Regionali Emilia Romagna, sul prime time il carosello elettorale. L’analisi dei Tg

Sul prime time in onda il carosello elettorale. “Caso Gregoretti”: Mediaset e Tg2 schierati con Salvini. Mentana sulle ultime polemiche: tutto fumo. L’analisi dell’Osservatorio Eurispes/Coris Sapienza dal 13 al 17 gennaio.

Nel countdown per il voto delle regionali, lo scontro politico si specchia nelle scalette, guadagnando le aperture da metà settimana. Diverse le questioni del contendere, dalla prescrizione alla riforma elettorale, alla data per il voto sul “caso Gregoretti”. L’avvicinarsi delle urne sollecita le testate ad interpellare i leader: si comincia martedì con Matteo Renzi, intervistato dal Tg2 in merito alla prescrizione, e poi sentito giovedì anche da News Mediaset. Venerdì è il turno delle destre, con i Tg Mediaset che ripropongono, per lunghi minuti, l’appello di Berlusconi contro le tasse ed i Cinque Stelle, «comunisti mossi da follia giustizialista».

Il picco delle tensioni si raggiunge sul “caso Gregoretti”: apertura venerdì per Tg4, Tg2 e Tg La7, che parla di “gran pasticcio”. La testata di Sangiuliano interpella direttamente Salvini, molto duro verso la Consulta per il no al referendum avanzato dalla Lega. Compatti anche i Tg Mediaset, con il direttore de Il Tempo, Bechis, ospite di Tg4, che accusa di “ipocrisia” le Istituzioni. Più spazio per gli altri Tg Rai alle critiche della maggioranza verso la Presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, “rea” di aver votato con le opposizioni, contribuendo a fissare il voto della Giunta delle immunità prima di quello delle regionali. Su questo inedito scontro interviene anche Mentana, che lo derubrica a “sfogo del momento”, osservando come tutti gli esponenti cercano di “distinguersi”, producendo volute di fumo.

Fronte Libia, Di Maio invoca una risposta europea
Gli sviluppi della diplomazia internazionale sul fronte libico dominano nella prima parte della settimana, riscuotendo 20 titoli di cui 11 aperture ‒ 7 delle quali dei Tg Rai ‒, per poi passare in secondo piano, scalzate dalla politica interna. Tg1 segue, passo passo, le iniziative del Premier Conte e del Ministro Di Maio in vista del vertice di Berlino, che rivendicano il ruolo dell’Italia in un processo di pace per la regione che può e deve essere gestito dall’Europa. L’intervento di Erdogan contro Haftar viene commentato martedì da Tg La7 e Tg2, con Mentana che segnala come il premier Turco già si atteggi a “padrone” di Tripoli.

Di immigrazione si parla poco, con copertura dei nuovi sbarchi nei servizi dei Tg Rai e Tg5. Venerdì, circolano i dati di Frontex sull’immigrazione europea, ripresi dai Tg Mediaset minori, mentre Tg3 segnala l’apertura di una nuova rotta algerina che interessa le coste della Sardegna.

Ancora esteri: occhi puntati sull’Iran. Tg2 magnifica l’accordo Cina-Usa
Le proteste in Iran, represse nella violenza, dopo che il regime ha ammesso le proprie responsabilità nell’abbattimento del boeing ucraino, sono seguite con interesse nel corso della settimana, raccogliendo una decina di titoli. I Tg Rai e Tg La7 analizzano con attenzione, venerdì, l’intervento della guida suprema, Khamenei.

L’accordo raggiunto sui dazi tra Cina e Stati Uniti suscita, tra mercoledì e giovedì, notevole interesse, con Tg La7 che vi dedica l’apertura. Tg2 coglie l’occasione per magnificare, ancora una volta, i risultati della presidenza Trump. Discorso opposto per Tg5, che giovedì segnala, fin dai titoli, come questo accordo potrebbe “costare caro” all’Europa. Gli avanzamenti sul processo per impeachment del Presidente americano sono oggetto di titolo solo per Tg La7.

Foggia, Lamorgese: “Lo Stato non si fa intimidire”. De Raho su Tg3
L’intervento della ministra Lamorgese, che mercoledì ha annunciato l’invio di ulteriori Forze dell’ordine a Foggia dopo una escalation negli atti intimidatori da parte delle cosche, porta, una volta tanto, il tema del contrasto alla criminalità organizzata sulle prime pagine del prime time: titoli per tutti, mercoledì, con apertura per Studio Aperto. Tg5 dedica la copertina alla Ministra dell’Interno, che ribadisce che, di fronte alle bombe, «Lo Stato non si farà intimidire». Le coperture proseguono venerdì, con titoli per i Tg Rai, Tg4 e Studio Aperto sulle complessità emerse dal Rapporto semestrale della Dia. Tg3 che interpella il procuratore antimafia, Federico Cafiero De Raho, sulla ferocia della mafia nel Gargano.

L’attenzione del prime time all’emergenza smog e all’ambiente. Tg3 presidia la “svolta verde” europea
Il dibattito sull’efficacia delle misure contro l’inquinamento, dopo il blocco delle auto degli scorsi giorni a Roma e nel Nord Italia, è presente in diversi servizi che segnalano come il riscaldamento domestico sia tra le principali cause del rilascio di agenti inquinanti.

Prosegue su Tg5 l’attenzione al dramma dell’Australia che brucia. Tg3 si conferma la testata più impegnata sui temi dell’ambiente, segnalando le ultime manifestazioni del movimento Fridays for Future, e le risorse investite per la svolta Green avanzata dall’Europa, di cui (fa notare anche Tg La7) potrà beneficiare anche la riconversione dell’ex Ilva. Tg4 denuncia la forte disparità tra i contributi versati dall’Italia per il piano europeo per l’ambiente, e le risorse che il Paese riceverà per i suoi investimenti.

Da segnalare, infine, il Dataroom del lunedì di Milena Gabanelli su Tg La7 di lunedì, che ha quantificato quanto pesano i costi prodotti dalla mancata digitalizzazione e dalla scarsa condivisione dei database da parte della Pubblica amministrazione: ben 25 miliardi.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica