, era il 78%. Tra gli utenti che ogni giorno accedono alla Rete, il 62% nel 2022 ha acquistato beni e servizi online; nel 2020 erano il 54%, prima della pandemia (2019) il 49% (Eurostat). La rapida crescita della Rete, però, oltre a permettere di mantenere l’apparenza di una normalità economica, ha anche offerto terreno fertile per facilitare l’infiltrazione di prodotti illeciti. All’apice della pandemia si sono fatti spazio senza troppe difficoltà dispositivi medici di protezione  contraffatti, come mascherine, nonché farmaci, integratori, ed anche falsi vaccini. Tutto ciò è reso possibile, in modo particolare, dalle modalità di trasporto utilizzate; su tutti, i servizi postali. I dati sull’Unione  europea indicano, infatti, come riguardo al commercio in Rete, il  91% delle detenzioni di prodotti contraffatti avesse coinvolto direttamente i servizi postali o di corriere; mentre per i prodotti contraffatti non legati al commercio in Rete, i servizi postali risultavano coinvolti solo nel 45% dei casi. 

Lo sviluppo della Rete e provenienza dei falsi

Per quanto riguarda la vendita Business to Consumer (B2C), la Cina domina le transazioni mondiali registrando una percentuale di vendite pari a 1.539  miliardi, corrispondenti al 59% del suo totale, contro lo stesso segmento negli Stati Uniti che vale solo il 13% (UNCTAD 2021). Il ruolo della Cina nelle vendite in Rete dirette ai consumatori è significativo in quanto dalla Cina, e più in generale dai paesi  dell’Asia, arrivano la maggior parte delle merci false o contraffatte, farmaci  compresi, dirette verso l’Unione europea. Considerando le operazioni di sequestro  doganali effettuate tra il 2017 ed il 2019, le principali economie di provenienza dei prodotti risultano essere proprio Cina e Hong Kong, seguite dalla Turchia. Allargando poi lo spettro emergono in maniera significativa anche altri paesi asiatici tra cui Singapore, Malesia, Taipei, Tailandia e Vietnam.

Tipologie di prodotto e contraffazione farmaceutica

Quello della contraffazione di farmaci è un fenomeno in larga parte ancora sommerso, i cui  dati risultano fortemente sottostimati. Si ritiene infatti che il mercato dei farmaci contraffatti valga addirittura il doppio di quello degli stupefacenti: nel 2010 le stime parlavano di circa 200 miliardi di dollari. Quando si parla di contraffazione di farmaci, le indagini dell’OMS indicano come solo l’1% dei farmaci venduti illegalmente presenti la composizione originale. Il resto non conterrebbe i princìpi attivi (32,1%), o questi sarebbero presenti in quantità non corrette (20,2%), oppure, nella peggiore delle ipotesi, composti da ingredienti sbagliati (21,4%), o contenenti alti livelli di impurità e contaminanti (8,5%). I dati evidenziano l’ampia presenza di farmaci salvavita, come antibiotici e anti-malarici, la cui contraffazione causa ogni anno vittime in tutto il mondo, colpendo in maniera particolare i paesi in via di sviluppo. Secondo la Transnational Alliance for illicit Trade, la quota di falsi nei mercati in via di sviluppo potrebbe rappresentare ben oltre il 10%, raggiungendo fino al 30% in paesi come Asia, Africa e America Latina e, più del 20% nelle economie dell’ex Unione Sovietica.

Paesi di provenienza dei farmaci contraffatti

Gli ultimi dati ufficiali disponibili, ricavati dal Rapporto OCSE pubblicato nel 2019, risalenti al biennio 2014-2016, mostrano come i paesi dell’Asia siano anche i principali paesi di provenienza di farmaci e prodotti per la salute contraffatti. Si conferma il ruolo di Cina, Singapore ed Hong Kong, ma emerge anche l’India. Il fatto che le economie dell’Asia rappresentino l’ampia maggioranza delle esportazioni di farmaci non è affatto casuale. Al contrario, rispetta una tendenza che ha interessato negli anni la globalizzazione dell’economia. Il settore farmaceutico, come altri settori, ha vissuto una separazione sempre più netta tra l’attività di ricerca, concentrata nelle economie sviluppate come quella europea e nord-americana e l’attività di produzione, esternalizzata verso l’Asia, in particolare proprio tra India e Cina. I dati infatti indicano come in Europa e negli Stati Uniti gli investimenti in attività di ricerca nel settore farmaceutico assorbano rispettivamente il 19,2% ed il 26,4% degli investimenti totali in ricerca e sviluppo, mentre in India e Cina il valore degli investimenti si attesta a livelli nettamente inferiori, rispettivamente all’8,5% e al 5,5%. Diversamente, con riguardo alla produzione, l’India si conferma oggi sempre più leader nella fornitura di farmaci, con quote di mercato globale del 20% nei farmaci generici. Al tempo stesso, il paese provvede anche a soddisfare circa la metà della domanda mondiale di vaccini. La Cina, dal canto suo, si è affermata negli anni come leader indiscusso nella produzione dei princìpi attivi di base utilizzati per la sintesi dei farmaci. Quest’ultima  infatti provvede alla produzione del 13% della quota mondiale, da cui la stessa India importa il 70% dei princìpi attivi utilizzati dalla propria industria. L’esternalizzazione della produzione da parte delle grandi aziende farmaceutiche ha quindi permesso a questi paesi di modernizzare le proprie  industrie, un fattore che, in parallelo a controlli meno stringenti, ha favorito la base ideale per l’infiltrazione di prodotti illegali nel mercato.

Prodotti contraffatti ed e-commerce nel continente europeo

Secondo le agenzie OCSE ed EUIPO, in base ai dati relativi ai sequestri forniti dalle Autorità di polizia nell’Unione europea, la maggiorparte dei sequestri relativi a merce contraffatta, tra il 2017 e 2019 all’interno dell’Unione, riguarda i prodotti venduti in Rete. Anche nel caso dei farmaci contraffatti, il 72% dei sequestri totali è riconducibile a prodotti commercializzati in Rete. Per quanto riguarda gli strumenti e i dispositivi medici, la percentuale è del 71%. Ed infine nel caso dei prodotti di cosmesi, la percentuale sale al 75%.

Contraffazione, tra integratori e cosmesi

La combinazione tra la libertà di acquisto ed i minori controlli hanno fatto sì che gli integratori, come i prodotti di cosmesi, diventassero negli ultimi anni uno dei settori maggiormente permeabili alla contraffazione, soprattutto nelle economie più sviluppate. Nel  2018 l’AIFA aveva dichiarato come gli  integratori, insieme ai potenziatori sessuali,  fossero i prodotti più “imitati” rappresentando circa il 60/70% del totale dei  prodotti per la salute contraffatti presenti in Italia. Discorso simile può essere fatto per i prodotti cosmetici contraffatti. In Europa, si stimano ogni anno perdite per 9,6 miliardi di euro, di cui 935 milioni solo in Italia. Questi prodotti possono contenere sostanze farmacologicamente attive, funghi, batteri, metalli pesanti. A far preoccupare è inoltre la tendenza all’“autotrattamento” che, soprattutto con gli acquisti online, portaa fare a meno del parere medico.

Farmaci contraffatti e attività di contrasto

Di particolare rilevanza è stata l’operazione “Shield”, coordinata dall’Europol in  collaborazione con 19 Stati membri dell’Unione europea. L’operazione, iniziata nei primi  mesi del 2020, si è tradotta con l’arresto di 660 persone e con l’oscuramento di 453 siti Web, nonché al sequestro di medicinali e dispositivi medici per un valore di 25 milioni di euro. Solo in Italia, nell’ambito della stessa operazione i NAS dei Carabinieri hanno  sequestrato 62mila confezioni di farmaci e 1,5 milioni di unità tra compresse, fiale e polveri da lavorare. Il commercio illegale in Rete non ha risparmiato nemmeno l’ormai trascorsa  campagna vaccinale. Al riguardo, nell’aprile del 2021, la Guardia di Finanza aveva individuato e bloccato un giro di vendite di vaccini che coinvolgeva 4.000 iscritti. A maggio dello scorso anno è stata portata a termine anche la quattordicesima edizione dell’operazione “Pangea”, che ogni  anno vede le Forze di polizia di diversi paesi coordinarsi  a livello internazionale per contrastare il fenomeno della contraffazione. L’operazione, conclusa il 25 maggio, ha interessato 55 paesi; le attività di controllo sono state effettuate presso i maggiori hub aeroportuali dei corrieri e delle poste, in ragione dell’elevato numero di spedizioni che interessano i prodotti contraffatti, la maggior parte dei quali provenienti dalla Cina.

Leggi anche

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer