Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Gioia Tauro porto

Gioia Tauro, uno scalo così importante in un territorio così depresso: sembra quasi un ossimoro e forse lo è, ma dietro questa apparente contraddizione si cela un grande potenziale di sviluppo. Il porto di Gioia Tauro con i suoi due terminalisti – uno che si occupa del trasbordo di contenitori, l’altro del trasporto di autoveicoli – è, infatti, il centro dei traffici di merci containerizzate del Mediterraneo, destinati non solo al mercato mitteleuropeo, ma anche a quello dell’Est e dell’Ovest. Sono infatti 120 i porti in tutto il mondo collegati settimanalmente con i servizi di transhipment che transitano da Gioia Tauro: una rete di connessioni davvero impressionante.

Opera unica nel suo genere in Italia e nel Mediterraneo

Il porto, nato inizialmente con altre destinazioni d’utilizzo negli anni Settanta, ha cambiato per svariate ragioni la sua destinazione d’uso divenendo, sul finire degli anni Ottanta, una infrastruttura dedicata al trasporto marittimo. L’opera, imponente, unica nel suo genere non solo in Italia, ma nel Mediterraneo, è oggi divenuta – grazie alla gestione di MCT e del Gruppo Msc – l’Hub di transhipment più importante del nostro Paese, nonché uno tra i maggiori in Europa, movimentando più di 3,2 milioni di TEUs e avendo in programma di movimentarne 4,5 milioni entro due anni.

Tuttavia, questa grande realtà si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando immediate ricadute positive sia a livello locale che nazionale. I problemi che frenano questo sviluppo sono tanti, da quelli legati alla nostra macchina pubblica, a quelli legati al territorio, a volte ostile e ostruzionista (per assurdo) proprio verso quei soggetti che, per primi, danno occupazione e futuro a migliaia di famiglie.

Il porto di Gioia Tauro rappresenta attualmente la via più rapida per raggiungere i mercati del Nord

MCT ha messo in opera importanti piani di sviluppo economico non solo via mare – implementando investimenti per oltre 110 milioni tra attrezzature di banchina e di piazzale – ma ha altresì permesso di creare un business nave/ferro attraverso la realizzazione di un moderno gateway ferroviario dotato di aste da 800 metri di lunghezza che potranno lanciare treni merci verso i mercati del Nord del Paese. Il prodotto, a cura delle società del Gruppo che operano nei mercati della logistica terrestre, è ancora in fase embrionale e come tale va sviluppato passo a passo, ma darà sicuramente i risultati attesi nel prossimo futuro. Se si volessero sintetizzare i punti di forza e di debolezza del porto di Gioia Tauro, il primo aspetto da prendere immediatamente in considerazione sarebbe la sua posizione: baricentrica nel Mediterraneo, equidistante da Suez e da Gibilterra. Questo Porto rappresenta un’infrastruttura unica nel suo genere, sia in termini di dimensioni del porto-canale (lunghezza 3,4 km, larghezza 250 mt. e profondità 16,5 mt.), sia in termini di dimensione dei piazzali (più di 150 ettari in concessione), caratteristiche, queste, che permettono la promozione e la gestione di traffico intermodale sia nave/ferro che ferro/gomma. Il porto di Gioia Tauro rappresenta attualmente la via più rapida per raggiungere i mercati del Nord, sia attraverso feederaggio sia attraverso ferro. Si pensi, ad esempio, che la Spagna adotta ancora per la stragrande maggioranza delle linee uno scartamento non standard, comportando – al confine con la Francia – una “rottura” del carico a causa dello spostamento dello stesso da un treno all’altro, con perdite in termini di tempo e denaro. Il Porto, inoltre, possiede un enorme retroporto pianeggiante, una risorsa invidiabile e al tempo stesso rara, che se ben sfruttata comporterebbe notevoli vantaggi economici. A ciò si aggiunga il bacino di carenaggio per navi fino a 366 metri di lunghezza, che sarà realizzato prossimamente a cura dell’AdSP.

