Coronavirus, quale futuro? Preziosa: “La percezione di non protezione può scatenare comportamenti incoerenti”

La Cina inizia a mostrare, solo oggi, i primi segni di beneficio per la rapida strategia di contenimento e contrasto messa in atto dalle autorità centrali.
Gli altri paesi del mondo contagiati hanno sottovalutato l’epidemia cinese, pensando alla Cina come ad un paese lontanissimo dai confini nazionali senza contare che, nell’era della globalizzazione, nessun paese è lontano.
Sono anni che gli studiosi avvisano i decisori «Le pandemie sono autentiche minacce per l’umanità» (Elhadj As Sy – Seg. Gen. International Federation of Red Cross and Red Crescent Soceties), ma i decisori si fanno trovare sempre impreparati.
Il mondo ora soffre di un’epidemia che – secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità – è sconfinata nella pandemia.
Ciò che sorprende sistematicamente è l’impreparazione dei paesi per fronteggiare eventi disastrosi, sia di natura calamitosa sia di natura medica.
Il motivo di questa impreparazione va ricercato a monte, nella competizione strategica ora in atto tra i paesi, la quale ha dato una bassa priorità al livello di rischio nei settori critici dei disastri naturali/sanitari.
È vero, gli eventi disastrosi danno pochi avvertimenti sull’ora esatta in cui si manifesteranno, ma la paura indotta da tali disgrazie permane come ricordo collettivo dell’umanità.
Nonostante i progressi tecnologici, alcuni problemi sono risolvibili altri, invece, devono essere prontamente risolti dalla classe dirigente del momento.
Viviamo in un mondo incerto e in perenne mutamento che evolve continuamente con modalità nuove e originali.
È questo il mondo che viene chiamato “della complessità”, dove il decisore, la rete di contatto e la comunicazione, giocano un ruolo decisivo per la gestione in positivo degli eventi: essere carenti, anche in uno di questi settori, vuol dire perdere la partita.
Ma vi è un altro elemento fondamentale: il comportamento sociale, nel quale approcci scientifici come quelli utilizzati nella Fisica non sono applicabili alle leggi della società.
«Le scienze cognitive ci hanno insegnato che la mente non funziona in astratto, ma in continuo riferimento ad una struttura di credenze che essa contribuisce a modificare sulla base delle esperienze fatte la cui componente “razionale” è sola una delle molte».
Le Istituzioni della società sono modificabili con azioni intenzionali (decreti, ecc.), ma il comportamento degli esseri umani non è meramente reattivo, non si adegua automaticamente alla norma.
La chiave del cambiamento risiede nella intenzionalità dei componenti della nostra società, e l’intenzionalità è guidata dalla percezione dei singoli.
Agire sulla percezione sociale è la chiave del problema; nella complessità, il compito è affidato soprattutto al decisore, alla qualità della decisione e all’efficace comunicazione interna ed esterna, che rappresentano, a loro volta, i trasformatori del potere in forza della decisione e, quindi, in persuasione.
Scendendo nel concreto, l’emergenza che stiamo affrontando, necessita di una strategia di base: cioè che si allineino i mezzi a disposizione con i fini da raggiungere.
La presenza dei “gap capacitivi del Paese” e la soluzione dei medesimi, sarà la base per portare il Paese fuori dall’area di rischio.
Sul lato sociale, gli individui devono percepire la correttezza dell’azione direttiva, per porre la fiducia nelle mani del decisore: il popolo sta affidando la propria incolumità nelle mani dei decisori.
Nei paesi democratici, il ruolo della legge (rule of law) assicura che il paese non faccia un passo indietro dal livello di civiltà raggiunto; ogni azione decisoria, deve andare anche in questa direzione, per garantire il raggiungimento degli obiettivi con i minimi danni – in altri paesi le istituzioni seguono regole diverse e più stringenti.
In emergenza e senza preparazione pregressa del paese, le uniche Istituzioni votate alla gestione delle emergenze sono quelle già organizzate per le operazioni di sicurezza e difesa, in coordinamento con le organizzazioni vocate ma svuotate nel tempo di capacità, con una dirigenza centralizzata per la gestione dell’epidemia.
Il dirigente dell’emergenza sarà responsabile non per la malattia virale che ha colpito il paese, ma per le decisioni rapide e attuative del piano di protezione del paese: la percezione di non protezione può scatenare comportamenti sociali incoerenti.
Anche la Cina ha dovuto vincere due battaglie, peraltro ancora in corso, la malattia e la paura della malattia indotta dal virus.
Alcuni stati degli USA, hanno chiamato la Guardia Nazionale (Esercito che appartiene ai singoli Stati USA) per fronteggiare la possibile epidemia, come d’altra parte sta già facendo la Cina.
Quanto sopra rappresenta solo la premessa per poter preparare, fin d’ora, il piano di recupero e rilancio delle infrastrutture, del manifatturiero e di tutta l’economia italiana, i cui grandi impatti recessivi sono solo al momento ipotizzabili e non ancora quantificabili.
L’economia cinese sembra sconvolta dalla malattia a tal punto che il leader cinese ha dichiarato che tutti gli obiettivi statuiti per il 2025 e il 2030 non saranno raggiunti. Anche l’economia globale dà segni di instabilità e uno dei primi indicatori è stato il crollo del prezzo del petrolio, che potrà comportare, a sua volta, instabilità economica per i paesi produttori.
Non raggiungere gli obiettivi di questa prima fase – ovvero la messa in sicurezza del Paese e dei suoi cittadini col minimo dei danni – mina la partenza della seconda fase di recupero e ricostruzione, per mancanza di fiducia sociale.

Il Generale Pasquale Preziosa è il Presidente dell’Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione