Digital hate, la misoginia corre sul web

digital hate

Digital hate e donne, la misoginia corre sul web. Qualcuno direbbe che corre soprattutto sul web, in quanto mezzo che ha ampliato le possibilità di espressione della già presente violenza contro le donne. È di qualche settimana fa la notizia riportata dalla Polizia di Stato in occasione della giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne: sono 104 le vittime di femminicidio nel 2022. Se il femminicidio è l’espressione più estrema della violenza, sono tante le forme in cui essa si manifesta: reati spia come stalking, maltrattamenti, o annullamento dell’individuo come la costrizione al matrimonio, gli abusi fisici e psicologici. La corrente misogina che attraversa l’oceano della Rete è presente, e lungi dall’essere una manifestazione prettamente “virtuale”, assume le sembianze di un abuso in piena regola. Si parla in questo caso sia delle intimidazioni che, partendo dalla vita reale, usano i social media per compiersi (si pensi allo stalking o ai divieti di avvicinamento), che della misoginia ad uso e consumo di piattaforme social. 

La violenza di genere online è un fenomeno che nel mondo riguarda 1 donna su 3 

Una indagine condotta nel 2022 dal CCDH (Center of Countering Digital Hate) ha analizzato i profili di 5 donne presenti su Instagram, che raccolgono insieme quasi 5 milioni di follower (4,8 milioni). Lo scopo della ricerca era valutare se le regole di Instagram, che vietano espressamente messaggi di violenza, molestie, e minacce, fossero effettivamente ed efficacemente rispettate. Insomma ci si chiedeva se i proclami della piattaforma corrispondessero poi a una effettiva tutela delle persone, in particolare, in questo caso delle donne. Le donne messe sotto la lente dell’indagine appartengono ai più diversi ambiti, ma tutte rappresentano una certa idea di popolarità, successo, o potere: Amber Heard, attrice entrata al centro di polemiche durante il processo contro il suo ex marito, Johnny Depp, nonché ambasciatrice ONU per i diritti umani. E ancora: Racherl Riley, presentatrice televisiva e ambasciatrice del CCDH; Jamie Klingler, co-fondatrice di Reclaim These Streets; Bryony Gordon, pluripremiata giornalista e attivista per il diritto alla salute mentale; Sharan Dhaliwal, fondatrice della rivista di cultura Burnt Roti in Asia meridionale.

Instagram vieta apertamente messaggi di odio, misoginia, omofobia, razzismo, nudità o atti sessuali

Sappiamo che Instagram vieta apertamente messaggi di odio, misoginia, omofobia, razzismo, nudità o atti sessuali, violenza esplicita o minacce, e ogni tipo di incitamento a tali pratiche. Il problema dell’effettivo rispetto delle regole  è presente soprattutto nei messaggi privati, ovvero nel Direct Messaging (DM), dove è sempre più complicato vigilare. Secondo l’analisi del CCDH, per molte donne Instagram non è un luogo sicuro: su 8.717 messaggi inviati in DM, 1 su 15 infrange le regole di Instagram su abusi e molestie. I ricercatori hanno inoltre registrato 125 esempi di abuso sessuale basato su immagini (IBSA), un atto recentemente annoverato come reato dal governo del Regno Unito. Di tutte le note vocali ricevute dalle donne che si sono prestate all’indagine, 1 su 7 era offensiva, mentre Instagram consente a degli estranei di effettuare chiamate vocali in DM a donne che non conoscono. Questa analisi si basa sui “download di dati” di Instagram inviati da Rachel Riley, Jamie Klingler e Sharan Dhaliwal. Amber Heard e Bryony Gordon non sono stati in grado di ottenere il download completo dei propri dati. Sempre secondo la suddetta indagine, Instagram non interviene su 9 messaggi offensivi su 10 ricevuti in DM, dimostrando che gli strumenti a protezione degli utenti utilizzati dalla piattaforma non sono efficaci. A questa raccolta di dati hanno potuto partecipare Amber Heard, Rachel Riley e Sharan Dhaliwal poiché non avevano rimosso i messaggi offensivi ricevuti né bloccato i loro mittenti, ovvero 253 account artefici degli abusi in DM.

Digital hate, su 8.717 messaggi inviati in DM, 1 su 15 infrange le regole di Instagram 

Secondo i ricercatori del CCDH, la piattaforma in questione può agire su diversi fronti per far sì che internet sia un ambiente più sicuro e confortevole, soprattutto per le donne. I problemi tecnici da risolvere al momento sono numerosi: innanzitutto, non è possibile segnalare le note vocali, –offensive o che violino le regole di Instagram – ricevute in DM, come invece avviene per i commenti sotto ai post. È inoltre difficile scaricare prove di messaggi offensivi ricevuti in DM, come ad esempio i messaggi arrivati in “vanish mode” (contenuti temporanei che svaniscono con la chat), che l’utente non è in grado di riconoscere e segnalare. La segnalazione fatta alla piattaforma è al momento l’unico strumento in grado di mettere fine ad abusi e azioni non conformi alle regole di Instagam, e sembra non funzionare efficacemente per il DM. CCDH conclude l’indagine con alcune pratiche utili per la piattaforma:

  • rendere più efficienti i sistemi di segnalazione degli abusi;
  • vietare a profili sconosciuti di accedere alle modalità in cui si manifestano gli abusi (invio di foto o note vocali da parte di sconosciuti);
  • alzare l’attenzione sulle segnalazioni, che al momento soddisfano solo condizioni di abuso diretto, mentre lasciano fuori tutti gli abusi che avvengono in DM.

Instagram non interviene su 9 messaggi offensivi su 10 ricevuti in DM

La normalizzazione della comunicazione via social ha forse fatto smarrire l’idea di sicurezza e di rispetto, soprattutto verso le donne che subiscono varie forme di molestia da parte di profili sconosciuti. Secondo un’indagine della United Nations Broadband Commission del 2015 dal titolo “Cyber violence against women and girls” (“Cyber violenza contro donne e ragazze”), la violenza di genere online è un fenomeno che nel mondo riguarda 1 donna su 3 e che in Europa ha colpito 9 milioni di donne e ragazze. La rapida diffusione degli smartphone ha fatto aumentare il numero delle persone coinvolte, con il rischio di diffondere e normalizzare un tipo di scambio abusivo, calpestando inoltre la privacy delle donne che subiscono l’abuso. Le piattaforme online come Instagram – ma i colossi del web chiamati in causa sono tanti – dovrebbero farsi carico di questa grande responsabilità ed investire risorse in sistemi di tutela efficaci e risolutivi contro il digital hate e a tutela delle donne.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione