“Il Mar Nero…è un mare europeo”. Opportunità e condizioni per una nuova cooperazione

European Black Sea

“Il Mar Nero…è un mare europeo”

Che il Mar Nero sia un mare europeo è un’affermazione esplicita che si trova in diversi documenti della Commissione e del Parlamento europeo approvati negli anni 2007-2008 in occasione dell’ingresso ufficiale di Romania e Bulgaria nell’Unione. Vale per tutte, a titolo esemplificativo, la comunicazione della Commissione europea “Sinergia del Mar Nero – una nuova iniziativa di cooperazione regionale” (COM(2007)160 def.) nella quale il mare in questione viene riconosciuto formalmente come “mare europeo” e come unicum con il Mar Mediterraneo.

A questi orientamenti politici della Ue si è richiamato l’Ambasciatore greco Michael B. Christides, Segretario generale del Segretariato Internazionale Permanente dell’Organizzazione della cooperazione economica del Mar Nero (BSEC), nel corso della conferenza promossa dall’Unione per il Mediterraneo (UpM) lo scorso 27 maggio 2021, durante la quale è stato analizzato in modo molto approfondito lo stato reale del processo di integrazione economica dell’area mediterranea.

La BSEC nel Mar Nero

L’Ambasciatore Christides, questo il punto da sottolineare, ha colto l’occasione per richiamare e illustrare ai partecipanti alla conferenza il valore di questa istituzione di cooperazione internazionale. La BSEC, che è poco conosciuta dall’opinione pubblica, ma che è, tuttavia, attiva fin dal 1992, costituisce un importante strumento per superare la situazione contraddittoria che caratterizza l’area in questione. Da un lato, infatti, gli Stati che gravitano sul Mar Nero hanno vissuto in questi anni, e in parte continuano a vivere, delle grandi tensioni politiche e conflitti anche militari; ma, dall’altro, hanno continuato ad operare in sinergia e a sostenere, ormai da tanti anni, un comune strumento di cooperazione che interviene attivamente in àmbito economico, sociale e ambientale. Collegare, dunque, le iniziative che la Ue intende realizzare nel Mediterraneo a quelle che la BSEC promuove nel Mar Nero potrebbe offrire una grande opportunità per rilanciare la cooperazione euro-mediterranea in termini più compiuti ed efficaci e contribuire, nello stesso tempo, a ridurre le tensioni nell’area del Mar Nero con un maggiore impulso allo sviluppo comune.

Un’organizzazione economica nel Mar Nero

A tal riguardo è importante ricordare che l’Organizzazione della cooperazione economica del Mar Nero (BSEC) fu istituita il 25 giugno 1992, quando i Capi di Stato e di governo di undici paesi interessati allo sviluppo dell’area firmarono ad Istanbul la “Dichiarazione del Vertice” e la “Dichiarazione del Bosforo”. Questo organismo nacque come modello di iniziativa politica ed economica multilaterale, volto a promuovere l’interazione e l’armonia tra gli Stati membri, nonché a garantire pace, stabilità e prosperità, incoraggiando relazioni amichevoli e di buon vicinato nella regione del Mar Nero. Con l’entrata in vigore della sua Carta istitutiva, il 1° maggio 1999, la BSEC ha acquisito un’identità giuridica internazionale e si è trasformata in un’organizzazione economica regionale a tutti gli effetti. Con il tempo, l’Organizzazione ha definito e realizzato maggiormente la propria identità e autonomia costituendo e gestendo, ad esempio, una banca di investimenti e promuovendo progetti di comune interesse. Nonostante, ripetiamo, i numerosi conflitti politici e militari locali che si sono susseguiti nel tempo, gli Stati membri della BSEC sono attualmente attivi e partecipi di questa istituzione internazionale. Tali Stati, tra i quali si segnalano tre membri della Ue, sono: Repubblica di Albania, Repubblica di Armenia, Repubblica di Azerbaigian, Repubblica di Bulgaria, Georgia, Repubblica ellenica, Repubblica di Moldavia, Repubblica di Macedonia del Nord, Romania, Federazione Russa, Repubblica di Serbia, Repubblica di Turchia, Ucraina.

L’auspicio è che si possa costruire un più intenso e forte rapporto di cooperazione tra Ue e BSEC per contribuire a rimuovere tanti ostacoli tuttora esistenti alla collaborazione tra gli Stati, generando una maggiore fiducia reciproca e affrontando insieme le gravi sfide comuni, legate, ad esempio, alla sostenibilità dello sviluppo, alla protezione dell’ambiente, ai cambiamenti climatici.

Il rinnovato interesse dell’Ue per il Mar Nero

Diversi e importanti segnali positivi sono arrivati a tale proposito dalla Ue, soprattutto negli ultimi anni. Dopo un lungo periodo che non è fuor di luogo definire di “silenzio” o “disattenzione” sulle problematiche comuni Mar Mediterraneo-Mar Nero. In pratica, a distanza di un decennio dai documenti approvati nel 2007-2008, la Ue ha rinnovato il proprio interesse, come è dimostrato dalla pubblicazione di importanti studi, rapporti, raccomandazioni avvenuti, in particolare, nel 2019 e 2020. A titolo di esempio si citano:

  1. a) il programma di ricerca “Agenda strategica di ricerca e innovazione per il Mar Nero” (“Strategic Research and Innovation Agenda for the Black Sea” (SRIA), di alto valore scientifico, lanciato nel 2018 dalla Commissione europea in accordo con gli Stati del Mar Nero, al fine di «promuovere una visione condivisa per un Mar Nero produttivo, sano, resiliente e sostenibile entro il 2030, tenendo conto delle sue caratteristiche ecosistemiche speciali e uniche. In particolare, la sua biodiversità unica, i siti del patrimonio culturale e le nuove misure politiche locali, nazionali e transfrontaliere»;
  2. b) il rapporto (documento di lavoro) pubblicato dalla Commissione nel 2019, “La sinergia del Mar Nero: esame della iniziativa di cooperazione regionale nel periodo 2015-2018” (“Joint staff working document. Black Sea Synergy: review of a regional cooperation initiative – period 2015-2018”). In particolare, il rapporto illustra come la regione presenti un grande potenziale per la interconnettività sia all’interno dell’Ue sia tra i continenti, considerando il ruolo di collegamento del bacino del Mar Nero menzionato nella comunicazione Ue del 2018 su “Collegare l’Europa e l’Asia: elementi fondamentali per una strategia dell’Ue”. Altri àmbiti di intervento che offrono opportunità di cooperazione futura riguardano gli affari sociali, l’occupazione e il commercio;
  3. c) l’“Agenda marittima comune per il Mar Nero” (“Common maritime agenda for the Black Sea”) approvata dalla Commissione nel 2019 che è stata rafforzata dalla “Dichiarazione di Sofia”, sempre del 2019, approvata da un vertice ministeriale di cinque Stati (Bulgaria, Georgia, Moldova, Romania, Turchia) con la Commissione europea per regolamentare le attività della pesca e tutelare l’ambiente marino;
  4. d) sempre nel 2019 si registra una importante presa di posizione politica del Consiglio europeo con l’approvazione del documento “Conclusioni del Consiglio sull’impegno Ue per la cooperazione regionale nel Mar Nero” (“Council Conclusions on the EU’s engagement to the Black Sea regional cooperation”) che fornisce indirizzi in materia di sviluppo sostenibile e di proposte future di policy. Di rilievo i punti del documento nei quali il Consiglio «esaminerà una revisione più sostanziale della politica dell’Ue nei confronti del Mar Nero, ove necessario» e ove «incoraggia l’Alto rappresentante e la Commissione europea a tenere in debita considerazione la Sinergia del Mar Nero nella futura programmazione della cooperazione finanziaria e tecnica».

Da questi, come da altri recenti documenti, è possibile evincere come, ad oggi, la regione del Mar Nero rappresenti ancora un’area di interesse sociale, economico e politico per la Ue. Resta da comprendere quale rapporto la Ue potrebbe rilanciare con la BSEC per costruire ulteriori opportunità di integrazione e crescita tra le realtà dei due mari.

Leggi l’articolo in inglese

 

*Riccardo Testa, Eurispes, Dipartimento Internazionale – Università LUMSA

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento