Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Gioia Tauro porto

Gioia Tauro, uno scalo così importante in un territorio così depresso: sembra quasi un ossimoro e forse lo è, ma dietro questa apparente contraddizione si cela un grande potenziale di sviluppo. Il porto di Gioia Tauro con i suoi due terminalisti – uno che si occupa del trasbordo di contenitori, l’altro del trasporto di autoveicoli – è, infatti, il centro dei traffici di merci containerizzate del Mediterraneo, destinati non solo al mercato mitteleuropeo, ma anche a quello dell’Est e dell’Ovest. Sono infatti 120 i porti in tutto il mondo collegati settimanalmente con i servizi di transhipment che transitano da Gioia Tauro: una rete di connessioni davvero impressionante.

Opera unica nel suo genere in Italia e nel Mediterraneo

Il porto, nato inizialmente con altre destinazioni d’utilizzo negli anni Settanta, ha cambiato per svariate ragioni la sua destinazione d’uso divenendo, sul finire degli anni Ottanta, una infrastruttura dedicata al trasporto marittimo. L’opera, imponente, unica nel suo genere non solo in Italia, ma nel Mediterraneo, è oggi divenuta – grazie alla gestione di MCT e del Gruppo Msc – l’Hub di transhipment più importante del nostro Paese, nonché uno tra i maggiori in Europa, movimentando più di 3,2 milioni di TEUs e avendo in programma di movimentarne 4,5 milioni entro due anni.

Tuttavia, questa grande realtà si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando immediate ricadute positive sia a livello locale che nazionale. I problemi che frenano questo sviluppo sono tanti, da quelli legati alla nostra macchina pubblica, a quelli legati al territorio, a volte ostile e ostruzionista (per assurdo) proprio verso quei soggetti che, per primi, danno occupazione e futuro a migliaia di famiglie.

Il porto di Gioia Tauro rappresenta attualmente la via più rapida per raggiungere i mercati del Nord

MCT ha messo in opera importanti piani di sviluppo economico non solo via mare – implementando investimenti per oltre 110 milioni tra attrezzature di banchina e di piazzale – ma ha altresì permesso di creare un business nave/ferro attraverso la realizzazione di un moderno gateway ferroviario dotato di aste da 800 metri di lunghezza che potranno lanciare treni merci verso i mercati del Nord del Paese. Il prodotto, a cura delle società del Gruppo che operano nei mercati della logistica terrestre, è ancora in fase embrionale e come tale va sviluppato passo a passo, ma darà sicuramente i risultati attesi nel prossimo futuro. Se si volessero sintetizzare i punti di forza e di debolezza del porto di Gioia Tauro, il primo aspetto da prendere immediatamente in considerazione sarebbe la sua posizione: baricentrica nel Mediterraneo, equidistante da Suez e da Gibilterra. Questo Porto rappresenta un’infrastruttura unica nel suo genere, sia in termini di dimensioni del porto-canale (lunghezza 3,4 km, larghezza 250 mt. e profondità 16,5 mt.), sia in termini di dimensione dei piazzali (più di 150 ettari in concessione), caratteristiche, queste, che permettono la promozione e la gestione di traffico intermodale sia nave/ferro che ferro/gomma. Il porto di Gioia Tauro rappresenta attualmente la via più rapida per raggiungere i mercati del Nord, sia attraverso feederaggio sia attraverso ferro. Si pensi, ad esempio, che la Spagna adotta ancora per la stragrande maggioranza delle linee uno scartamento non standard, comportando – al confine con la Francia – una “rottura” del carico a causa dello spostamento dello stesso da un treno all’altro, con perdite in termini di tempo e denaro. Il Porto, inoltre, possiede un enorme retroporto pianeggiante, una risorsa invidiabile e al tempo stesso rara, che se ben sfruttata comporterebbe notevoli vantaggi economici. A ciò si aggiunga il bacino di carenaggio per navi fino a 366 metri di lunghezza, che sarà realizzato prossimamente a cura dell’AdSP.

Lo sviluppo del porto dipende dalla crescita sociale e infrastrutturale del territorio

L’altro lato della medaglia può essere facilmente sintetizzato in quelle che sono le debolezze che tutti conoscono e che hanno storicamente caratterizzato quest’area: un territorio povero, carente di infrastrutture e collegamenti; la presenza di organizzazioni criminali capaci di infiltrarsi nel tessuto economico e sociale; la presenza di una struttura industriale imperniata su micro imprese che non interagiscono, dal punto di vista commerciale, con il Porto. È chiaro che lo sviluppo di questo territorio non può che passare attraverso l’implementazione di strutture che hanno a che fare con la collettività, come scuole, aziende, servizi, strutture alberghiere e così via, contribuendo al generale sviluppo del Sud. Anche le ZES costituirebbero una straordinaria opportunità di sviluppo, in quanto motore primario di una crescita territoriale e regionale, con ricadute sull’intero apparato nazionale. In tal senso, la presenza del porto di Gioia Tauro è essenziale per il territorio, poiché in grado di competere con gli altri porti del Mediterraneo proprio grazie alle sue peculiari conformazioni (come il bacino di carenaggio o il retroporto) e resistere agli attacchi della concorrenza da parte dei principali porti di Grecia e Spagna e in maniera minore di quelli del Nord Africa (Tangeri, Marocco).

Il porto di Gioia Tauro e il sistema-Paese

Da questa sintetica analisi emerge chiaramente che gli aspetti sicuramente positivi che caratterizzano il porto di Gioia Tauro battono quelli potenzialmente negativi. Parallelamente alla sua crescita, però, il Porto necessita inevitabilmente di un efficace sistema-Paese, che operi nell’interesse del Porto come elemento fondante dello sviluppo del territorio. A tal proposito si possono citare le parole di Gianluigi Aponte, fondatore e Presidente di Mediterranean Shipping Company (Msc), che in una recente intervista ha sostenuto: «Lavoriamo in tutti i continenti e in ogni Paese c’è un modo differente di concepire il rapporto fra gli imprenditori e lo Stato. In Italia, ad esempio, non c’è un dialogo stretto, eppure c è molto da fare nel nostro settore perché cooperando potrebbero nascere grandi opportunità economiche che si tradurrebbero in migliaia di posti di lavoro e stipendi. Specialmente nella logistica dove, però, servono infrastrutture all’avanguardia e al passo con gli altri Stati».

Leggi anche

Visione sistemica ed integrata per lo sviluppo della logistica nella nostra nazione, maggiore cooperazione pubblico-privato, velocità di esecuzione progettuale ed implementazione dei lavori, maturità e serietà delle parti sociali che devono “naturalmente” vedere e accettare la competitività come cambio di passo per garantire il successo del Porto e del suo futuro. Queste alcune delle chiavi di volta per promuovere un’eccellenza italiana che è, purtroppo, ad oggi principalmente ignorata e sottoutilizzata.

Un’eccellenza italiana da far conoscere a livello mondiale

Eppure qualcosa inizia a muoversi, in senso positivo: per l’Expo di Dubai 2020 – che a causa pandemia si tiene tra l’autunno 2021 e l’inverno 2022 – il nostro Paese ha partecipato con uno stand al quale più di una dozzina di Regioni italiane hanno aderito presentando diverse eccellenze in altrettanti diversi settori di mercato. La Regione Calabria ha individuato il porto di Gioia Tauro, all’interno del settore della logistica e del trasporto delle merci, come un’eccellenza italiana da far conoscere a livello mondiale. E perciò saremo con orgoglio all’Expo Dubai 2020 a portare la bandiera del fare e della professionalità che caratterizza questa unica infrastruttura.

*Amministratore delegato Medcenter

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse