Società

Droghe tra i giovani, la “canna”
in cima ai desideri.
Vola la “spice”

89

Marijuana, cocaina, eroina, droghe sintetiche e allucinogeni: un terzo degli adolescenti italiani ha fatto uso di sostanze illegali nel corso della propria breve vita, oltre un quarto ha dichiarato di averle utilizzate nell’ultimo anno. Il 23 per cento di coloro che si sono drogati con l’eroina, ha fatto rifornimento a scuola, il 36 per cento di chi ha sniffato coca, l’ha acquistata in discoteca, più di 4 ragazzi su 10 ritengono sia facile procurarsi la cannabis. Sono alcuni dei dati emersi dal Report Espad Italia 2016 che, da circa vent’anni, monitora i consumi di sostanze illegali tra gli studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni. Dalla fotografia scattata a livello europeo e curata, a livello nazionale, dagli studiosi del Cnr, emerge che la sostanza illegale maggiormente utilizzata è la cannabis, seguita da “spice” (cannabinoide sintetico), cocaina, stimolanti e allucinogeni, mentre l’eroina è quella meno diffusa, sebbene nell’ultimo anno sia stato evidenziato un leggero incremento. La cannabis è stata usata da circa 800mila ragazzi almeno una volta nella vita, circa 640 mila ne ha fatto uso nell’ultimo anno e il 16,1 per cento ha riferito di averla consumata nel corso del mese in cui ha partecipato allo studio. Il consumo interessa maggiormente i maschi e aumenta con l’età: dal 14,4 per cento tra i 15enni al 43,7 per cento tra i 19enni, contro la media femminile che va dal 10,3 al 28 per cento. Uno degli aspetti più preoccupanti riguarda la facilità con cui gli studenti riescono a procurarsi la sostanza illegale: il 42 per cento dichiara che acquistarla è facile. Tra i consumatori, l’86 per cento ne fa un uso esclusivo, il 9 per cento vi associa cocaina, il 7 per cento sostanze allucinogene e l’8 per cento stimolanti. Tra le cosiddette NPS, “nuove sostanze psicoattive” è la “spice” la più diffusa: secondo il rapporto, l’11,1 per cento della popolazione studentesca tra i 15 e i 19 anni, ovvero 275 mila studenti, l’ha provata almeno una volta. Mentre sono 89mila i ragazzi che hanno consumato cocaina: il 47,4 per cento ne ha fatto un uso occasionale, ovvero 5 volte al massimo in un anno, il restante 52,6, invece, ha confessato un consumo più assiduo. Circa un terzo dei ragazzi che l’hanno provata, l’ha acquistata in discoteca o ai concerti, il 42 per cento a casa di uno spacciatore, il 38 per cento in strada. Torna a segnare una crescita l’uso dell’eroina, dall’1,3 per cento all’1,5, dopo la progressiva diminuzione rilevata dal 2006 al 2015. In particolare, il consumo frequente torna ai livelli del 2013 e conta circa 17mila studenti che ne hanno fatto uso 10 volte o più nel mese antecedente la ricerca. Per “sballare” in 60mila sono ricorsi, almeno una volta nella vita, a farmaci antidolorifici, i cosiddetti “painkillers”: anche in questo caso, sono i maschi i più propensi ad “assaggiare” le sostanze. E, in particolare, a rischiare son

Ultime notizie
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli