Oltre il Covid-19. Gioco pubblico e dipendenze in Sardegna

gioco Sardegna

Dopo gli studi condotti dall’Eurispes per fotografare la situazione del comparto del gioco in Puglia, Piemonte, Lazio, e dopo l’approfondimento dedicato al mondo del Bingo, l’Istituto ha voluto monitorare lo stato del settore in Sardegna.
La ricerca Oltre il Covid-19. Gioco pubblico e dipendenze in Sardegna, realizzata con il contributo dell’Assessorato regionale alla Programmazione e al Bilancio, si pone come un punto di raccordo e continuità rispetto alle precedenti pubblicazioni, in grado di fornire una panoramica sulla normativa, sui numeri, sugli aspetti sanitari attinenti all’area del gioco pubblico nella Regione Sardegna, ma anche sul fenomeno dell’illegalità.

Il gioco legale si è fermato, in attesa di una ripresa densa di incognite

In questo ultimo anno, caratterizzato dagli effetti del Covid-19, anche il gioco legale si è fermato, e resta in attesa di una ripresa che sembra essere ancora densa di incognite.

La ricerca si apre con l’analisi dell’evoluzione e dei numeri dei consumi relativi a quelle che sono le diverse tipologie di gioco presenti sul territorio regionale (la raccolta, le vincite e la spesa). Viene, poi, riproposto il quadro normativo della Legge Regionale n. 2/2019 (Disposizioni in materia di disturbo da gioco d’azzardo), nonché i regolamenti delle città di Cagliari e di Sassari. La ricerca si concentra inoltre sugli effetti delle misure per il contrasto delle dipendenze, con particolare attenzione allo strumento del “distanziometro” e alla compressione degli orari, evidenziando l’inadeguatezza di tali misure anche alla luce di contributi scientifici dell’area medica e del mondo della ricerca. In tal senso, infatti, l’operato della Regione Sardegna costituisce un esempio positivo in termini di organizzazione ed attività dei presìdi sanitari presenti sul territorio e dedicati all’attività di prevenzione e cura del DGA.

La ricerca è, infatti, arricchita da una sezione relativa all’attività dei presìdi sanitari (con un’intervista alla Responsabile dell’Unità Operativa di Cagliari), dai dati delle Unità Operative, e da quelli raccolti dalla Guardia di Finanza, oltre ad un focus sulla specificità della Sardegna nella Relazione della Direzione Investigativa Antimafia. Il fine è quello di offrire un contributo per l’individuazione di provvedimenti che siano realmente efficaci per il contrasto di tutte le forme di dipendenza connesse al gioco con vincita in denaro, avendo ben presenti i rischi connessi all’espansione dei fenomeni illegali e criminosi.

Il gioco pubblico in Sardegna

La domanda di gioco degli italiani non è affatto diminuita. Il mondo dell’online, del Lotto e delle lotterie registrano una crescita costante e significativa.
Tuttavia, quando si sarà allentata la fase emergenziale dovuta alla pandemia, riemergeranno, aggravati dalla durissima crisi che si sta affrontando ora, quei problemi che l’Eurispes già da tempo si è impegnato a segnalare, vere e proprie contraddizioni che attraversano la galassia del gioco pubblico nel nostro Paese, a partire dalla farraginosità normativa o dalla scarsità dell’offerta socio- sanitaria.

In Sardegna è in vigore, già da due anni, una legge che si configura, in certa misura, come una “fotocopia” di quelle varate negli anni precedenti da numerose altre Amministrazioni e che, con lo specifico obiettivo di prevenire e contrastare il Disturbo da Gioco d’Azzardo, ha riproposto strumenti come il “distanziometro”, riservando ai Comuni la facoltà di determinare gli orari dell’offerta del gioco pubblico. La Legge Regionale, 11 gennaio 2019 n. 2 (Disposizioni in materia di Disturbo da Gioco d’Azzardo), ha senz’altro il merito di aver dedicato un ampio spazio al tema della prevenzione e al coinvolgimento di diversi livelli della società civile, ed in particolare al ruolo della scuola, tuttavia ha affrontato il tema del gioco e delle dipendenze solo nel 2019. Prendendo in considerazione, in massima parte, il 2019, l’ultimo anno “normale”, l’Eurispes ha potuto ricostruire il quadro di una Regione che, come altre, ha bisogno di un organico riordino dell’intera offerta, ripartendo dallo spirito dell’Intesa del settembre 2017. Ciò risulta essenziale per evitare le tante difformità, generate dalle legislazioni regionali e dai regolamenti comunali, che producono un’immagine del Paese eterogenea: una sorta di “federalismo del gioco” che, come è evidente, non è in grado di produrre risultati organici per l’intero Paese.

I “numeri” del gioco in Sardegna

Uno degli indicatori per saggiare il reale impatto dell’offerta di gioco pubblico su di un determinato territorio, è rappresentato dal volume pro capite complessivo delle “giocate” dei cittadini interessati. Questo dato vede la Sardegna collocarsi nella fascia bassa (1.154 euro pro capite) della classifica delle regioni italiane, ben al di sotto la media nazionale (1.463 euro). La cifra è comunque riferibile ai soli giochi su “rete fisica”, con esclusione dunque del giocato online.

Per quanto riguarda la spesa nel 2017 era di 457 milioni di euro, mentre nel 2019 di 467. Le vincite si attestavano nel 2017 a 1.186 milioni di euro, e nel 2019 erano pari a 1.165 milioni. La raccolta, invece, era di 1.649 milioni rispetto ai 1.631 nel 2019.
Nel triennio 2017-2019 si registra una sostanziale stabilità nei volumi della raccolta, delle vincite e della spesa. Il periodo preso in esame non risente dell’impatto della legge del gennaio 2019, né sui trend hanno inciso la riduzione stabilita dal MEF relativamente alle AWP o i diversi regolamenti comunali che hanno disciplinato gli orari dell’offerta del gioco pubblico.

Malgrado le limitazioni degli orari e la riduzione del numero degli apparecchi AWP – che tra il 2017 e il 2018 sono diminuite del 30% (da 13.816 a 9.671) –, nel triennio in esame si è assistito ad una diversa articolazione del consumo che, però, non ha modificato i dati complessivi. Ciò va a riprova del fatto che la domanda di gioco è costante nel tempo.

Il lockdown ha dato una brusca frenata ai volumi di gioco 

Per quel che riguarda il 2020, i dati del primo semestre che, da marzo, ha visto la sostanziale chiusura del gioco fisico, attestano l’inabissarsi dei volumi di gioco. Per fare qualche esempio, nel I semestre del 2019 il Lotto aveva raccolto ben 92 milioni di euro, nello stesso periodo del 2020 il volume è sceso a 58 milioni; allo stesso modo, si è passati dagli 11 (I semestre 2019) ai 4,9 milioni (I semestre 2020) per il Bingo e dai 517 (I semestre 2019) ai 201 (I semestre 2020) milioni per gli apparecchi. È dunque plausibile ipotizzare che la domanda di gioco “compressa” dalla pandemia, si sia riversata sui altri canali, quello online soprattutto, ma anche sul circuito illegale, ad oggi privo di una indagine conoscitiva fondamentale per comprenderne i potenziali volumi e le relative “contromosse” che lo Stato dovrebbe adottare a tutela dei cittadini e degli interessi erariali.

Molti giocatori incappano in reti illegali e ne fruiscono in modo inconsapevole

Dai dati del triennio 2017-2019 risulta evidente come anche in Sardegna la domanda di gioco sia una realtà diffusa e consolidata. Per questo, politiche indirizzate alla prevenzione e al contenimento delle dipendenze da gioco che incidono solo sull’offerta non possono che fallire ottenendo, anzi, non una riduzione dei consumi ma un loro trasferimento nell’area dell’illegalità. L’ultima rilevazione dell’Eurispes sul fenomeno (2019) ha fatto emerge un numero di giocatori che si sono rivolti ai circuiti illegali pari al 4,7% del campione totale, con cifre considerevoli soprattutto nel Sud e nelle Isole. Il dato, con ogni probabilità sottostima la realtà, perché include il numero di giocatori che non sanno di essere incappati in reti illegali e ne fruiscono in modo inconsapevole.

Ultime notizie
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy
gentrificazione
Società

Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

Gentrificazione e turismo di massa sono due fenomeni in aumento e interconnessi, generanti profondi cambiamenti nel tessuto urbano e sociale delle città italiane. Per questo motivo andrebbero riconsiderati in relazione a logiche di pianificazione urbana e non di laissez faire.
di Roberta Rega
gentrificazione
flat tax
Economia

Flat tax, questa sconosciuta

La flat tax richiama la questione della corrispettiva copertura finanziaria, nonché della progressione di aliquota. Ma il vero problema in materia fiscale è l’evasione, e la flat tax va vista come una misura mirata in primis a favorire la emersione dei redditi non dichiarati.
di Giovambattista Palumbo*
flat tax
Carmelo Cedrone
Biografia

In ricordo di Carmelo Cedrone

Ci ha lasciato Carmelo Cedrone, scomparso ai primi di settembre; è stato un sincero europeista, autentico sindacalista, promotore e coordinatore del “Laboratorio Europa” per l’Eurispes, fino all’ultimo impegnato a dare il proprio contributo al processo di integrazione europea.
di Marco Ricceri*
Carmelo Cedrone
giustizia tributaria
Economia

Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

La Giustizia tributaria è finalmente oggetto di una riforma, arrivata alla Camera con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati nell’ambito del Pnrr, era la riduzione della durata media dei processi in Cassazione.
di Giovambattista Palumbo*
giustizia tributaria
vecchi
Cultura

Essere vecchi oggi

Sin dall’antichità ci si è interrogati sul significato della vecchiaia rispetto alle altre stagioni della vita: Socrate, Epicuro, Innocenzo III, Edgar Morin hanno provato a raccontare la terza età in relazione alla propria epoca.
di Giuseppe Pulina
vecchi
insularità
Economia

Principio di insularità: quali i riflessi economici e fiscali della sua introduzione?

La Camera ha dato recentemente il via libera definitivo alla proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare, che mira ad aggiungere il...
di Giovambattista Palumbo*
insularità
sfruttamento del lavoro
Recensioni

Invisibili: tutte le facce dello sfruttamento del lavoro

Le menti dei nostri Padri Costituenti avranno contemplato, anche solo per un momento, la possibile integrazione di questo participio aggettivale (“sfruttato”) nel...
di Giusy Rosato
sfruttamento del lavoro
Economia

Il metodo PNRR alla prova della crisi di Governo

Le elezioni politiche del prossimo 25 settembre individueranno il nuovo Esecutivo che dovrà inserirsi nel “treno in corsa” rappresentato dall’attuazione del PNRR. Ma anche altre sono le criticità che il Governo dovrà affrontare.
di Claudia Bugno*