Crescita

Consumatori più tutelati. Dopo il latte anche il grano sarà tracciabile

134

Dopo l’entrata in vigore, lo scorso aprile, del decreto che obbliga i produttori ad indicare sull’etichetta il paese di provenienza delle materie prime dei prodotti lattiero-caseari, ecco un altro passo importante nella tutela del consumatore: l’obbligo dell’indicazione di origine di grano e riso. I due decreti entreranno in vigore il 17 febbraio del 2018, nonostante le proteste di alcuni imprenditori del settore che inizialmente avevano lasciato pensare al blocco della misura, firmata dal Ministro delle politiche agricole e forestali Maurizio Martina e dal Ministro dell’Ambiente Carlo Calenda.

Con l’ordinanza n° 6194/2017 il Tar del Lazio ha deciso tuttavia di respingere la richiesta mossa dagli imprenditori legati all’Aidepi, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane. Nel motivare la sua decisione il Tribunale Regionale ha indicato come “ “prevalente l’interesse pubblico volto a tutelare l’informazione dei consumatori, considerato anche l’esito delle recenti consultazioni pubbliche circa l’importanza attribuita dai consumatori italiani alla conoscenza del Paese d’origine e/o del luogo di provenienza dell’alimento e dell’ingrediente primario”.

Come previsto dal decreto sul grano-pasta, le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno, obbligatoriamente, indicare il nome del paese in cui è stato coltivato il grano nonché il nome del paese in cui è avvenuta la molitura dello stesso. Nel caso in cui le fasi di produzione avvengano in diversi paesi appartenenti all’Unione Europea, l’etichetta dovrà indicare le diciture Paesi Ue, Paesi non UE o Paesi UE e non UE, allo stesso tempo. Se il grano è coltivato per il 50% in un solo paese UE, per esempio l’Italia, comparirà la dicitura Italia e altri paesi UE. Oppure UE e non UE nel caso di grano proveniente da un paese dell’Unione e da uno esterno.

Un risultato importante se si considera che proprio attraverso una consultazione pubblica promossa sul sito del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali oltre l’85 per cento degli italiani aveva dichiarato di ritenere importante il riconoscimento dell’origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per la pasta.

Prodotti sempre più tracciati e sicuri e quindi di qualità. Queste, senz’altro, le caratteristiche che hanno reso i nostri prodotti famosi in tutto il mondo e che stanno favorendo la ripresa del nostro export, che nel settore dell’agroalimentare ha toccato, secondo l’Istat, i 29,8 miliardi di euro nei primi 9 mesi del 2017 con una crescita di 7 punti percentuali rispetto allo scorso anno.

Un risultato importante quello legato all’export dell’agroalimentare italiano che ci avvicina sempre più all’obiettivo annunciato ad EXPO dal Ministro Martina, per il raggiungimento di 50 miliardi entro il 2020 e che vede il nostro paese sempre più proiettato verso i mercati asiatici dove i consumi di prodotti italiani sono in netta crescita.

Ultime notizie
Politica

Manovra economica, al Sud tagliati 800 mln. La ripresa non ci sarà

Manovra economica: manca una visione d’insieme per il Sud. Più investimenti ma diminuisce la spesa pubblica. Nessun piano di infrastrutturazione. Il sostegno al reddito? Un’incognita.
di Alfonso Lo Sardo
Società

La Notte Bianca del Classico. In difesa del principe dei Licei

Venerdì 11 gennaio si è svolta, in tutta Italia, la Notte Bianca del Liceo Classico. È una bella idea, nata in quel...
di Alberto Mattiacci
Politica

Giulio Andreotti nasceva (solo) 100 anni fa, ma sembra preistoria

Il 14 gennaio 2019 sono stati cento anni dalla nascita di Giulio Andreotti. Cosa che pochi mai avrebbero previsto, sono molti quelli che ora lo rimpiangono. Il ricordo nel libro di Roberto Cotroneo.
di Patrizio J. Macci
Criminalità e contrasto

Corruzione in Italia, ecco come si altera la reputazione di un Paese

Dipingere un paese come corrotto o anche più corrotto di quanto realmente non sia può avere effetti diretti e indiretti sull’economia. L’econometria della corruzione è alla base della ricerca realizzata da Eurispes
di redazione
Criminalità e contrasto

Mafie straniere in Italia. “Mancano interpreti e collaboratori di giustizia”

Dalla mafia nigeriana a quella cinese, rumena e albanese: le associazioni criminali straniere che hanno “preso casa” in Italia convivono con le mafie autoctone, si spartiscono traffici e attività illegali. Cesare Sirignano, Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, ha fotografato il fenomeno.
di Raffaella Saso
Innovazione

Dalla smart city alla smart land, la città è ovunque

Essere smart è un modo di essere, una condizione ontologica. La rivoluzione è già avvenuta e la “città del futuro” più vicina di quanto possiamo immaginare. Anzi, la città è già ovunque, la città è sprawl.
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Spreco di cibo nel mondo: nel secchio un terzo di quello prodotto

I dati choc dello spreco alimentare. Un terzo del cibo prodotto sul pianeta, viene sprecato senza neanche arrivare a tavola. Con il cibo che finisce tra i rifiuti, si potrebbero sfamare 200 milioni di persone.
di Alfonso Lo Sardo
agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell'Associazione In Migrazione.
di redazione
Economia

Misure fiscali: tutte le novità per il 2019. La guida per orientarsi

Una web tax al 3% sui servizi digitali delle grandi imprese, con lo scopo principale di tassare le vendite online delle multinazionali. Ma sono molte le misure fiscali introdotte con la legge di Bilancio 2019. Ecco la guida per orientarsi.
di Giovambattista Palumbo
Attualità

Amos Oz: “Per la pace in Medio Oriente i leader non sono pronti”

A pochi giorni dalla scomparsa, riproponiamo un'intervista realizzata tempo fa con lo scrittore Amos Oz. «Verrà un giorno in cui bisognerà accettare il compromesso, e vi sarà un’ambasciata palestinese in Israele e un’ambasciata Israeliana in Palestina».
di Massimiliano Cannata