Attualità

L’Aquila 10 anni dopo. Una Legoland del 2020

163

«Vai all’Aquila e raccontami questi dieci anni dopo il terremoto». Detto fatto, ed in un attimo in testa ti tornano tutte le emozioni di quella notte. Le persiane che si muovono, il rumore che ti fa pensare che i ladri abbiano deciso di forzare la tua casa. Sei a Roma, 113 chilometri dalla casa a due passi dalla Villa Comunale. Ti attacchi al telefono, stanno bene i tuoi genitori anche se il fiatone tradisce la paura di quei momenti. Ci eravamo sentiti poco prima di mezzanotte, per un’altra scossa.
«Tutto bene», dici. «Tutto a posto» ti senti rispondere. Perché, in fondo, la paura la esorcizzi con i luoghi comuni, quelli che ti fanno credere che una scossa libera l’energia e le successive saranno sicuramente meno intense. Quella notte non è andata così. 309 morti, 80mila sfollati, 1.600 feriti. Sono questi i numeri del dolore, le storie di una spoonriver sotto il Gran Sasso.
Dieci anni dopo, quella notte è presente come non mai. L’Aquila è cambiata ma nella testa il 6 aprile del 2009 è ancora saldamente presente. Per questo, quando ti chiedono di provare a spiegare “L’Aquila 10 anni dopo”, i sentimenti sono contrastanti. Da un lato, credi di non aver detto tutto di quello che hai provato, dall’altra, pensi che ti sia sfuggito qualcosa della città che dal 1300 a oggi ha sempre tremato ma è sempre rimasta lì. Nel 1300 il Conte Lallo Camponeschi, dopo un altro terremoto devastante, convinse gli aquilani a rimanere per ricostruire. Nel 1703 ci pensò Garofalo, inviato del Viceré a mettere le palizzate alla porta della città per impedire la fuga. E stavolta la fuga non c’è stata. Guardando i registri, la popolazione è a saldo zero nel confronto tra dieci anni fa e oggi. Merito, forse, della decisione di aver riportato tutti gli studenti all’Aquila già nel 2009. Quella fuga improvvisata nelle prime ore dopo le scosse si è trasformata in una migrazione di ritorno, quando a settembre le campanelle delle scuole tornato a suonare.
È stato il pretesto per tornare e restare legati alla città. Oggi, dieci anni dopo, la ricostruzione privata è vicina al 70 per cento. Più indietro quella pubblica, con l’effetto di trasformare la città in una Legoland dell’anno 2020. Città bellissima, palazzi ritrovati e recuperati, con il lavoro della Sovrintendenza che ha permesso di recuperare particolari che nessuno ricordava. Il barocco all’Aquila? E quando mai? Poi entri a San Filippo e scopri quello che non ti aspetti. Stesso discorso per il Teatro comunale o per Palazzo Ardinghelli, prossima sede del Maxxi. C’è San Bernardino, Collemaggio e, a due passi, anche l’istallazione di un’archistar come Beverly Pepper che regala al Parco del Sole un teatro all’aperto che dialoga con i marmi bianchi e rosa della vicina basilica. Tutto bene, tutto bellissimo. Ma per chi? In centro la città è vuota. Ci ha provato l’Università a riaprire il rettorato a Palazzo Camponeschi, il Comune a Palazzo Fibbioni e il Gran Sasso Science Institute che alla Villa Comunale fa respirare all’Aquila l’aria di Princeton con le sue ricerche sulle onde gravitazionali. Ma poi?
È ancora poco, al netto dei caffè e di qualche negoziante. L’Aquila oggi è popolata di operai che costruiscono la loro Legoland. Non si capiscono le scelte di delocalizzare certe attività economiche o culturali. Le scuole restano nei moduli prefabbricati ora al limite dell’agibilità e un piano per l’edilizia scolastica è ancora bloccato dai ricorsi e dalle carte bollate. In fondo la scelta è qui. Tornare in centro per dare nuovo sangue alla città.

Paolo Pacitti, giornalista aquilano, Rai News 24, autore di uno speciale tv che andrà in onda alle ore 4,15 della notte del 6 aprile, in occasione del decennale del sisma del L’Aquila.

Ultime notizie
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli