La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

conferenza europa

Dopo una lunga fase di rodaggio, la Conferenza sul Futuro dell’Europa sta finalmente entrando nel vivoLa prima fase, di ascolto, prevede l’organizzazione di una serie di eventi e la possibilità per i cittadini di intervenire direttamente nel dibattito europeo attraverso una piattaforma digitale. Gli eventi potranno essere strutturati nei formati più vari dalle Istituzioni Ue, dagli Stati membri, dalle autorità locali e dalla società civile. L’organizzazione di convegni, “town hall meetings”, incontri nazionali e transnazionali, occasioni di confronto e di dibattito, senza un modello preordinato, dovrebbe consentire di raggiungere un numero quanto più elevato possibile di cittadini, in rappresentanza della diversità e della molteplicità delle culture europee.

La Conferenza sul Futuro dell’Europa prevede la possibilità dei cittadini europei di intervenire direttamente

Questi dibattiti decentrati assumeranno una rilevanza europea nella misura in cui le loro risultanze saranno convogliate attraverso la Piattaforma digitale creata ad hoc dalla Commissione Europea. Questo è forse lo snodo principale della Conferenza: una sorta di agorá virtuale cui tutti i cittadini europei potranno accedere liberamente – dopo aver sottoscritto la “Carta della Conferenza” – per fornire contributi e reperire informazioni in modo interattivo.

Una rappresentanza della diversità e molteplicità delle culture europee

È la stessa piattaforma a suggerire i temi di dibattito, articolati attorno a 9 “clusters”: cambiamento climatico e ambiente; salute; un’economia più forte, giustizia sociale e posti di lavoro; trasformazione digitale; valori e diritti, Stato di diritto, sicurezza; migrazione; istruzione, cultura, gioventù e sport; Ue nel mondo; democrazia europea. Si tratta peraltro di un’elencazione indicativa, dato che la stessa piattaforma contempla la possibilità di suggerire altri temi di dibattito.

Le idee sviluppate in Conferenza da trasformare in proposte

La seconda fase della Conferenza prevede la trasformazione delle idee raccolte dalla piattaforma in proposte. È il momento della selezione, dell’organizzazione e della razionalizzazione di quella che, verosimilmente, sarà una massa magmatica di intuizioni, domande, richieste, proposte e suggerimenti. È in questa fase che si stanno sperimentando le soluzioni più innovative. Il primo passaggio della fase di trasformazione passa infatti attraverso un istituto di democrazia partecipativa sperimentato in alcuni Paesi europei ma mai su così larga scala. Si tratta dei “Panel” che saranno composti da almeno due cittadini per Stato membro, tenendo in considerazione il principio della “proporzionalità degressiva applicato per la composizione del Parlamento Europeo. I componenti, scelti per sorteggio, dovrebbero rappresentare la diversità sociologica dell’Ue (origine geografica, età, sesso, contesto socieoeconomico, livello di istruzione), assicurando un’ampia rappresentanza (un terzo) dei giovani sotto i 25 anni. I panel si riuniranno in sessioni deliberanti per recepire i contributi emersi nei dibattiti decentrati (e quindi “caricati” sulla piattaforma) e fornire stimoli alla Plenaria.

Leggi anche

La Plenaria sarà composta da 108 parlamentari nazionali (4 per ogni Stato membro), 54 rappresentanti dei governi; 108 membri del Parlamento Europeo; 108 cittadini (80 rappresentanti dei Panel, un rappresentante per Stato membro per gli eventi nazionali; 8 rappresentanti della società civile); rappresentanti del Comitato delle Regioni, del Comitato Economico e Sociale, delle parti sociali e della società civile per un totale di 376 membri. Il suo compito sarà discutere i suggerimenti dei Panel e gli input provenienti dalla piattaforma digitale e decidere (per consenso) quali raccomandazioni sottoporre al Comitato Esecutivo, cui spetterà poi di stilare il rapporto conclusivo della Conferenza.

Se la Plenaria è l’organo più rappresentativo della COFE, il vero potere risiede quindi nel Comitato Esecutivo. Un organo collegiale composto da tre rappresentanti e quattro osservatori per ciascuna Istituzione (Parlamento, Consiglio e Commissione), cui partecipano come osservatori la presidenza della COSAC (la Conferenza delle Commissioni Affari Europei dei Parlamenti nazionali), e, su invito, altri organismi e agenzie europee. La Presidenza collegiale dell’Executive board è esercitata dai Presidenti delle tre Istituzioni.

La terza fase della Conferenza, ancora tutta da disegnare, dovrebbe essere quella della realizzazione. I contributi raccolti attraverso questo vasto esercizio di consultazione popolare e sintetizzati nel rapporto finale del Comitato Esecutivo verranno trasmessi alle istituzioni dell’Unione che, in linea teorica, dovrebbero poi tradurli in realtà.

Il nodo delle procedure

Le prospettive dell’esercizio sono abbastanza incoraggianti, ma bisogna essere consapevoli che, per essere pienamente incisiva, la Conferenza dovrà superare alcuni limiti strutturali.
Il primo riguarda la sua durata. Il piano iniziale era che la Conferenza cominciasse nel marzo del 2020 (Presidenza tedesca del Consiglio Ue) per concludersi nel primo semestre del 2022 (Presidenza francese). Due anni abbondanti, quindi. Causa Covid, i lavori sono però cominciati con più di un anno di ritardo, senza che il rinvio facesse slittare, almeno per il momento, il termine previsto per la Conferenza. Ciò significa che il lavoro effettivo è stato compresso in meno di un anno. Un po’ poco per condurre in maniera efficace un esercizio ambizioso e per giunta del tutto inedito di coinvolgimento dei cittadini.

Resta poi l’incognita delle procedure. Sotto molti aspetti, la COFE è un “work in progress” anche perché sta creando, settimana dopo settimana, le sue regole e i suoi metodi di lavoro. E i punti da chiarire sono ancora molti. Non è stato ancora sciolto, ad esempio, il nodo della valenza della Plenaria, ed in particolare in che misura le sue indicazioni debbano essere vincolanti per il Comitato Esecutivo. Non è stato deciso se i Gruppi formuleranno delle proposte o si dovranno limitare a tenere dei dibattiti “preparatori”, riassunti dal Segretariato. Si sta ancora dibattendo sulle procedure decisionali dei vari organismi.  E l’elenco potrebbe continuare.

Le prospettive della COFE e il ruolo dell’Italia

Al di là di questi caveat, le potenzialità della COFE restano notevoli. In primo luogo, essa consentirà di porre sul tavolo dei temi importanti per il futuro dell’Unione.  L’Italia ne ha segnalati alcuni nel position paper consegnato ai partner e alle istituzioni europee. La Conferenza, nella nostra prospettiva, dovrebbe servire a riflettere sull’aggiornamento dei metodi di lavoro delle Istituzioni; sull’Unione della Salute; sull’autonomia strategica europea; sulle “transizioni gemelle”; sulla riforma della governance dell’UEM; sulla politica europea in materia migratoria. Sono temi complessi, che in alcuni casi richiedono una trattazione molto “tecnica”, ma su cui non si può prescindere dall’esigenza di recepire le aspettative e i bisogni dei cittadini europei.

In secondo luogo, e forse soprattutto, la COFE rappresenta un tentativo meritorio di creare una prima infrastruttura di discorso politico europeo. Ecco perché è importante assicurare il carattere transnazionale del dibattito, ed ecco perché è importante discutere su un numero selezionato di temi che potrebbero stimolare la partecipazione dei cittadini. In quest’ottica, è fondamentale il successo della piattaforma, che in prospettiva potrebbe anche diventare uno strumento di confronto permanente sulle tematiche europee. Ad oggi, il numero degli accessi ha superato i 3 milioni, con 100.000 partecipanti effettivi. Sono numeri importanti, ma ancora insufficienti se si tiene conto della popolazione della Ue. È evidente, infatti, che i risultati della COFE saranno pienamente credibili soltanto se si baseranno su un livello elevato di coinvolgimento dei cittadini europei. Non necessariamente folle oceaniche, ma neanche sparute minoranze. Da qui la necessità di pubblicizzare adeguatamente le possibilità di partecipazione offerte dalla Conferenza. E da qui la necessità di stimolare un coinvolgimento quanto più ampio possibile dei cittadini europei.

Proprio per promuovere una partecipazione strutturata e diffusa ai lavori della Conferenza, l’Italia si è dotata di una specifica governance nazionale articolata attorno a due organismi che agiscono sotto il patrocinio del Ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, e del Sottosegretario agli Affari Europei, Vincenzo Amendola:

  • un Comitato Organizzativo, composto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Dipartimento per le Politiche Europee del Presidenza del Consiglio, dai rappresentanti degli Enti territoriali e dalle altre Amministrazioni via via interessate;
  • un Comitato Scientifico, (co-presieduto dalla Professoressa Paola Severino e dall’Ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci) composto di 35 membri, che esercita il coordinamento della pianificazione, della preparazione e dell’organizzazione della partecipazione italiana alla Conferenza, e che ha dato vita al proprio interno a 4 gruppi tematici di lavoro (politica estera e proiezione internazionale; questioni istituzionali; temi economici e sociali; clima, energia, e ambiente).

Queste strutture sono già al lavoro per promuovere una serie di iniziative nazionali e internazionali, fra cui vanno citati i bandi di imminente pubblicazione che dovrebbero assicurare la partecipazione delle Università e delle scuole e la Conferenza che coinvolgerà giovani dell’Unione Europea e dei Balcani occidentali.
L’auspicio è che queste iniziative consentano di far sentire chiara e forte la voce dell’Italia nella Conferenza e che contribuiscano a fare di quest’ultima un successo, e un elemento di stimolo per gli sviluppi futuri del processo di integrazione.

*Nicola Verola, diplomatico.

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola