Brexit: attesa e previsioni nel prime time. Il Tg2 plaude alla vittoria di Johnson

L’attesa, le previsioni e infine i risultati delle elezioni in Gran Bretagna raccolgono, tra mercoledì e venerdì, 16 titoli. Il Tg2 plaude alla vittoria di Johnson. L’analisi dell’Osservatorio sui Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 9 al 13 dicembre.

Il trionfo, in parte annunciato, dei conservatori di Johnson, che spiana definitivamente la strada alla Brexit, è la notizia principale di venerdì, e guadagna 5 aperture. In vista dell’ormai sicura e imminente uscita del Regno Unito dall’Unione europea, le testate indagano gli effetti concreti che questa decisione avrà per l’Europa, e soprattutto per le vite dei 700mila italiani che vivono oltre la Manica. Buono l’approfondimento di giovedì di Studio Aperto. Venerdì emerge soprattutto il “sentiment” della popolazione nel dopo voto. I Tg Mediaset raccolgono opinioni diverse, tra preoccupazione ma anche sollievo per la forza, in termini di seggi, su cui potrà contare il nuovo esecutivo.
 
Tg2 celebra la vittoria dei Tories, dedicando al riconfermato premier Boris Johnson un lungo e articolato servizio, cui segue un editoriale firmato dal direttore Sangiuliano. Nel servizio si “magnifica” la figura del premier, appropriandosi degli epiteti usati dai suoi detrattori, ma ribaltandone il valore. “Clown, ambizioso e cialtrone”: questi attributi producono per Tg2 un’immagine comunque vincente: “un leader di sostanza dietro le apparenze”. Sangiuliano omaggia ulteriormente Johnson nel suo editoriale, paragonandolo ai grandi leader conservatori del passato, come Margaret Thatcher o, addirittura, Benjamin Disraeli, uno dei grandi premier dell’epoca vittoriana. 
 
Mattarella a 360 gradi. Liliana Segre sugli scudi. Dal Mes al “mercato delle vacche”
Molto presenti, in settimana, gli appelli del Presidente della Repubblica. Primo titolo lunedì e giovedì per Rai, Tg5 e Studio aperto agli interventi del Quirinale sulla lotta all’evasione fiscale e per il 50esimo anniversario della strage di piazza Fontana.
 La marcia di solidarietà dei 600 sindaci a Milano a sostegno della Senatrice Segre, e contro qualunque ritorno di razzismo e fascismo, è in apertura martedì su Tg3 e Tg La7, e nei titoli per tutti.
 Le tensioni tra maggioranza e opposizioni sono al centro della pagina politica, e mercoledì guadagnano il maggior numero di aperture, mentre l’elezione della prima donna alla guida della Consulta, la costituzionalista Marta Cartabia, è in apertura solo per Tg3 (titolo per tutti). Sempre da mercoledì, lo scontro politico si sposta dal Fondo salva stati al “mercato delle vacche”, con il ministro Di Maio che accusa alcuni senatori transfughi del Movimento di essersi venduti “al chilo” a Salvini: 7 i titoli, con i TG Mediaset che ne approfittano per rimarcare la debolezza e le fragilità dei Cinque Stelle. L’intervento di Berlusconi, che dal summit del Ppe attacca duramente il governo, troneggia giovedì nei titoli di Mediaset, che rilanciano per lunghi minuti la “voce del padrone”. Le nuove inchieste, che hanno raggiunto sia la Lega che l’ex vicepremier per la vicenda dei voli di stato, sono titolo sui Tg Rai.
 
Ilva, in attesa del futuro. Ambiente, la svolta verde non conquista le scalette. Su Tg4 “l’antipatia” verso Greta Thunberg
 Il fronte dell’Ilva, con gli scioperi, le trattative tra il governo e Arcelor Mittal e i provvedimenti della magistratura, conquista 16 titoli.
 L’agenda dei temi ambientali occupa spazi limitati, nonostante gli annunci in sede europea. Il “piano verde” della Presidentessa Von Der Leyen è nei titoli solo per Tg3. Maggiore spazio, ancora una volta, alle immagini, con Tg3, Tg5 e Tg La7 che denunciano i danni del cambiamento climatico, mostrando ghiacciai che si ritraggono e coste devastate. L’arrivo di Greta Thunberg a Torino per le manifestazioni di piazza Castello ottiene, venerdì, maggiore spazio. Tg4 dimostra nuovamente la sua vena polemica, facendo commentare ad Alessandra Mussolini la scelta del New York Times di assegnare a Greta il titolo di “persona dell’anno”: “Le hanno dato troppo spazio. Comincia a stancare”.  Tg4 condivide, noi no.
 
Sicurezza e immigrazione, su Tg5 interviene Lamorgese. Demopolis sul Tg3: lavoro, l’incubo degli italiani
 Le testate Mediaset presidiano l’area della sicurezza, titolando giovedì sulla condanna di un gioielliere per l’omicidio di due rapinatori, mostrando di non condividere la sentenza e parlando di “aperta ingiustizia”. Tg5 intervista, venerdì, la ministra dell’Interno Lamorgese, che invita la politica tutta a un abbassamento dei toni, riflettendo sulla differenza tra rischi reali e insicurezza percepita.
 Sui temi dell’insicurezza, Tg3 raccoglie i risultati di un sondaggio Demopolis da cui emerge come la maggiore preoccupazione degli italiani resti, per 4 cittadini su 5, il lavoro.
 Nonostante l’avanzata di queste ore delle truppe di Haftar verso Tripoli, nessuna testata dedica specifici servizi alla situazione libica, né tantomeno al fenomeno migratorio, il cui peso mediatico sulla percezione dell’insicurezza pare “dimenticato”. 
 Tg5 ritorna sulle lungaggini delle liste d’attesa della Sanità pubblica, dedicandovi mercoledì la copertina. Sempre in tema di salute, continua l’impegno del Tg3 con la rubrica “vite ad ostacoli”, dedicata ai cittadini disabili.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica