L'opinione

La moral suasion ai tempi della Rete

155

Economia, clima, popolazione, consumi, tecnologia. Ci avete fatto caso? Da quando esiste Internet siamo letteralmente inondati da un profluvio di Rapporti di ricerca. Non passa praticamente giorno senza che, aprendo la posta, non si incappi in una mail che ci presenta (o rimanda a) qualche nuova, “strabiliante”, lettura della realtà: non c’è praticamente ambito di vita non scandagliato dall’occhio di qualche analista. La cosa curiosa è che tutto ciò è messo a disposizione, quasi sempre gratuitamente, sulla Rete, da think tank, centri di ricerca, banche, società di consulenza, enti governativi, imprese, ONG, centri studi.
Viene da chiedersi perché si prendano tanto disturbo; perché questi soggetti mettano al lavoro delle persone, anche competenti – e perciò ben pagate – per poi regalare a chiunque la conoscenza da loro generata.
A questo primo fenomeno se ne lega, poi, un secondo, più silenzioso: alludiamo alla chiave di lettura “economicista” che viene seguita nel commentare pressoché ogni accadimento, indipendentemente dalla sua natura. Per dire di un film importante se ne citano gli incassi; i disastri climatici si misurano con il metro dell’entità del danno monetario prodotto; i risultati sportivi di un team di calcio sono valutati in ragione dell’introito aggiuntivo che ne deriverà per le casse societarie (e, in questo caso, non si capisce di che abbiano a gioire i tifosi).
Sovrapponendo questi due aspetti della nostra contemporaneità, globalizzata e tecnologica, si scorge, allora, la presenza di un territorio particolare, inesistente in epoca pre-Internettiana. É uno spazio di conoscenza accessibile a tutti, disegnato e popolato da una incessante marea di dati, informazioni, elaborazioni, grafici e tabelle, prodotti e offerti dai soggetti sopra richiamati. Che senso ha questo spazio? Cosa significa?

Probabilmente la risposta è molto articolata ma si può provare ad illuminarne un pezzo, prendendo come caso di analisi un Rapporto recentemente pubblicato dalla Banca Mondiale: “The Safe Food Imperative” – “L’imperativo del cibo sicuro”. È un rapporto breve, di agevole lettura, con una estetica scientifica ben curata e firmato da un organismo istituzionale, perciò supposto autorevole.

Si tratta di una lettura che mette a fuoco i danni generati da cattive pratiche di gestione della filiera agroalimentare. Il tema è tutt’altro che marginale e anche il nostro Istituto se ne occupa, in particolare con l’Osservatorio Cibi, Produzioni e Territori. Il Ministero della Salute italiano conferma la centralità dell’argomento sul proprio sito, avvisando che l’alimentazione è causa primaria di molte patologie, fra le quali: alcune forme di tumori, obesità, ipertensione arteriosa, diabete, patologie cardiocircolatorie.

Bene, dunque, tema giusto e rilevante: ma cosa c’entra la Banca Mondiale con tutto questo? Utile ricordare cosa sia la Banca Mondiale. Si tratta di una organizzazione fondata nel secondo dopoguerra, appartenente alla galassia-Nazioni Unite, il cui fine precipuo è quello di creare le condizioni affinché i paesi possano abbandonare il perimetro del sottosviluppo economico: lotta alla povertà e sostegno ai paesi in difficoltà. Ha sede negli Stati Uniti, precisamente a Washington e, dopo esser stato uno dei bracci operativi della ricostruzione post-bellica dell’Europa, ora lavora a beneficio dell’intero pianeta.

Il Rapporto fissa un dato di realtà: «ogni giorno il cibo non sicuro fa ammalare oltre due milioni di persone, tenendole lontane dal lavoro, dalla scuola, fino a innescare drammatici processi degenerativi che possono portare addirittura alla morte». Naturalmente questo problema non è distribuito omogeneamente nel pianeta ma ne affligge con particolare intensità una specifica porzione: laddove risiede il 41% della popolazione mondiale – ovvero nel Sud-Est Asiatico e nell’Asia meridionale, nonché nell’Africa Sub-Sahariana – si concentrano il 53% delle malattie da cattiva alimentazione e addirittura il 75% dei decessi. Quali le cause? Facile: il cattivo funzionamento della catena che conduce il cibo dai campi alle tavole. Quanto costa? Una bazzecola: oltre 110 miliardi di dollari l’anno, fra perdita di produttività (95) e spese mediche (15). Il Rapporto spiega, con pregevole sintesi, come il problema delle patologie legate all’alimentazione sia direttamente connesso agli obiettivi del Millennio fissati dalle Nazioni Unite, in che modo affligga il consumatore, l’impresa, l’industria, il settore alimentare e, infine, l’economia tutta.

Le pagine si scorrono rapidamente, si legge e capisce senza difficoltà ma quella domandina rimane sempre lì: perché la Banca Mondiale scrive un Rapporto su questo argomento?
La risposta non tarda a venire; il mistero è svelato dalla pagina venti in poi: cari Paesi con livelli di reddito medio-bassi – quelli con la maggior incidenza del problema – ecco cosa dovete fare. Anzi, tanto per non lasciare spazio alla vostra improvvisazione, noi della Banca Mondiale vi articoliamo i nostri consigli per organo che se ne deve occupare: ministero delle finanze – o altri ministeri economici coordinati; agenzie o altri corpi governativi incaricati di alimentazione; altri ministeri tecnici – agricoltura, salute, commercio, ambiente; camere di commercio e associazioni di categoria dell’industria alimentare; centri di ricerca e università; partner di progetti bi e multilaterali.
Tutto qui? No. Tanto per essere chiari e non lasciare spazio a interpretazioni, gli estensori del Rapporto si prendono anche la briga di dare istruzioni ai paesi circa le strategie da adottare, distinguendo i loro consigli a seconda che si tratti di paesi a struttura tradizionale, in transizione, o in modernizzazione.

Insomma, eccoci qua al punto: questi rapporti usano dati, informazioni, elaborazioni, grafici e tabelle, ma il senso del loro essere sta nella mole di consigli, indicazioni, comandamenti vari, che da tutto ciò scaturisce. Siamo di fronte, insomma, a un fenomeno di moral suasion espresso su larga scala: globale e locale, istituzionale e popolare ma, soprattutto, attuata attraverso l’unico, vero, medium di massa della nostra era: Internet. E forse, allora, un bel pezzo di risposta alla domanda che si siamo posti all’inizio sta proprio qui. Internet come habitat naturale di una nuova forma di potere, leggero, contendibile, subliminale e globale: la pressione indotta, ovvero indurre le élite, la pubblica opinione, a tirare le istituzioni per la giacca e portarle a seguire certi orientamenti.
Un tempo, penserà qualcuno, lo faceva la stampa…

Altre opinioni dell'Autore
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli