L’attesa, esercizio per piccoli e grandi

avvento

Travolti da tutto, è stato un attimo. Ci ritroviamo immersi in un mondo di lucine, addobbi, corone di abeti, pronti ai festeggiamenti che quest’anno si preannunciano diversi. Non era così da tempo, continuiamo a ripeterci stupiti, calcolando i sacrifici compiuti. Per la prima volta, dopo le restrizioni imposte dal virus, ci saranno tavole allargate e libertà di abbracci, influenza permettendo. Pensiamo agli appuntamenti e ai doni, da fare e ricevere. Si preannuncia una fase di stordimento che durerà un po’, capace di far schizzare in alto i livelli di serotonina. Saremo contenti di ridere di nuovo, scherzare, non aver paura di incontrare amici e parenti sotto l’albero. Sarà una tentazione immergersi nel clima delle feste senza pensare troppo al resto, guardando solo al presente. Poi, certo, verrà un altro giorno e si ricomincerà da capo, ma allora si vedrà, inutile affannarsi ora. Intanto affrontiamo questo passaggio, intenso ed emozionante, magari impegnativo, non diversamente da quelli precedenti, che vorremmo lasciarci alle spalle, senza riuscirci. Perché sono stati devastanti e non hanno esaurito gli effetti. Non abbiamo avuto scudo alcuno che ci proteggesse da una sequela di accelerazioni travolgenti, che si sono susseguite tanto da confonderne la memoria. Non ne abbiamo grande colpa forse, perché la fatica generale si è accompagnata al dolore personale e al disagio sociale.

Un anno segnato da guerra e sconvolgimento climatico

Era il 24 febbraio quando Putin iniziava la follia dell’invasione dell’Ucraina, e in tanti mesi, si sono accumulate innumerevoli stragi, ma non c’è alcuna prospettiva di “cessate il fuoco”. Siamo sempre sul baratro dell’incrudelimento ulteriore del conflitto e della minaccia delle armi nucleari. Manca ogni prospettiva di pace nella giustizia e nel rispetto dei diritti. L’eco degli spari e il tuono dei missili sono giunti fino a noi. Era impossibile girarsi dall’altra parte e fare finta di nulla. La crisi energetica ha messo al buio le città ucraine, costringendole al freddo e alla fame, ma ha provocato a cascata la moltiplicazione delle nostre spese mensili, accentuando le difficoltà del sistema economico. Lo sconvolgimento climatico ha cessato d’essere un fattore lontano di rischio, argomento buono solo per conferenze accademiche e discussioni retoriche, quando ha generato ovunque, in tragica alternanza, siccità e inondazioni. Incrociato alle colpe umane, agli abusi edilizi e alla mancanza di manutenzione del territorio, il clima ha generato distruzioni, frane, colate mortali di fango.

L’Avvento ci ricorda l’attesa della Luce

Il calendario ci ricorda la stagione dell’Avvento, che dovrebbe essere attesa della Luce, quale che sia la nostra credenza, a partire magari dal buon auspicio del solstizio del 21 dicembre, che dà inizio alla riduzione del buio e al recupero delle giornate. Accusiamo però, per necessità oppure per scelta, la difficoltà di far nostra la dimensione interiore dell’attesa, che non è propria soltanto di un momento dell’anno ma lo attraversa tutto. L’attesa sarebbe infatti rallentamento delle nostre azioni, indugio sui passi da compiere, riflessione sul motivo degli affanni, studio dei possibili rimedi. Le pratiche religiose con i riti e i simboli hanno anche questa implicazione suggestiva. Come del resto tante prassi del mondo laico. Sono proiettate sul disegno di offrire un diverso esercizio di vita, più attento al tempo, e dunque alla riflessione. Invece, noi facciamo esattamente l’opposto, cerchiamo velocità e immediatezza, applichiamo lo scrolling a tutti i gesti dell’esistenza non solo allo schermo del telefonino, sollecitati a farlo il più rapidamente possibile, con la conseguenza di non soffermarsi su nulla. È dispersione dell’attenzione e dell’interesse, in una pluralità di attimi sterili di senso. È, soprattutto, perdita di conoscenza e di complessità.

Facciamo esperienza dell’attesa soltanto nel rapporto con i bambini

Alcuni adolescenti hanno affrontato l’esperienza di confrontarsi con oggetti in uso non molto tempo fa. Sono stati invitati in una stanza dove c’erano solo strumenti oggi negletti. Il telefono da tavolo con la rondella. I dischi da 3,5 pollici dei computer. Le video cassette per i film alla Tv. L’assenza di memoria e di esperienza era palpabile nella difficoltà di maneggiare questi strumenti, sapere a cosa servissero, come utilizzarli. Facciamo esperienza dell’attesa soltanto nel rapporto con i bambini, quando siamo costretti a rallentarne la frenesia di fronte a feste e appuntamenti. Abituati ad un mondo dove tutto è accessibile subito, e immediatamente acquisibile, li esortiamo ad avere un registro differente. Ma, educare all’attesa è impegno che riguarda anche gli adulti, a prescindere dal rapporto educativo e anche dai festeggiamenti di qualsiasi natura.

L’attesa non è un vuoto inutile, è studio, riflessione, scelta

Dovrebbe essere, il passaggio stretto del rallentamento, innanzi tutto un modo adulto di essere e di affrontare la vita. Accanto al consumismo degli oggetti e dei giocattoli, c’è quello ancora più fagocitante del tempo. La fretta impedisce pure agli adulti, nella loro vita consapevole, di apprezzare il valore delle cose. L’attesa in fondo non è un vuoto inutile, è studio, riflessione, scelta. A ben vedere, sia la vita individuale che quella dell’intera comunità non possono prescindere dall’apprezzamento della misura del tempo. Che è affidata in ogni società, a riti, ricorrenze, momenti, i quali, nell’insieme, sono la rappresentazione simbolica dei valori su cui si basano l’ordinamento e la convivenza civile

Leggi anche

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città