Crescita

Consumatori più tutelati. Dopo il latte anche il grano sarà tracciabile

143

Dopo l’entrata in vigore, lo scorso aprile, del decreto che obbliga i produttori ad indicare sull’etichetta il paese di provenienza delle materie prime dei prodotti lattiero-caseari, ecco un altro passo importante nella tutela del consumatore: l’obbligo dell’indicazione di origine di grano e riso. I due decreti entreranno in vigore il 17 febbraio del 2018, nonostante le proteste di alcuni imprenditori del settore che inizialmente avevano lasciato pensare al blocco della misura, firmata dal Ministro delle politiche agricole e forestali Maurizio Martina e dal Ministro dell’Ambiente Carlo Calenda.

Con l’ordinanza n° 6194/2017 il Tar del Lazio ha deciso tuttavia di respingere la richiesta mossa dagli imprenditori legati all’Aidepi, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane. Nel motivare la sua decisione il Tribunale Regionale ha indicato come “ “prevalente l’interesse pubblico volto a tutelare l’informazione dei consumatori, considerato anche l’esito delle recenti consultazioni pubbliche circa l’importanza attribuita dai consumatori italiani alla conoscenza del Paese d’origine e/o del luogo di provenienza dell’alimento e dell’ingrediente primario”.

Come previsto dal decreto sul grano-pasta, le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno, obbligatoriamente, indicare il nome del paese in cui è stato coltivato il grano nonché il nome del paese in cui è avvenuta la molitura dello stesso. Nel caso in cui le fasi di produzione avvengano in diversi paesi appartenenti all’Unione Europea, l’etichetta dovrà indicare le diciture Paesi Ue, Paesi non UE o Paesi UE e non UE, allo stesso tempo. Se il grano è coltivato per il 50% in un solo paese UE, per esempio l’Italia, comparirà la dicitura Italia e altri paesi UE. Oppure UE e non UE nel caso di grano proveniente da un paese dell’Unione e da uno esterno.

Un risultato importante se si considera che proprio attraverso una consultazione pubblica promossa sul sito del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali oltre l’85 per cento degli italiani aveva dichiarato di ritenere importante il riconoscimento dell’origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per la pasta.

Prodotti sempre più tracciati e sicuri e quindi di qualità. Queste, senz’altro, le caratteristiche che hanno reso i nostri prodotti famosi in tutto il mondo e che stanno favorendo la ripresa del nostro export, che nel settore dell’agroalimentare ha toccato, secondo l’Istat, i 29,8 miliardi di euro nei primi 9 mesi del 2017 con una crescita di 7 punti percentuali rispetto allo scorso anno.

Un risultato importante quello legato all’export dell’agroalimentare italiano che ci avvicina sempre più all’obiettivo annunciato ad EXPO dal Ministro Martina, per il raggiungimento di 50 miliardi entro il 2020 e che vede il nostro paese sempre più proiettato verso i mercati asiatici dove i consumi di prodotti italiani sono in netta crescita.

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli