Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Uricchio ANVUR
Prof. Antonio Uricchio Presidente dell'ANVUR

Antonio Uricchio è uno dei tributaristi più noti del nostro Paese. Professore ordinario di diritto tributario, è stato rettore dell’Università “Aldo Moro” di Bari dal 2013 al 2019, conseguendo risultati di grande rilievo che hanno contribuito a farlo diventare nel 2020 Presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR). Componente della Commissione ministeriale che si occupa di definire il Livello Essenziale delle Prestazioni nei percorsi di Autonomia differenziata, è uno studioso di livello internazionale, tanto da essere nominato Professore onorario di diverse Università estere.
Nei giorni scorsi, sul Corriere della Sera, Walter Lupini ha osservato una deriva burocratica delle Università italiane chiamando in causa principalmente l’ANVUR. Abbiamo inteso intervistare il Presidente Uricchio per conoscere il suo punto vista, anche in considerazione del fatto che fa parte del Comitato Scientifico dell’Osservatorio sulle Politiche Educative dell’Eurispes ed è stato, nel febbraio scorso, uno dei presentatori del “Secondo Rapporto sulla Scuola e l’Università”, ricerca promossa dal nostro Istituto a venti anni dalla pubblicazione del Primo Rapporto.

Presidente Uricchio, che cosa risponde alle osservazioni sull’attività dell’ANVUR?

L’ANVUR non ha ancora raggiunto la maggiore età, poiché, istituita con legge del 2006, ha iniziato a operare solo a fine 2011 quando è stato insediato il primo Consiglio direttivo ed è stato avviato il primo esercizio della Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR). A differenza di altre agenzie europee, istituite da anni, ANVUR opera da poco più di dieci anni, secondo criteri condivisi a livello internazionale. Tra questi criteri, l’autonomia e l’indipendenza dell’Ente di valutazione è un principio generale di carattere internazionale ma anche un valore e una garanzia per il sistema.

Definire la qualità della valutazione è in ogni caso un aspetto centrale?

Ovviamente. La valutazione si collega direttamente al principio di responsabilità non potendo essere condivisa l’idea, pure in qualche modo avanzata dall’articolo del collega Lapini, che essa sia capillare e invasiva. Al contrario, la valutazione, nel dare senso e valore all’autonomia delle Università e alla libertà della ricerca, la promuove, liberando dalla irresponsabilità e da un certo snobismo culturale, che talvolta ci sono stati in un passato che talvolta ritorna.

In questo senso, l’ANVUR potrebbe essere considerata una monade avulsa dal contesto?

Al contrario. Va invece ricordato lo sforzo dell’Agenzia di dialogare con tutte le Istituzioni valutate e con gli stakeholder esterni, secondo un modello condiviso e partecipato, rinunciando a presentarsi come luogo di “potere” per essere servizio proteso a promuovere la qualità della ricerca, della didattica e valorizzazione della conoscenza. Il tutto senza elevare il grado di complessità del sistema ma soltanto mettendo insieme dati, documenti e informazioni di cui le Istituzioni si dotano secondo il principio di semplificazione.

Perché allora l’ANVUR viene pensata come sinonimo deteriore di burocrazia?

Appunto per le considerazioni che ho appena espresso; a mio parere non colgono nel segno le critiche secondo cui l’ANVUR operi con la clava o con altri strumenti punitivi, avvalendosi invece, sempre più spesso, di raccomandazioni, evidenziando punti di forza e di debolezza per valorizzare i primi e correggere i secondi. Del tutto errato appare, quindi, il riferimento al “tema riviste” la cui valutazione non è affatto una scriteriata iniziativa dell’Agenzia ma è stabilita dalla disciplina ai fini dell’abilitazione scientifica nazionale. Inoltre, l’ANVUR ha avviato un processo di semplificazione con AVA3, un nuovo processo di valutazione e di accreditamento periodico di tutte le Istituzioni universitarie. Inoltre, attraverso apposite linee guida e la definizione di un glossario, l’ANVUR ha offerto idonei strumenti informativi a tutte le Istituzioni valutate, in modo da aiutarle concretamente nelle loro attività.

Il tema centrale si concentra sempre sulla inadeguatezza della valutazione della qualità della ricerca. Che cosa risponde a proposito?

Nella mia opinione, la critica appare del tutto sterile quando contesta gli esercizi della VQR, giunti ormai alla quarta procedura, essendo il risultato di un processo vastissimo che vede coinvolti oltre 700 esperti valutatori e alcune migliaia di referee secondo il modello della peer review, che offre migliori garanzie degli automatismi delle citazioni nei lavori scientifici.

Secondo lei, qual è allora il valore aggiunto che sta oggi conferendo l’ANVUR al complesso processo della valutazione?

Stiamo cercando di apportare un contributo importante, in due direzioni. La prima è lo sviluppo di una cultura della qualità condivisa da tutti, che purtroppo incontra ancora resistenze fuori dal tempo e dalla storia. La seconda invece è costituita dalla integrità della ricerca come della valutazione.

Presidente, non ci sono quindi limiti nella vostra azione?

Tutt’altro. Appunto perché operante da poco, il lavoro dell’ANVUR può dare adito, come in questo caso, a valutazioni contraddittorie. L’intenzione, ovviamente, è quella di avere a disposizione uno strumento che possa davvero contribuire a rendere ancora più competitiva la ricerca italiana a livello internazionale. In questa direzione, auspico costantemente contributi costruttivi da parte di tutta la società italiana: la ricerca è qualcosa di talmente importante che non può essere terreno di azione e di riflessione solo degli addetti ai lavori. Occorre, pertanto, proseguire, implementare e migliorare il percorso avviato, promuovendo e consolidando la valutazione come modello, come opportunità e come valore, rendendola centrale nel miglioramento qualitativo dei sistemi di formazione superiore e nei processi di sviluppo dell’intero Paese.

 *Mario Caligiuri, Direttore dell’Osservatorio sulle Politiche Educative dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione