Equità di genere e impresa, più donne ma non ai vertici

equità di genere

Equità di genere, a qualche giorno di distanza dalla giornata internazionale della donna facciamo il punto sulla presenza delle donne nel mondo dell’impresa, attraverso una serie di studi dedicati. Tra i vari momenti di riflessione che riguardano la condizione femminile, la violenza di genere è senz’altro un argomento irrinunciabile e rispetto al quale c’è ancora molto da fare. Ma la parità di genere in ambito lavorativo è uno dei tasselli che permetteranno alle donne di essere sempre più indipendenti e di facilitare l’evoluzione della società verso modelli aperti e di chiaro rifiuto dell’ottica patriarcale. Insomma la presenza delle donne nelle imprese è l’altra faccia di una società meno misogina e più femminista.

Equità di genere, più donne nelle imprese ma non al comando

Innanzitutto, parliamo di presenza femminile nell’impresa. I dati sono rassicuranti ma non ancora solidi per quanto riguarda l’occupazione delle donne di posizioni apicali e di comando. È quanto emerge da un recente studio condotto da IBM – Institute for Business Value (IBV) e Chief, dal titolo “Women in leadership: Why perception outpaces the pipeline—and what to do about it” (2023) che ha coinvolto 2.500 aziende di 12 paesi appartenenti a 10 diversi comparti industriali. Il report evidenzia un +12% nella presenza di donne in posizioni C-suite e nei Consigli di Amministrazione e un aumento fino al 40% della rappresentanza femminile tra i professionisti/specialisti junior (+37% nel 2021). Tuttavia, la crisi determinata dalla pandemia ha fatto registrare dei passi indietro nell’occupazione di ruoli chiave: ad oggi abbiamo il 14% di donne nel ruolo di vice presidente senior (erano il 18% nel 2019) e un 16% di vice presidente (19% nel 2019). Inoltre, meno della metà (45%) delle organizzazioni partecipanti riferisce di considerare una priorità di business un numero maggiore di donne nei ruoli di leadership. Insomma, più presenza femminile nelle aziende, ma con meno ruoli di responsabilità e comando rispetto ai livelli pre-pandemia. La pandemia continua, dunque, ad avere un impatto sproporzionato sul lavoro delle donne: gli intervistati la considerano come l’evento più grave che le donne si sono trovate ad affrontare, a riconoscimento dell’immenso e costante impegno assunto.

Il 45% delle imprese considera una priorità di business un numero maggiore di donne nei ruoli di leadership

Lo studio ha inoltre indagato sulla percezione del gender gap nelle aziende: gli intervistati prevedono che il loro settore d’industria vedrà parità di genere nella leadership entro 10 anni o meno, rispetto al 2019, quando le previsioni si attestavano mediamente a 54 anni. Ma la realtà è ben diversa: in base ai dati raccolti dallo studio, la parità di genere è ancora lontana decenni. Barriere strutturali e pregiudizi continuano ad ostacolare l’avanzamento delle donne: alla domanda se le donne con figli a carico si dedicano al lavoro come le donne senza figli, la maggior parte degli intervistati risponde di sì, ma solo il 40% circa dei dirigenti maschi è d’accordo con tale affermazione.

Diversità e inclusione, una priorità per la crescita delle imprese

Crescita e solidità di un’impresa oggi dipendono anche dalla capacità di valorizzare la diversità e di favorire l’inclusione di gruppi storicamente sottorappresentati. È quanto sostiene anche “Future of Work”, uno studio sulla Diversity, Equity & Inclusion nato con lo scopo di evidenziare l’importanza dei singoli individui nel contesto aziendale. La ricerca, curata da Inaz – Osservatorio Imprese Lavoro e Business International – Fiera Milano, ha interpellato circa 100 HR Director di aziende italiane (settembre-ottobre 2022) sui temi della Diversity&Inclusion con la collaborazione dell’Università degli Studi di Roma Tre. Dalla ricerca emerge che le imprese italiane si occupano di D&I principalmente per motivi etici (84% del campione) o di business (50%), ma emerge una percentuale importante alla voce “Engagement, attraction e retention” (64%): sta crescendo nelle aziende l’attenzione alle nuove generazioni, che sono più sensibili alle tematiche D&I. Nelle differenti aree di diversity, emerge che la maggiore attenzione viene posta su disabilità (78% delle risposte) e genere (76%), seguite dalle differenze generazionali (62%) e poi, a maggiore distanza, da orientamento sessuale, origine geografica e religione. Per quanto riguarda i piani messi in atto dalle imprese italiane per favorire D&I – solo il 46% delle imprese intervistate ne ha uno – essi sono rivolti soprattutto alla parità di genere (76%), ma solo il 44% delle aziende intervistate monitora in modo sistematico il gender pay gap e solo il 38% fa effettivamente qualcosa per ridurlo. Per contro, le aziende dichiarano di concentrarsi di più nell’incrementare il numero di donne in ruoli manageriali (il 60% ha azioni in corso in questo senso).

Le imprese al femminile

Se le imprese italiane prendono gradualmente consapevolezza del gender gap e si muovono in direzione della gender equality, un discorso a parte va fatto per le imprese al femminile. Nel 2022 si contano 6.000 imprese femminili in meno rispetto al 2021: un contesto generale ancora complicato dagli effetti della pandemia, dalla guerra e dalla crisi energetica ha sfavorito le donne nei settori tradizionali. Per quanto riguarda i diversi comparti industriali, il settore Commercio (340 mila imprese femminili per il 24% sul totale del settore) ha perso 7.700 imprese femminili; l’agricoltura (più di 200 mila imprese, il 28% del totale) ne ha perse oltre 4mila; le Attività di alloggio e ristorazione (134 mila imprese femminili, il 29% del totale) segnalano 1.200 imprese femminili in meno.

Nel 2022 le imprese femminili in Italia sono il 22% del totale

In compenso, come rileva l’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di Unioncamere e InfoCamere, sono 2.000 in più le imprese femminili nelle attività professionali, quasi 1.500 in più quelle attive nelle Attività immobiliari, circa mille in più nei Servizi di comunicazione e nelle attività finanziarie, 800 in più nel noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese. A fine 2022 le imprese femminili registrate in Italia sono il 22% del totale. L’evoluzione delle imprese femminili si concentra nei settori più innovativi e a maggior contenuto di conoscenza. Nelle attività professionali, scientifiche e tecniche, registrano un +5% con un tasso di femminilizzazione vicino al 20%. I Servizi di informazione e comunicazione registrano un tasso di femminilizzazione del 19%; le attività finanziarie ed assicurative del 22%. Le imprese femminili aumentano anche nelle Costruzioni (+1,67%), nelle Attività immobiliari (+2,25%), così come in alcuni settori in cui già la presenza femminile è cospicua: Istruzione (+3,53% e 359 imprese in più), Sanità (+1,66% e 285 imprese in più), attività artistiche, sportive e di intrattenimento (+1,54% e +288), Altre attività dei servizi (+1% e 1.423 imprese in più). Tutelare le imprese al femminile, in questo momento storico, può significare dunque sostegno e crescita di settori innovativi, basati su tecnologie avanzate, ricerca e sviluppo.

Ancora molto da fare per raggiungere l’equità di genere

Le disuguaglianze di genere persistono in tutti i settori della vita sociale ed economica e in tutti i paesi. Secondo l’Ocse, i divari si ampliano con l’età, poiché la maternità in genere ha marcati effetti negativi sui divari retributivi di genere e sull’avanzamento di carriera. Le donne hanno anche meno probabilità di essere imprenditrici e sono sottorappresentate nelle posizioni dirigenziali private e pubbliche. Nel complesso, i progressi verso la parità sono stati lenti e vi è un forte bisogno di ulteriori azioni politiche per colmare i divari di genere nell’istruzione, nell’occupazione, nell’imprenditorialità e nella vita pubblica.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento