Salute

Parkinson: nuova
scoperta che riapre
la strada
della prevenzione

127

Una recente scoperta effettuata dal team formato da ricercatori dell’istituto di ricerca genetica e biofisica del Cnr, dell’Istituto Telethon di genetica e medicina e dell’Istituto Santa Lucia, potrebbe portare, alla diagnosi precoce e allo sviluppo di nuove terapie che, se somministrate subito, potrebbero prevenire o rallentare la morte dei neuroni.

Ma vediamo di che si tratta, ricordando, anzitutto, che i sintomi del Parkinson sono noti all’uomo da migliaia di anni. Sembrerebbe, infatti, che le prime tracce di questa patologie siano state riportate in un manuale di medicina indiano risalente al 5000 A.C. poi ancora in un documento cinese di 2500 anni fa.
Tuttavia l’identificazione vera e propria del morbo di Parkinson avvenne solo migliaia di anni più tardi grazie al farmacista londinese James Parkinson. Fu proprio lui, infatti, nel XIX secolo a descrivere con precisione i sintomi di quella che lui chiamò “paralisi agitata”, patologia che, di li a poco, avrebbe invece preso il suo nome. Nel nostro paese sono 250 mila i malati di questo morbo, che ogni anno viene diagnosticato in 6000 nuovi individui, tra questi sempre più i giovani, un fenomeno che complessivamente costa al Sistema sanitario nazionale 1,3 miliardi di euro all’anno.

Il morbo di Parkinson è una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale che provoca spasmi corporei che rendono difficili anche le più semplici azioni quotidiane. Recentemente aveva fatto discutere la notizia che il colosso farmaceutico Pfizer abbia interrotto le ricerche su Alzheimer e Parkinson, dopo gli ultimi ingenti investimenti che non hanno portato i risultati attesi.

Paradossale, dunque, che a distanza di poco tempo una scoperta rischi di rivoluzionare l’approccio a questa invasiva patologia. Recentemente, infatti, il team di ricercatori italiani avrebbe scoperto un nuovo meccanismo di memoria cellulare attivato dall’apprendimento motorio, che viene alterato nelle fasi iniziali della malattia. La struttura modificata è quella che sovrintende all’apprendimento motorio e a determinarne l’alterazione è l’eccesso della proteina alfa-sinucleina, il cui accumulo porta poi in fase avanzata alla morte dei neuroni dopaminergici e alla manifestazione del Morbo di Parkinson.

“Oggi – spiega Elvira De Leonibus responsabile del Laboratorio di neuropsicofarmacologia dell’Istituto di genetica e biofisica del Cnr – sappiamo che l’aumento nella produzione della proteina alfa-sinucleina può da sola portare alla morte dei neuroni dopaminergici e, quindi, allo sviluppo della malattia. I ricercatori hanno quindi inserito all’interno delle cellule che producono dopamina il gene dell’alfa-sinucleina umana, in modo che questa venisse prodotta in quantità spropositate nelle cellule che rilasciano dopamina nello striato, determinandone la morte”. “Si è visto così – prosegue la ricercatrice – che molto prima di arrivare alla morte l’eccesso di alfa-sinucleina impediva agli animali di effettuare automaticamente i movimenti.”

Lo studio, finanziato dalla Fondazione Con il Sud e dal Miur e pubblicato sulla rivista Brain, rilancia la sfida della lotta contro il Parkinson, riaffermando l’importante ruolo della ricerca medica nel contrasto e nella prevenzione di questo morbo che fino a poco fa sembrava inattaccabile.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani