Brexit: attesa e previsioni nel prime time. Il Tg2 plaude alla vittoria di Johnson

L’attesa, le previsioni e infine i risultati delle elezioni in Gran Bretagna raccolgono, tra mercoledì e venerdì, 16 titoli. Il Tg2 plaude alla vittoria di Johnson. L’analisi dell’Osservatorio sui Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 9 al 13 dicembre.

Il trionfo, in parte annunciato, dei conservatori di Johnson, che spiana definitivamente la strada alla Brexit, è la notizia principale di venerdì, e guadagna 5 aperture. In vista dell’ormai sicura e imminente uscita del Regno Unito dall’Unione europea, le testate indagano gli effetti concreti che questa decisione avrà per l’Europa, e soprattutto per le vite dei 700mila italiani che vivono oltre la Manica. Buono l’approfondimento di giovedì di Studio Aperto. Venerdì emerge soprattutto il “sentiment” della popolazione nel dopo voto. I Tg Mediaset raccolgono opinioni diverse, tra preoccupazione ma anche sollievo per la forza, in termini di seggi, su cui potrà contare il nuovo esecutivo.
 
Tg2 celebra la vittoria dei Tories, dedicando al riconfermato premier Boris Johnson un lungo e articolato servizio, cui segue un editoriale firmato dal direttore Sangiuliano. Nel servizio si “magnifica” la figura del premier, appropriandosi degli epiteti usati dai suoi detrattori, ma ribaltandone il valore. “Clown, ambizioso e cialtrone”: questi attributi producono per Tg2 un’immagine comunque vincente: “un leader di sostanza dietro le apparenze”. Sangiuliano omaggia ulteriormente Johnson nel suo editoriale, paragonandolo ai grandi leader conservatori del passato, come Margaret Thatcher o, addirittura, Benjamin Disraeli, uno dei grandi premier dell’epoca vittoriana. 
 
Mattarella a 360 gradi. Liliana Segre sugli scudi. Dal Mes al “mercato delle vacche”
Molto presenti, in settimana, gli appelli del Presidente della Repubblica. Primo titolo lunedì e giovedì per Rai, Tg5 e Studio aperto agli interventi del Quirinale sulla lotta all’evasione fiscale e per il 50esimo anniversario della strage di piazza Fontana.
 La marcia di solidarietà dei 600 sindaci a Milano a sostegno della Senatrice Segre, e contro qualunque ritorno di razzismo e fascismo, è in apertura martedì su Tg3 e Tg La7, e nei titoli per tutti.
 Le tensioni tra maggioranza e opposizioni sono al centro della pagina politica, e mercoledì guadagnano il maggior numero di aperture, mentre l’elezione della prima donna alla guida della Consulta, la costituzionalista Marta Cartabia, è in apertura solo per Tg3 (titolo per tutti). Sempre da mercoledì, lo scontro politico si sposta dal Fondo salva stati al “mercato delle vacche”, con il ministro Di Maio che accusa alcuni senatori transfughi del Movimento di essersi venduti “al chilo” a Salvini: 7 i titoli, con i TG Mediaset che ne approfittano per rimarcare la debolezza e le fragilità dei Cinque Stelle. L’intervento di Berlusconi, che dal summit del Ppe attacca duramente il governo, troneggia giovedì nei titoli di Mediaset, che rilanciano per lunghi minuti la “voce del padrone”. Le nuove inchieste, che hanno raggiunto sia la Lega che l’ex vicepremier per la vicenda dei voli di stato, sono titolo sui Tg Rai.
 
Ilva, in attesa del futuro. Ambiente, la svolta verde non conquista le scalette. Su Tg4 “l’antipatia” verso Greta Thunberg
 Il fronte dell’Ilva, con gli scioperi, le trattative tra il governo e Arcelor Mittal e i provvedimenti della magistratura, conquista 16 titoli.
 L’agenda dei temi ambientali occupa spazi limitati, nonostante gli annunci in sede europea. Il “piano verde” della Presidentessa Von Der Leyen è nei titoli solo per Tg3. Maggiore spazio, ancora una volta, alle immagini, con Tg3, Tg5 e Tg La7 che denunciano i danni del cambiamento climatico, mostrando ghiacciai che si ritraggono e coste devastate. L’arrivo di Greta Thunberg a Torino per le manifestazioni di piazza Castello ottiene, venerdì, maggiore spazio. Tg4 dimostra nuovamente la sua vena polemica, facendo commentare ad Alessandra Mussolini la scelta del New York Times di assegnare a Greta il titolo di “persona dell’anno”: “Le hanno dato troppo spazio. Comincia a stancare”.  Tg4 condivide, noi no.
 
Sicurezza e immigrazione, su Tg5 interviene Lamorgese. Demopolis sul Tg3: lavoro, l’incubo degli italiani
 Le testate Mediaset presidiano l’area della sicurezza, titolando giovedì sulla condanna di un gioielliere per l’omicidio di due rapinatori, mostrando di non condividere la sentenza e parlando di “aperta ingiustizia”. Tg5 intervista, venerdì, la ministra dell’Interno Lamorgese, che invita la politica tutta a un abbassamento dei toni, riflettendo sulla differenza tra rischi reali e insicurezza percepita.
 Sui temi dell’insicurezza, Tg3 raccoglie i risultati di un sondaggio Demopolis da cui emerge come la maggiore preoccupazione degli italiani resti, per 4 cittadini su 5, il lavoro.
 Nonostante l’avanzata di queste ore delle truppe di Haftar verso Tripoli, nessuna testata dedica specifici servizi alla situazione libica, né tantomeno al fenomeno migratorio, il cui peso mediatico sulla percezione dell’insicurezza pare “dimenticato”. 
 Tg5 ritorna sulle lungaggini delle liste d’attesa della Sanità pubblica, dedicandovi mercoledì la copertina. Sempre in tema di salute, continua l’impegno del Tg3 con la rubrica “vite ad ostacoli”, dedicata ai cittadini disabili.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento