Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

violenza contro le donne

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, come stabilito dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. È l’occasione per riflettere sulle diverse forme che la violenza contro le donne assume nei contesti sociali e nazionali più disparati: se in alcune aree si registrano sistematiche abolizioni dei diritti delle donne, in altri contesti apparentemente più “illuminati” si consumano condotte criminali e forme subdole di sopraffazione e negazione dei diritti individuali. Per il terzo anno consecutivo, in coincidenza con il 25 novembre, la Direzione centrale della Polizia criminale ha elaborato un report con lo scopo di analizzare i fenomeni criminali che si consumano contro le donne. Violenze all’interno della coppia o della famiglia, situazioni di disagio sociale e reati spia che accendono un campanello d’allarme su reati ancor più gravi: i dati del Dipartimento della pubblica sicurezza deputata ad analizzare i fenomeni criminali documentano il lavoro delle Forze di Polizia per arginare ed eliminare la violenza contro le donne.

Codice rosso, +12% violazioni di allontanamento familiare ma dimezzati i reati di induzione al matrimonio

Con Codice rosso si intende la legge n. 69 del 19 luglio 2019, che garantisce ai reati contro le donne una corsia prioritaria e accelerata per identificare rapidamente i casi più gravi e urgenti sui quali intervenire. L’intervento normativo è stato finalizzato, da un lato al rafforzamento del sistema di tutela preventiva delle vittime anche accelerando l’avvio dei procedimenti giudiziari e, dall’altro, a ridefinire l’azione punitiva, prevedendo nuove fattispecie di reato, nuove circostanze aggravanti e inasprendo le condanne di reati già esistenti. Secondo il report della Polizia di Stato, dall’entrata in vigore della norma (9 Agosto 2019) al primo semestre del 2022, sono stati commessi 6.499 violazioni di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Su quasi 6500 reati, l’81% delle vittime sono donne, con un incremento del 12% rispetto alla rilevazione del 2021 e regioni con incidenze più alte (Sicilia, 881 violazioni, Lazio 662 e Lombardia 648). Dal 2019 sono stati registrati 48 reati di induzione o costrizione al matrimonio, vittime per l’87% dei casi di sesso femminile, ma il reato ha registrato una significativa diminuzione (-53%) rispetto agli ultimi dati raccolti (primo semestre 2021). Sono stati denunciati 246 reati di lesioni permanenti al viso, il 24% contro le donne – di cui il 60% italiane e il 40% straniere – con un aumento del 17% rispetto al 2021. Gli autori di questo odioso reato sono per il 91% di genere maschile, per il 9% di genere femminile. Dal 2019 sono stati registrati 3496 delitti di revenge porn (diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti), -20% rispetto al 2021, dove la vittima era una donna nel 72% dei casi.

Reati spia indice di una violenza di genere

Per fornire un quadro completo del fenomeno della violenza contro le donne, vanno considerati anche i cosiddetti reati spia, ovvero a quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere, in quanto potenziale e verosimile espressione di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica diretta contro una donna in quanto tale: in tale ambito vengono analizzati gli atti persecutori, i maltrattamenti contro familiari e conviventi e le violenze sessuali. Nel 2022 sono stati denunciati 12.200 reati di stalking, di cui il 75% contro le donne. Su 16.847 delitti commessi di maltrattamento, nell’81% dei casi la vittima è donna; nel 2021 i reati registrato sono stati più di 18mila. In aumento le violenze sessuali: 4.416 delitti commessi, con il 91% di vittime donne, +9% rispetto all’analogo periodo del 2021. I reati spia contro cittadine straniere (20% del totale) nel 2022 hanno riguardato soprattutto donne di nazionalità rumena, marocchina, albanese, ucraina, peruviana, nigeriana. L’80% delle vittime di genere femminile di reati spia è di nazionalità italiana.

Femminicidi in diminuzione, più prevenzione e attenzione ai reati minori

Il femminicidio è il punto estremo di una violenza che, come riportato dal documento elaborato dalla Direzione centrale della Polizia criminale, si manifesta in molteplici forme di delitto contro le donne. In Italia al 30 settembre del 2022 si sono consumati 221 omicidi volontari, di cui 82 femminicidi (-9% dal 2021). Sono 71 le donne vittime di omicidi avvenuti in ambito familiare; di queste, 42 le donne uccise per mano del partner o dell’ex partner. Nel 2021 i numeri sono stati ancora più alti: 90 femminicidi su 221 omicidi volontari, 77 in ambito familiare, di cui 52 commessi da partner o ex partner. Sia nel biennio 2020/2021, che nel periodo gennaio-settembre del 2021, le donne uccise in ambito familiare/affettivo sono spesso vittime di partner o ex partner, con percentuali che oscillano di poche unità intorno al 70%. Negli ultimi nove mesi, invece, tale percentuale scende al 59%, mentre aumentano gli omicidi commessi da genitori o figli (31%) o da altro parente (10%). L’approfondimento dedicato ai femminicidi si conclude con una lunga lista delle vittime, in memoria delle donne uccise in Italia nell’ultimo anno, dove non compaiono solo numeri ma nomi, età, dati biografici, per non dimenticare che dietro i dati ci sono sempre volti e storie reali.

Violenza contro le donne: un focus sulla disabilità

Nel complesso scenario della violenza di genere, un fenomeno particolarmente preoccupante è inoltre rappresentato dalla violenza nei confronti delle donne con disabilità. Le donne con disabilità sono vittime delle stesse forme di violenza che colpiscono le altre donne, ma realizzate spesso anche attraverso ulteriori condotte legate alla stessa condizione di disabilità, come l’abuso farmacologico, il diniego di cure essenziali, la richiesta di prestazioni sessuali in cambio di aiuto o sostegno, la sottoposizione a sterilizzazione forzata e aborto coercitivo, pratiche che costituiscono gravi violazioni dei diritti umani. Le donne con disabilità, analogamente ad altre donne che appartengono a categorie vulnerabili, possono dunque subire forme di discriminazione multipla. Dal 1 ottobre 2021 al 30 settembre 2022 sono stati riscontrati 105 episodi di maltrattamenti contro familiari o conviventi commessi nei confronti delle donne con disabilità – in leggera flessione rispetto ai 125 delitti registrati nel 2020/21. Per quanto riguarda la violenza sessuale, sono stati registrati 26 casi (24 nel 2021). Molto spesso gli abusi sessuali avvengono all’interno della famiglia o nelle strutture deputate alla cura e all’assistenza. Generalmente l’autore del reato è una persona vicina, che gode della fiducia della vittima, come un familiare, un amico, un operatore sanitario, un insegnante, un volontario o il caregiver. Nel 2022 stati denunciati 6 episodi di atti persecutori ai danni di donne con disabilità (15 nel 2021). Il reato di stalking talvolta viene commesso da partner ed ex partner, ma le condotte vengono realizzate anche da vicini o conoscenti della vittima.

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola