RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

La Pan-crisi nei Paesi in via di sviluppo

La pan-demia del Covid-19 ha generato una pan-crisi di enormi proporzioni. Alcune considerazioni ci portano all’idea RELEASE G-20 promossa da LINK2007 che auspicabilmente sarà lanciata nel G-20 dalla Presidenza italiana nel 2021:

  1. Rinnovare l’economia attraverso la promozione degli investimenti, in particolare nei Paesi in via di sviluppo ad alto potenziale demografico come in Africa, potrebbe stimolare la crescita economica, promuovere il commercio globale e generare occupazione.
  2. Finanziare lo sviluppo sostenibile e aiutare i paesi poveri a raggiungere gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile, un processo che ha segnato un enorme passo indietro con la pan-crisi. Le sovvenzioni “Aiuti per lo Sviluppo – APS” per finanziamenti misti, possono essere rilanciate in linea con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile-SDGs, il prossimo anno G-20 sotto presidenza italiana, come la naturale espansione della sospensione dei pagamenti decisa già quest’anno dal G-20.
  3. Le precedenti iniziative per cancellare il debito dei Paesi poveri hanno fornito risultati contrastanti e conseguenze non intenzionali. Tuttavia, segnano anche un precedente importante per il G-20. Possiamo citare la moratoria del “Millennium” nel 2000, che ha generato una legge in Italia (n.209 del 2000), l’iniziativa del G7 “HIPC” nel 2005, la risoluzione Onu del 2015 n.63/319 contro i cosiddetti “avvoltoi finanziari”, l’iniziativa della Santa Sede nel 2017 per definire lo “stato di necessità” come articolo di salvaguardia nei contratti di prestito, quando il pagamento del debito internazionale diventa un fardello troppo pesante per la popolazione. Più recentemente, di nuovo il Papa ha invitato a consentire a «tutti gli Stati di fare fronte alle maggiori necessità del momento, riducendo, se non addirittura condonando, il debito che grava sui bilanci di quelli più poveri» (12 aprile 2020); il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha chiesto alle principali economie di lanciare un pacchetto di stimolo coordinato su larga scala di almeno il 10% del Pil globale per contribuire a rilanciare l’economia mondiale; il Ministro delle Finanze italiano ha rimarcato (Assisi, ottobre 2020) che è fondamentale «individuare nuove modalità di finanziamento dello sviluppo che fanno leva sulle risorse pubbliche e attraggono investimenti privati responsabili per l’attuazione della Agenda di Sviluppo Sostenibile dei Paesi».
  4. La flessibilità in questo tipo di iniziative è necessaria anche per convincere le opinioni pubbliche dei Paesi poveri e ricchi che devono far fronte a una massiccia spesa pubblica per rinnovare le economie.
  5. I Paesi del G-20 hanno l’obbligo di un’attuazione credibile e concreta degli obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite in conformità con l’accordo di Parigi sul clima, non solo nei loro paesi ma anche nelle economie in via di sviluppo. Come ha sostenuto il Dipartimento Economico e Sociale delle Nazioni Unite, «qualsiasi riduzione del debito dovrebbe essere parte di una strategia più ampia che tenga conto delle esigenze di investimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile – OSS. La valutazione degli sgravi necessari dovrebbe tener conto delle lacune di finanziamento a medio termine per gli OSS (piuttosto che dei soli vincoli di liquidità a breve termine) e definire strategie di finanziamento globali per colmarli, ad esempio nel contesto dei quadri integrati di finanziamento».
  6. La composizione del debito sovrano è cambiata in molti Paesi in via di sviluppo. Sia il debito pubblico che quello privato sono attualmente a livelli record, con il debito privato nei mercati emergenti che è cresciuto in modo particolare. Anche se il debito pubblico rimane la parte più significativa del debito estero della maggior parte dei Paesi in via di sviluppo a basso reddito ammissibili all’istituzione finanziaria internazionale IDA, il credito commerciale è aumentato più di tre volte dal 2010 al 2019.
  7. Il Fondo Monetario Internazionale-FMI ha già deciso di annullare i pagamenti del debito ai suoi venticinque Paesi membri più poveri. L’iniziativa del G-20 (DSSI) per 76 Paesi in via di sviluppo a basso reddito nel 2020 risponde a un bisogno immediato da parte dei governi debitori; ma ha soltanto spostato il problema.
  8. I paesi debitori potrebbero affrontare una grave crisi del debito già nel 2021, poiché la pandemia ha solo aggravato il problema della sostenibilità del debito aumentando i costi della sanità pubblica, facendo crollare le entrate fiscali e commerciali, congelando i mercati del credito e favorendo la fuga di capitali.

La proposta RELEASE G-20

Senza investimenti non c’è sviluppo economico, non ci sono entrate fiscali, non ci può essere rimborso del debito. L’iniziativa RELEASE G-20 può generare una sorta di fondo di recupero per i Paesi fragili.

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un’iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile – SDG al fine di stimolare, garantire, sfruttare le opportunità di altri finanziamenti per investimenti sostenibili.

L’obiettivo è quello di aiutare a procedere, verso gli obiettivi della sostenibilità-OS, i Paesi più vulnerabili di fronte a crisi economica causata dalla pandemia che aggiunge e amplifica i limiti strutturali preesistenti della povertà e del sottosviluppo, e di accelerare gli investimenti a lungo termine in infrastrutture resilienti e servizi per lo sviluppo sostenibile, per mezzo di investimenti pubblici e incentivi per quelli privati.

Nell’ambito dello spirito di flessibilità del G-20, in alcuni casi di particolare fragilità, di quei Paesi altamente indebitati, che si ritiene non abbiano livelli di debito sostenibili dopo la pandemia, la cancellazione parziale o totale del debito dovrebbe rimanere un’opzione.

L’iniziativa RELEASE G-20 prevede la riduzione parziale o totale del debito con la creazione da parte del paese debitore di un fondo di contropartita in valuta locale per lo sviluppo sostenibile (fondo SDG) a partire dal controvalore delle restituzioni a loro naturale scadenza.

RELEASE G-20 potrebbe essere la giusta proposta per trovare un accordo a lungo termine finalizzato alla riduzione permanente del peso del debito e per individuare un processo sistematico di ristrutturazione del debito sovrano per i paesi più fragili e altamente indebitati, legato agli obiettivi globali della sostenibilità-OSS, promuovendo investimenti secondo gli indicatori quantitativi di impatto collegati ai suddetti obiettivi: ogni Paese indebitato ridurrebbe in tal modo il suo debito pubblico in cambio di un impegno a investire l’equivalente in valuta locale in un tempo concordato nella sua economia in linea con i princìpi di sostenibilità.

La conversione del debito di un paese in un fondo di investimento ha molti vantaggi: aumenta la sua proprietà; stimola ad assumersi la piena responsabilità della gestione dei fondi, contribuendo in tal modo a costruire la sua capacità amministrativa; risulta più conveniente ai fini di convincere i creditori a rafforzare il loro sistema di relazioni.

L’iniziativa avrà un grande impatto sulla scena politica internazionale sia in quanto passo cruciale per rispettare gli impegni nel finanziamento dei risultati dello sviluppo sostenibile, sia nella programmazione e nelle operazioni da promuovere nell’ambito della cooperazione internazionale, affinché le ristrutturazioni del debito siano eque, ordinate, tempestive ed efficienti e diano spazio ai Paesi di investire negli obiettivi della sostenibilità-OSS, come richiesto dall’Agenda d’azione di Addis Abeba.

In generale, tutti i Paesi del G-20, compresi i Paesi membri che fanno capo anche ad altri specifici coordinamenti come i BRICS, potrebbero avere un vantaggio politico e operativo nel proporre un’azione combinata di riduzione condizionata del debito dei Paesi poveri a favore di investimenti privati sostenibili e strategici provenienti dal loro settore privato. Una crescita equilibrata è un prerequisito per raggiungere la sostenibilità e ridurre la dipendenza dai finanziamenti esteri.

La conversione del debito potrebbe e dovrebbe essere accompagnata dall’adeguamento dell’assistenza allo sviluppo attraverso la blended finance per creare posti di lavoro dignitosi e raggiungere un livello più elevato di sostenibilità. Il Paese in cui si attiverà RELEASE G-20 avrà la possibilità di sfruttare più fondi rispetto al solo aiuto allo sviluppo, che rimane essenziale. Le condizioni di finanziamento dovrebbero essere semplici, trasparenti e facilmente rintracciabili da tutte le Istituzioni coinvolte. Un partner ideale nella Ue sarà il piano di investimenti esterni e il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD) che mira esattamente alla riduzione dei rischi per gli investitori privati e co-investire con i fondi SDG generati dal RELEASE G-20.

Un commento e un auspicio conclusivo

Affinché questa iniziativa sia accettabile e sostenibile, dobbiamo guardare al favore delle opinioni pubbliche e dei responsabili politici dei Paesi creditori. Dobbiamo anche guardare ai Paesi debitori per indurli ad accettare che i flussi finanziari siano mobilitati (dal bilancio generale) in un fondo interno per lo sviluppo sostenibile con l’obiettivo di promuovere e facilitare gli investimenti in questa direzione segnata dalla necessità di raggiungere gli obiettivi strategici generali.

La conversione del debito può essere graduale al fine di aumentare, nel tempo, la leva dell’impatto in fase di definizione delle politiche del paese. Si può prevedere un’ulteriore e più profonda conversione in base al modo con il quale i fondi siano effettivamente utilizzati dai singoli Paesi. L’approccio graduale permette di modificare la strategia di sviluppo e offre ai creditori qualche leva in termini di sicurezza. Inoltre, in caso di cattiva governance, la conversione del debito potrebbe addirittura essere sospesa.

Parte del RELEASE G-20 sarà il forte coinvolgimento di attori privati, attraverso le varie piattaforme, alle Nazioni Unite o ad altri livelli di confronto, finalizzati alla promozione del dialogo. Nell’ambito dell’azione RELEASE G-20, è necessario evitare che i creditori privati approfittino della moratoria, e quindi della cancellazione, e assicurare che le risorse liberate dalla sospensione dei pagamenti per il debito verso Enti pubblici non siano utilizzate per nuovi debiti ai privati senza collegamenti agli investimenti sostenibili. Per questo motivo, è necessario che il G-20, attraverso il Forum Business B20, faccia la necessaria opera di persuasione e si accordi con i debitori per fare pressione sul settore privato, anche selezionando un campione di casi specifici.

Il G-20 vedrà il coinvolgimento del gruppo G7, delle Istituzioni Finanziarie Internazionali e del club di Parigi e degli investitori privati con il sostegno del B20 (settore finanziario). L’Unione europea, in quanto membro a pieno titolo del G-20, potrebbe svolgere una parte importante del lavoro con la leadership italiana, con la forza della BEI, della BERS e del FES e promuovere il rilascio del G-20.

Nella campagna di sostegno all’iniziativa, è auspicabile che l’azione della Task force sulla Resilienza finanziaria-T20 possa essere combinata con il coinvolgimento di leader spirituali, intellettuali e scientifici, premi Nobel per la pace e l’economia, personalità di importanza mondiale nell’economia culturale e finanziaria.

L’Italia, come ponte naturale tra Europa e Africa, con la sua presidenza del G-20 nel 2021, può e dovrebbe assumere la leadership di questa iniziativa.

*Assistente al Direttore Generale della FAO. Già Direttore per la crescita sostenibile della DG Sviluppo e Cooperazione Internazionale della Commissione Europea (CE)**

**Le opinioni espresse dall’ambasciatore Roberto Ridolfi sono personali e non riflettono le posizioni ufficiali della FAO né quelle dell’Unione europea.

 

 

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu