Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

maternità surrogata

Maternità surrogata come reato universale: qualche giorno fa, la Commissione Giustizia del Senato ha approvato il disegno di legge che introduce tale provvedimento nel nostro ordinamento. Approvati gli emendamenti, il prossimo passo sarà il dibattimento in Aula. Fortemente voluto da Fratelli d’Italia e dalla stessa Premier Meloni, il provvedimento sulla maternità surrogata è appoggiato dalla maggioranza, ma vede tutte le opposizioni contrarie. Il reato sarà perseguibile anche verso chi va all’estero per ricorrere alla maternità surrogata. Ma che cosa ne pensano gli italiani?

Maternità surrogata, 6 italiani su 10 sono contrari

Anche quest’anno il Rapporto Italia 2024 dell’Eurispes ha dedicato ampio spazio ai temi etici e registrato le opinioni degli italiani su fecondazione eterologa e maternità surrogata, il cosiddetto “utero in affitto”. Ebbene, il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, una percentuale che è cresciuta progressivamente rispetto al 2021, quando era favorevole il 59,8% dei rispondenti italiani. Più di un terzo degli italiani (37,1%) si dichiara favorevole, una percentuale consistente ma comunque minoritaria. Per quanto riguarda la fecondazione eterologa, invece, che richiede l’utilizzo di gameti donati da individui esterni alla coppia, 6 italiani su 10 si dichiarano favorevoli. Tale percentuale è cresciuta di circa il 3% negli ultimi due anni. L’utero artificiale – in via di sperimentazione sull’uomo, con l’obiettivo di supportare lo sviluppo umano del concepimento alla nascita, ma anche per i nati prematuri – vede invece contrario il 60,1% degli italiani. Per area politica, chi maggiormente avversa la possibilità di ricorrere alla maternità surrogata si dichiara di Destra (73,8%) e di Centro-Destra (72,5%), mentre la percentuale più alta di favorevoli si riscontra tra gli elettori del Movimento 5 Stelle (45,7%). La fecondazione eterologa trova contrari soprattutto gli elettori di Centro-Destra (51%) e di Destra (49,3%), mentre le percentuali più alte in favore si trovano, anche in questo caso, tra gli elettori del Movimento 5 Stelle (73,9%).

I giovani più aperti ai temi legati alla procreazione assistita, il 58% è favorevole anche all’utero in affitto

Considerando i dati in base alla fascia d’età, si scopre che sono favorevoli alla fecondazione eterologa soprattutto le fasce d’età tra i 18 e i 24 anni (74,4%), tra i 25 i 34 anni (72,2%) e tra i 35 e i 44 anni (68,7%). Il consenso diminuisce tra i 45-64enni (60%) e fa registrare un calo sensibile tra gli over 64 (43,9%). L’utero in affitto rappresenta, invece, un’idea di maternità ancora non metabolizzata all’interno dell’opinione pubblica: tra i 18 e i 24 anni si dichiara favorevole il 58% degli intervistati, tra i 25-34enni tale possibilità è accettata dal 51% degli italiani e la percentuale scende al 43% tra i 35-44enni. Col progredire dell’età il sentire comune si allontana sempre più dall’ammettere la liceità di tale pratica, con soltanto il 33,2% dei 45-64enni che si dichiara d’accordo, percentuale che scende fino al 25% tra le persone con più di 65 anni. L’idea di utilizzare un utero artificiale, pratica in via di sperimentazione sull’essere umano, con l’obiettivo di supportare lo sviluppo umano dal concepimento alla nascita e per i nati prematuri, è condivisa dal 60,2% dei giovani tra i 18 e i 24 anni. Il consenso cala tra i 25-34enni a poco più di un intervistato su due (50,2%) e scende sensibilmente tra gli over 64 (28,2%). 

La maternità surrogata è un tema più complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica, da Nord a Sud

Per area geografica, sulla fecondazione eterologa i maggiori consensi provengono dal Nord-Ovest e dal Sud con, rispettivamente, il 57,9% e il 52% dei pareri a favore, mentre nel Nord-Est si assiste ad un certo grado di chiusura sul tema, con solo il 48,2% delle risposte favorevoli, chiusura che si allarga ancor di più al Centro (36,9%) e nelle Isole (34,4%). Se la fecondazione assistita rappresenta una questione che solo in alcune zone d’Italia incontra il favore di più di un italiano su due, il tema della maternità surrogata si rivela essere ancora molto lontano da un’accettazione condivisa nel nostro Paese: al Sud solo poco più di quattro intervistati su dieci (43,2%) ammettono il ricorso alla maternità surrogata, mentre nelle Nord-Est e nel Nord-Ovest la forbice del dissenso si allarga sensibilmente e, rispettivamente, solo il 34,6% e il 34,5% degli intervistati si trovano d’accordo. Le persone maggiormente istruite dimostrano il consenso più ampio sulla fecondazione eterologa: si dice favorevole il 67,5% di chi ha conseguito una laurea o un master e il 60,1% di chi si è diplomato, seguiti dal 54,7% di chi possiede la licenza elementare e, a grande distanza rispetto ai laureati, dal 32,7% di chi ha conseguito la licenza elementare. L’utero in affitto costituisce un tema più complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica: meno di 4 italiani su 10, tra quelli laureati, si dicono a favore (37,7%) ‒ 38,3% tra i diplomati, mentre tra chi possiede la licenza media o elementare tale percentuale diminuisce, rispettivamente, fino al 34,3% e al 22,4%.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione