Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

«Nell’attuale scenario mondiale le interconnessioni fra l’ambiente e la società risultano sempre più forti, al punto che l’ambiente è divenuto oggi un passaggio obbligato delle politiche economiche e sociali, a livello locale come su scala globale. L’ambiente si configura anche come oggetto di dibattito e confronto, talvolta aspro, fra la società e le Istituzioni. La critica contro la globalizzazione, infatti, non coinvolge soltanto la sfera economica o il problema dell’uguaglianza dei diritti di tutti i popoli della terra, ma passa anche, in maniera decisa, attraverso la percezione di nuovi rischi legati ad un incauto utilizzo delle risorse naturali. Diviene così possibile che a manifestare fianco a fianco siano lo studente e l’agricoltore, in una comunanza di obiettivi prima difficile da immaginare. Il fenomeno della globalizzazione politico-sociale, del resto, procede parallelamente a quello della globalizzazione ambientale, che trova la sua espressione più compiuta nel Global Environmental Change, un mutamento ambientale pertinente all’intera biosfera piuttosto che ad ecosistemi circoscritti, secondo nuovi e più inquietanti scenari del rischio. La questione ambientale assume la connotazione di un problema sociale a tutti gli effetti, nella misura in cui l’imposizione di nuovi e prima impensabili limiti allo sviluppo implica pesanti ricadute sotto il profilo politico e socioeconomico. Uno degli slogan più incisivi della nostra epoca, del resto, è divenuto il concetto di sviluppo sostenibile, inteso come sviluppo capace di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle future generazioni di soddisfare i propri. Il concetto di sviluppo sostenibile implica dei limiti, non limiti assoluti ma quelli imposti dal presente stato dell’organizzazione tecnologica e sociale nell’uso delle risorse ambientali e dalla capacità della biosfera di assorbire gli effetti delle attività umane. Il concetto stesso di sostenibilità, sistematizzato per la prima volta in sede internazionale nel Rapporto Bruntland del 1987, finisce così col coinvolgere non soltanto una dimensione prettamente ambientale, ma anche la sfera sociale e politica e quella relativa ai diritti umani. A partire dagli anni Novanta, insieme alla crescente attenzione rivolta alle problematiche ambientali dall’opinione pubblica, si è assistito a livello internazionale ad una costante crescita degli strumenti capaci di garantire un coinvolgimento volontario dei cittadini, delle Amministrazioni locali e del mondo dell’imprenditoria. Il trend che si viene a delineare è quello, comune a tanti altri àmbiti della vita del nostro Paese, del decentramento e della localizzazione delle competenze. Ad un approccio classico legato al principio del comando e del controllo si affianca, e gradualmente si sostituisce, la partecipazione attiva delle comunità locali nella pianificazione e nella gestione dell’ambiente nell’ottica dello sviluppo sostenibile. L’Italia ha compiuto un passo fondamentale in questa direzione impegnandosi a sviluppare scelte, che vincolino le Amministrazioni nel sostegno, sia in termini finanziari che di risorse umane nel perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Tuttavia, non si può ancora parlare di una compiuta integrazione fra politiche ambientali e politiche sociali. Spesso le pagine dei quotidiani e l’agenda politica sono occupate da questioni ambientali, che sembrano improrogabili, ma una volta superata l’emergenza – poco cambia se si tratta di rifiuti, di un’alluvione o di un incendio – i problemi vengono accantonati o rimossi, senza occuparsi adeguata- mente delle cause che li hanno determinati. Cresce la preoccupazione dell’opinione pubblica per le questioni ambientali, ma quasi mai vengono affrontate in un’ottica preventiva. Quella che ancora stenta ad affermarsi è la cultura dell’ambiente e ci si dimentica sempre che, come diceva Francesco Bacone, alla natura si comanda solo ubbidendole». (2003)

 

 

 

Ultime notizie
infiltrazioni criminali
Criminalità e contrasto

Le infiltrazioni criminali nell’economia: il ruolo della Pubblica amministrazione e la funzione del gestore

Ue e la lotta alle infiltrazioni criminali nell’economia Le istituzioni dell’Unione europea sono state impegnate per l’armonizzazione dei metodi di prevenzione e contrasto...
di Giuseppe Miceli* e Leonardo Vavallo**
infiltrazioni criminali
metaverso
Futuro

L’universo nel Metaverso. Intervista a Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino

Una conversazione sul Rapporto Italia 2022 con la Professoressa Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino e autrice del saggio del Rapporto costruito attorno alla dicotomia Metaverso/Universo.
di Alberto Mattiacci
metaverso
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*