Salute

Parkinson: nuova
scoperta che riapre
la strada
della prevenzione

166

Una recente scoperta effettuata dal team formato da ricercatori dell’istituto di ricerca genetica e biofisica del Cnr, dell’Istituto Telethon di genetica e medicina e dell’Istituto Santa Lucia, potrebbe portare, alla diagnosi precoce e allo sviluppo di nuove terapie che, se somministrate subito, potrebbero prevenire o rallentare la morte dei neuroni.

Ma vediamo di che si tratta, ricordando, anzitutto, che i sintomi del Parkinson sono noti all’uomo da migliaia di anni. Sembrerebbe, infatti, che le prime tracce di questa patologie siano state riportate in un manuale di medicina indiano risalente al 5000 A.C. poi ancora in un documento cinese di 2500 anni fa.
Tuttavia l’identificazione vera e propria del morbo di Parkinson avvenne solo migliaia di anni più tardi grazie al farmacista londinese James Parkinson. Fu proprio lui, infatti, nel XIX secolo a descrivere con precisione i sintomi di quella che lui chiamò “paralisi agitata”, patologia che, di li a poco, avrebbe invece preso il suo nome. Nel nostro paese sono 250 mila i malati di questo morbo, che ogni anno viene diagnosticato in 6000 nuovi individui, tra questi sempre più i giovani, un fenomeno che complessivamente costa al Sistema sanitario nazionale 1,3 miliardi di euro all’anno.

Il morbo di Parkinson è una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale che provoca spasmi corporei che rendono difficili anche le più semplici azioni quotidiane. Recentemente aveva fatto discutere la notizia che il colosso farmaceutico Pfizer abbia interrotto le ricerche su Alzheimer e Parkinson, dopo gli ultimi ingenti investimenti che non hanno portato i risultati attesi.

Paradossale, dunque, che a distanza di poco tempo una scoperta rischi di rivoluzionare l’approccio a questa invasiva patologia. Recentemente, infatti, il team di ricercatori italiani avrebbe scoperto un nuovo meccanismo di memoria cellulare attivato dall’apprendimento motorio, che viene alterato nelle fasi iniziali della malattia. La struttura modificata è quella che sovrintende all’apprendimento motorio e a determinarne l’alterazione è l’eccesso della proteina alfa-sinucleina, il cui accumulo porta poi in fase avanzata alla morte dei neuroni dopaminergici e alla manifestazione del Morbo di Parkinson.

“Oggi – spiega Elvira De Leonibus responsabile del Laboratorio di neuropsicofarmacologia dell’Istituto di genetica e biofisica del Cnr – sappiamo che l’aumento nella produzione della proteina alfa-sinucleina può da sola portare alla morte dei neuroni dopaminergici e, quindi, allo sviluppo della malattia. I ricercatori hanno quindi inserito all’interno delle cellule che producono dopamina il gene dell’alfa-sinucleina umana, in modo che questa venisse prodotta in quantità spropositate nelle cellule che rilasciano dopamina nello striato, determinandone la morte”. “Si è visto così – prosegue la ricercatrice – che molto prima di arrivare alla morte l’eccesso di alfa-sinucleina impediva agli animali di effettuare automaticamente i movimenti.”

Lo studio, finanziato dalla Fondazione Con il Sud e dal Miur e pubblicato sulla rivista Brain, rilancia la sfida della lotta contro il Parkinson, riaffermando l’importante ruolo della ricerca medica nel contrasto e nella prevenzione di questo morbo che fino a poco fa sembrava inattaccabile.

Ultime notizie
Politica

Manovra economica, al Sud tagliati 800 mln. La ripresa non ci sarà

Manovra economica: manca una visione d’insieme per il Sud. Più investimenti ma diminuisce la spesa pubblica. Nessun piano di infrastrutturazione. Il sostegno al reddito? Un’incognita.
di Alfonso Lo Sardo
Società

La Notte Bianca del Classico. In difesa del principe dei Licei

Venerdì 11 gennaio si è svolta, in tutta Italia, la Notte Bianca del Liceo Classico. È una bella idea, nata in quel...
di Alberto Mattiacci
Politica

Giulio Andreotti nasceva (solo) 100 anni fa, ma sembra preistoria

Il 14 gennaio 2019 sono stati cento anni dalla nascita di Giulio Andreotti. Cosa che pochi mai avrebbero previsto, sono molti quelli che ora lo rimpiangono. Il ricordo nel libro di Roberto Cotroneo.
di Patrizio J. Macci
Criminalità e contrasto

Corruzione in Italia, ecco come si altera la reputazione di un Paese

Dipingere un paese come corrotto o anche più corrotto di quanto realmente non sia può avere effetti diretti e indiretti sull’economia. L’econometria della corruzione è alla base della ricerca realizzata da Eurispes
di redazione
Criminalità e contrasto

Mafie straniere in Italia. “Mancano interpreti e collaboratori di giustizia”

Dalla mafia nigeriana a quella cinese, rumena e albanese: le associazioni criminali straniere che hanno “preso casa” in Italia convivono con le mafie autoctone, si spartiscono traffici e attività illegali. Cesare Sirignano, Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, ha fotografato il fenomeno.
di Raffaella Saso
Innovazione

Dalla smart city alla smart land, la città è ovunque

Essere smart è un modo di essere, una condizione ontologica. La rivoluzione è già avvenuta e la “città del futuro” più vicina di quanto possiamo immaginare. Anzi, la città è già ovunque, la città è sprawl.
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Spreco di cibo nel mondo: nel secchio un terzo di quello prodotto

I dati choc dello spreco alimentare. Un terzo del cibo prodotto sul pianeta, viene sprecato senza neanche arrivare a tavola. Con il cibo che finisce tra i rifiuti, si potrebbero sfamare 200 milioni di persone.
di Alfonso Lo Sardo
agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell'Associazione In Migrazione.
di redazione
Economia

Misure fiscali: tutte le novità per il 2019. La guida per orientarsi

Una web tax al 3% sui servizi digitali delle grandi imprese, con lo scopo principale di tassare le vendite online delle multinazionali. Ma sono molte le misure fiscali introdotte con la legge di Bilancio 2019. Ecco la guida per orientarsi.
di Giovambattista Palumbo
Attualità

Amos Oz: “Per la pace in Medio Oriente i leader non sono pronti”

A pochi giorni dalla scomparsa, riproponiamo un'intervista realizzata tempo fa con lo scrittore Amos Oz. «Verrà un giorno in cui bisognerà accettare il compromesso, e vi sarà un’ambasciata palestinese in Israele e un’ambasciata Israeliana in Palestina».
di Massimiliano Cannata