Attualità

L’ultimatum di Conte, l’arrivo della procedura d’infrazione e la legittima difesa. L’analisi dei Tg

73

L’ultimatum di Conte: «Non vivacchio, pronto a dimettermi»; l’arrivo della procedura d’infrazione impone la pace nella maggioranza: “The show must go on”; il caso Palamara in primo piano; la vicenda del tabaccaio di Ivrea, indagato per eccesso di legittima difesa per aver sparato contro i ladri che stavano derubando il suo negozio, uccidendo un 24enne moldavo, scala le scalette di venerdì. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 3 al 7 giugno.

La conferenza stampa/ultimatum del premier Conte (apertura lunedì per tutte le testate) impone alle forze di maggioranza di ritrovare giocoforza la pace; da ciò, l’intesa sul decreto sblocca cantieri di martedì (primo titolo per tutti). Il Governo si appresta così ad affrontare unito la procedura d’infrazione in arrivo da Bruxelles, un tema che apre tutte le testate del mercoledì. È la prima volta che la Commissione arriva a tanto, e a questo unicum nella storia dell’Unione (un destino cui “perfino la Grecia era scampata”, ricorda Tg La7) l’alleanza gialloverde risponde giovedì serrando ulteriormente i ranghi e rilanciando l’attività dell’esecutivo (5 aperture) sulle riforme economiche: “Il Governo deve andare avanti”.

Moderatamente presenti le opposizioni, che nei toni ripropongono dichiarazioni da campagna elettorale. Maggior peso acquisiscono, questa settimana, gli interventi degli istituti economici, con diverse testate che titolano sui rilievi negativi sulla crescita, giovedì di Moody’s e venerdì da parte di Bankitalia, mentre la voce dei giovani di Confindustria spicca venerdì sulle aperture dei Tg Mediaset. Tg3, Tg1, Tg5 e Tg La7 rilanciano da giovedì la proposta dei “minibot” avanzata dal leghista Giorgetti, registrando l’altolà del presidente Bce Draghi.

Caso Palamara, ombre sull’Anm. Di Pietro al Tg2: correnti, patologia del sistema
L’allargamento dell’inchiesta sulle nomine pilotate, partita dall’ex presidente Anm Palamara e che martedì ha portato all’autosospensione di 4 membri del Csm, è presente su tutte le testate (10 titoli in settimana); Tg1 e Tg3 riprendono le parole del vicepresidente Ermini: “Riscatto, o saremo perduti”; Tg La7 ripropone le dichiarazioni dell’attuale Presidente Anm Caputo, che chiede le dimissioni di tutti i coinvolti; Tg2 chiama giovedì a commentare un’altra storica figura della magistratura, Antonio Di Pietro, che indica nel correntismo una “patologia” del sistema giudiziario. Nel complesso, non si registra una particolare attenzione da parte dei Tg Mediaset, in passato assai solerti a segnalare contraddizioni o inadempienze del sistema giudiziario.

Arresti nel foggiano; De Raho sui Tg Rai: “Cittadini, schieratevi contro le mafie”
Le operazioni di smantellamento di una cosca mafiosa nel foggiano ricevono dettagliate coperture dai Tg Rai (4 titoli), con Tg3 che vi dedica, tra mercoledì e giovedì, alcuni buoni approfondimenti, rilanciando assieme a Tg1 l’intervento del Procuratore antimafia De Raho, che incita la società civile a schierarsi. Tg2 ritorna, con un titolo di giovedì, sulle indagini per la sanità umbra che coinvolgono i maggiori esponenti del Pd regionale, mentre Tg3, Tg1 e Tg La7 ripropongono negli stessi giorni un caso che vedrebbe coinvolto il viceministro leghista Gravaglia.

Legittima difesa, Salvini: “Sto con il negoziante che ha sparato”. Papa Francesco lamenta la tragedia di Noa. Mentana richiama la memoria di Dj Fabo
La vicenda del tabaccaio di Ivrea, indagato per eccesso di legittima difesa per aver sparato contro i ladri che stavano derubando il suo negozio, uccidendo un 24enne moldavo, scala le scalette di venerdì. Titoli per tutti, apertura per Studio Aperto, Tg4 e Tg2 che ci fa sapere fin dal primo titolo che Salvini è dalla parte del negoziante.
Grande attenzione anche per la storia di Noa, 17enne olandese vittima di disagio psichico che, vedendosi respingere la richiesta di autorizzazione all’eutanasia (contrariamente a quanto circolato sul web il giorno prima), ha scelto di lasciarsi morire. Tg3 e Tg1 riprendono fin dai titoli le parole di Papa Francesco, che descrive la vicenda come una “sconfitta per tutti”, mentre Tg5 raccoglie il parere dello psichiatra Andreoli. Su questi temi si esprime anche Mentana, che però coglie l’occasione per un amaro commento rivolto al Parlamento, ricordando come, a oltre un anno dalla morte di Dj Fabo, l’Italia non si sia ancora dotata di una legge sul suicidio assistito.

I Tg Mediaset minori (Studio Aperto e Tg4) propongono in settimana numerosi episodi di violenza e cronaca nera, presenti in 16 titoli (circa 1/3 delle scalette), di cui sono state vittime donne, anziani o bambini (4 titoli vanno al caso della minore disabile egiziana quasi uccisa dai genitori): si tratta di un grande ritorno di “storiche” linee editoriali mai passate di moda.

Il viaggio di Trump nel Regno Unito, tra celebrazioni e gaffes. Tg2, solista sulla vicenda Renault
Il viaggio di Trump nel Regno Unito e poi in Francia per le celebrazioni del 75esimo anniversario del D-day è molto seguito, e presente in 16 titolazioni. Le gaffes del Presidente Usa risultano ben documentate, e nessuna testata concorda nel derubricare le contestazioni nei suoi confronti a fake news. Sempre da Londra, l’ultimo giorno di Theresa May alla guida dei Tories trova venerdì pochi interessati, ed è nei titoli solo di Tg La7 e Tg2.

Il Tg di Gennaro Sangiuliano è la sola testata a dedicare un approfondimento alla decisione del governo francese di non consentire la fusione tra Fiat Chrysler e Renault, che aveva fatto giubilare le borse la scorsa settimana, segnalando con la consueta acrimonia verso il vicino d’oltralpe l’atteggiamento contraddittorio e “sovranista” della Francia. Anche Mentana, da studio, non è tenero con il governo francese.

Sul Tg3 l’Africa che parla cinese
Oltre a presidiare l’area del sociale, dedicando spesso buoni servizi alla tematica dell’integrazione, agli sbarchi e ai morti nel Mediterraneo, Tg3 ha proposto in settimana un’interessante reportage in più puntate dai paesi africani bagnati dall’Oceano Indiano, che nell’ultimo decennio hanno visto massicci investimenti in infrastrutture da parte della Cina, legandosi a doppio filo con la potenza economica asiatica: un mix di opportunità e di rischi per il futuro.

Ultime notizie
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot
Informazione

Italia Paese pigro e disimpegnato. Pagnoncelli: “La realtà fa a pugni con la percezione”

Qual è il nostro livello di conoscenza della realtà, quale consapevolezza abbiamo del mondo che ci sta attorno, dei fenomeni che si verificano, delle conseguenze che generano? Il libro di Pagnoncelli, La penisola che non c’è, è una guida utile nella comprensione del momento attuale e delle sue dinamiche.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura & Turismo

Turismo, Federalberghi: “Sgravi fiscali per gli operatori e lotta all’abusivismo”

Le opportunità, ma anche i pericoli, delle piattaforme digitali di condivisione che hanno introdotto modi nuovi di viaggiare; la necessità di tornare a governare questa industria con un Ministero dedicato. Ne parliamo con il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
di Susanna Fara