Lo sviluppo del porto dipende dalla crescita sociale e infrastrutturale del territorio

L’altro lato della medaglia può essere facilmente sintetizzato in quelle che sono le debolezze che tutti conoscono e che hanno storicamente caratterizzato quest’area: un territorio povero, carente di infrastrutture e collegamenti; la presenza di organizzazioni criminali capaci di infiltrarsi nel tessuto economico e sociale; la presenza di una struttura industriale imperniata su micro imprese che non interagiscono, dal punto di vista commerciale, con il Porto. È chiaro che lo sviluppo di questo territorio non può che passare attraverso l’implementazione di strutture che hanno a che fare con la collettività, come scuole, aziende, servizi, strutture alberghiere e così via, contribuendo al generale sviluppo del Sud. Anche le ZES costituirebbero una straordinaria opportunità di sviluppo, in quanto motore primario di una crescita territoriale e regionale, con ricadute sull’intero apparato nazionale. In tal senso, la presenza del porto di Gioia Tauro è essenziale per il territorio, poiché in grado di competere con gli altri porti del Mediterraneo proprio grazie alle sue peculiari conformazioni (come il bacino di carenaggio o il retroporto) e resistere agli attacchi della concorrenza da parte dei principali porti di Grecia e Spagna e in maniera minore di quelli del Nord Africa (Tangeri, Marocco).

Il porto di Gioia Tauro e il sistema-Paese

Da questa sintetica analisi emerge chiaramente che gli aspetti sicuramente positivi che caratterizzano il porto di Gioia Tauro battono quelli potenzialmente negativi. Parallelamente alla sua crescita, però, il Porto necessita inevitabilmente di un efficace sistema-Paese, che operi nell’interesse del Porto come elemento fondante dello sviluppo del territorio. A tal proposito si possono citare le parole di Gianluigi Aponte, fondatore e Presidente di Mediterranean Shipping Company (Msc), che in una recente intervista ha sostenuto: «Lavoriamo in tutti i continenti e in ogni Paese c’è un modo differente di concepire il rapporto fra gli imprenditori e lo Stato. In Italia, ad esempio, non c’è un dialogo stretto, eppure c è molto da fare nel nostro settore perché cooperando potrebbero nascere grandi opportunità economiche che si tradurrebbero in migliaia di posti di lavoro e stipendi. Specialmente nella logistica dove, però, servono infrastrutture all’avanguardia e al passo con gli altri Stati».

Leggi anche

Visione sistemica ed integrata per lo sviluppo della logistica nella nostra nazione, maggiore cooperazione pubblico-privato, velocità di esecuzione progettuale ed implementazione dei lavori, maturità e serietà delle parti sociali che devono “naturalmente” vedere e accettare la competitività come cambio di passo per garantire il successo del Porto e del suo futuro. Queste alcune delle chiavi di volta per promuovere un’eccellenza italiana che è, purtroppo, ad oggi principalmente ignorata e sottoutilizzata.

Un’eccellenza italiana da far conoscere a livello mondiale

Eppure qualcosa inizia a muoversi, in senso positivo: per l’Expo di Dubai 2020 – che a causa pandemia si tiene tra l’autunno 2021 e l’inverno 2022 – il nostro Paese ha partecipato con uno stand al quale più di una dozzina di Regioni italiane hanno aderito presentando diverse eccellenze in altrettanti diversi settori di mercato. La Regione Calabria ha individuato il porto di Gioia Tauro, all’interno del settore della logistica e del trasporto delle merci, come un’eccellenza italiana da far conoscere a livello mondiale. E perciò saremo con orgoglio all’Expo Dubai 2020 a portare la bandiera del fare e della professionalità che caratterizza questa unica infrastruttura.

*Amministratore delegato Medcenter

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità