Farmaci contraffatti: la falsificazione nel settore della salute sul web

farmaci contraffatti

La falsificazione è un fenomeno esteso e che non riguarda solo beni di lusso: nel mirino dei falsari ci sono anche i farmaci contraffatti e in generale il settore della salute. Sebbene le statistiche siano variabili in relazione al livello di medicinali contraffatti, si calcola che la percentuale di farmaci contraffatti vari fra l’1 e il 10% circa del settore farmaceutico globale (fonte: AIFA). Numeri preoccupati, ma che presentano variazioni sensibili tra paesi in via di sviluppo e non.
L’Eurispes, nell’àmbito delle attività di studio e ricerca promosse dall’Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza fondato con Enpam, ha voluto approfondire il panorama dei  mercati illeciti afferenti in particolare ai prodotti farmacologici che viaggiano attraverso il Web. Negli ultimi anni, infatti, il commercio in Rete ha conosciuto una crescita esponenziale. Basti pensare che nelle principali economie, tra il 2018 e il 2020, le vendite al dettaglio online sono aumentate del 41%. Una crescita certamente accelerata anche dalle limitazioni imposte dalla pandemia da Covid-19. Secondo Osservatorio  eCommerce  B2, solo nel nostro Paese, nel  2021, gli acquisti online hanno  raggiunto un valore di 39,4 miliardi di euro (+21% rispetto al 2020). Sappiamo inoltre che attualmente, in Italia, l’85% della popolazione ha accesso a Internet; nel 2021 era l’82%, mentre prima della pandemia, nel 2019, era il 78%. Tra gli utenti che ogni giorno accedono alla Rete, il 62% nel 2022 ha acquistato beni e servizi online; nel 2020 erano il 54%, prima della pandemia (2019) il 49% (Eurostat). La rapida crescita della Rete, però, oltre a permettere di mantenere l’apparenza di una normalità economica, ha anche offerto terreno fertile per facilitare l’infiltrazione di prodotti illeciti. All’apice della pandemia si sono fatti spazio senza troppe difficoltà dispositivi medici di protezione  contraffatti, come mascherine, nonché farmaci, integratori, ed anche falsi vaccini. Tutto ciò è reso possibile, in modo particolare, dalle modalità di trasporto utilizzate; su tutti, i servizi postali. I dati sull’Unione  europea indicano, infatti, come riguardo al commercio in Rete, il  91% delle detenzioni di prodotti contraffatti avesse coinvolto direttamente i servizi postali o di corriere; mentre per i prodotti contraffatti non legati al commercio in Rete, i servizi postali risultavano coinvolti solo nel 45% dei casi. 

Lo sviluppo della Rete e provenienza dei falsi

Per quanto riguarda la vendita Business to Consumer (B2C), la Cina domina le transazioni mondiali registrando una percentuale di vendite pari a 1.539  miliardi, corrispondenti al 59% del suo totale, contro lo stesso segmento negli Stati Uniti che vale solo il 13% (UNCTAD 2021). Il ruolo della Cina nelle vendite in Rete dirette ai consumatori è significativo in quanto dalla Cina, e più in generale dai paesi  dell’Asia, arrivano la maggior parte delle merci false o contraffatte, farmaci  compresi, dirette verso l’Unione europea. Considerando le operazioni di sequestro  doganali effettuate tra il 2017 ed il 2019, le principali economie di provenienza dei prodotti risultano essere proprio Cina e Hong Kong, seguite dalla Turchia. Allargando poi lo spettro emergono in maniera significativa anche altri paesi asiatici tra cui Singapore, Malesia, Taipei, Tailandia e Vietnam.

Tipologie di prodotto e contraffazione farmaceutica

Quello della contraffazione di farmaci è un fenomeno in larga parte ancora sommerso, i cui  dati risultano fortemente sottostimati. Si ritiene infatti che il mercato dei farmaci contraffatti valga addirittura il doppio di quello degli stupefacenti: nel 2010 le stime parlavano di circa 200 miliardi di dollari. Quando si parla di contraffazione di farmaci, le indagini dell’OMS indicano come solo l’1% dei farmaci venduti illegalmente presenti la composizione originale. Il resto non conterrebbe i princìpi attivi (32,1%), o questi sarebbero presenti in quantità non corrette (20,2%), oppure, nella peggiore delle ipotesi, composti da ingredienti sbagliati (21,4%), o contenenti alti livelli di impurità e contaminanti (8,5%). I dati evidenziano l’ampia presenza di farmaci salvavita, come antibiotici e anti-malarici, la cui contraffazione causa ogni anno vittime in tutto il mondo, colpendo in maniera particolare i paesi in via di sviluppo. Secondo la Transnational Alliance for illicit Trade, la quota di falsi nei mercati in via di sviluppo potrebbe rappresentare ben oltre il 10%, raggiungendo fino al 30% in paesi come Asia, Africa e America Latina e, più del 20% nelle economie dell’ex Unione Sovietica.

Paesi di provenienza dei farmaci contraffatti

Gli ultimi dati ufficiali disponibili, ricavati dal Rapporto OCSE pubblicato nel 2019, risalenti al biennio 2014-2016, mostrano come i paesi dell’Asia siano anche i principali paesi di provenienza di farmaci e prodotti per la salute contraffatti. Si conferma il ruolo di Cina, Singapore ed Hong Kong, ma emerge anche l’India. Il fatto che le economie dell’Asia rappresentino l’ampia maggioranza delle esportazioni di farmaci non è affatto casuale. Al contrario, rispetta una tendenza che ha interessato negli anni la globalizzazione dell’economia. Il settore farmaceutico, come altri settori, ha vissuto una separazione sempre più netta tra l’attività di ricerca, concentrata nelle economie sviluppate come quella europea e nord-americana e l’attività di produzione, esternalizzata verso l’Asia, in particolare proprio tra India e Cina. I dati infatti indicano come in Europa e negli Stati Uniti gli investimenti in attività di ricerca nel settore farmaceutico assorbano rispettivamente il 19,2% ed il 26,4% degli investimenti totali in ricerca e sviluppo, mentre in India e Cina il valore degli investimenti si attesta a livelli nettamente inferiori, rispettivamente all’8,5% e al 5,5%. Diversamente, con riguardo alla produzione, l’India si conferma oggi sempre più leader nella fornitura di farmaci, con quote di mercato globale del 20% nei farmaci generici. Al tempo stesso, il paese provvede anche a soddisfare circa la metà della domanda mondiale di vaccini. La Cina, dal canto suo, si è affermata negli anni come leader indiscusso nella produzione dei princìpi attivi di base utilizzati per la sintesi dei farmaci. Quest’ultima  infatti provvede alla produzione del 13% della quota mondiale, da cui la stessa India importa il 70% dei princìpi attivi utilizzati dalla propria industria. L’esternalizzazione della produzione da parte delle grandi aziende farmaceutiche ha quindi permesso a questi paesi di modernizzare le proprie  industrie, un fattore che, in parallelo a controlli meno stringenti, ha favorito la base ideale per l’infiltrazione di prodotti illegali nel mercato.

Prodotti contraffatti ed e-commerce nel continente europeo

Secondo le agenzie OCSE ed EUIPO, in base ai dati relativi ai sequestri forniti dalle Autorità di polizia nell’Unione europea, la maggiorparte dei sequestri relativi a merce contraffatta, tra il 2017 e 2019 all’interno dell’Unione, riguarda i prodotti venduti in Rete. Anche nel caso dei farmaci contraffatti, il 72% dei sequestri totali è riconducibile a prodotti commercializzati in Rete. Per quanto riguarda gli strumenti e i dispositivi medici, la percentuale è del 71%. Ed infine nel caso dei prodotti di cosmesi, la percentuale sale al 75%.

Contraffazione, tra integratori e cosmesi

La combinazione tra la libertà di acquisto ed i minori controlli hanno fatto sì che gli integratori, come i prodotti di cosmesi, diventassero negli ultimi anni uno dei settori maggiormente permeabili alla contraffazione, soprattutto nelle economie più sviluppate. Nel  2018 l’AIFA aveva dichiarato come gli  integratori, insieme ai potenziatori sessuali,  fossero i prodotti più “imitati” rappresentando circa il 60/70% del totale dei  prodotti per la salute contraffatti presenti in Italia. Discorso simile può essere fatto per i prodotti cosmetici contraffatti. In Europa, si stimano ogni anno perdite per 9,6 miliardi di euro, di cui 935 milioni solo in Italia. Questi prodotti possono contenere sostanze farmacologicamente attive, funghi, batteri, metalli pesanti. A far preoccupare è inoltre la tendenza all’“autotrattamento” che, soprattutto con gli acquisti online, portaa fare a meno del parere medico.

Farmaci contraffatti e attività di contrasto

Di particolare rilevanza è stata l’operazione “Shield”, coordinata dall’Europol in  collaborazione con 19 Stati membri dell’Unione europea. L’operazione, iniziata nei primi  mesi del 2020, si è tradotta con l’arresto di 660 persone e con l’oscuramento di 453 siti Web, nonché al sequestro di medicinali e dispositivi medici per un valore di 25 milioni di euro. Solo in Italia, nell’ambito della stessa operazione i NAS dei Carabinieri hanno  sequestrato 62mila confezioni di farmaci e 1,5 milioni di unità tra compresse, fiale e polveri da lavorare. Il commercio illegale in Rete non ha risparmiato nemmeno l’ormai trascorsa  campagna vaccinale. Al riguardo, nell’aprile del 2021, la Guardia di Finanza aveva individuato e bloccato un giro di vendite di vaccini che coinvolgeva 4.000 iscritti. A maggio dello scorso anno è stata portata a termine anche la quattordicesima edizione dell’operazione “Pangea”, che ogni  anno vede le Forze di polizia di diversi paesi coordinarsi  a livello internazionale per contrastare il fenomeno della contraffazione. L’operazione, conclusa il 25 maggio, ha interessato 55 paesi; le attività di controllo sono state effettuate presso i maggiori hub aeroportuali dei corrieri e delle poste, in ragione dell’elevato numero di spedizioni che interessano i prodotti contraffatti, la maggior parte dei quali provenienti dalla Cina.

Leggi anche

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali