Lavoro “agile”: lo smart working è piaciuto agli italiani

L’emergenza sanitaria ha rappresentato un vero e proprio punto di svolta per la diffusione dello smart working in Italia. È innegabile che il nostro Paese sia stato colto impreparato e si sia trovato ad affrontare i limiti di un’arretratezza non solo in termini di mentalità – per cui la produttività del dipendente è calcolata solo in base alle ore che fisicamente passa in ufficio –, ma anche in termini di scarso livello di alfabetizzazione digitale. Eppure, il lavoro “smart” (letteralmente “intelligente”), definito come quella modalità di lavoro dipendente che non presenta vincoli di orario o di luogo, era stato riconosciuto in Italia già nel 2017, con la legge n.81/2017. In quello stesso anno, secondo i dati registrati da Eurostat, la percentuale di lavoratori occupati tra i 15 e i 64 anni che solitamente non lavoravano in ufficio ma utilizzavano la casa o altre postazioni era, in media, pari al 5%. La percentuale più alta si registrava nei Paesi Bassi (13,7%), seguiti da Lussemburgo (12,7%) e Finlandia (12,3%). L’Italia si attestava ben al di sotto della media, con un 3,5%, percentuale che è rimasta pressoché invariata (3,6%) nel 2018 e nel 2019 – il nostro Paese si posiziona nella parte bassa della classifica europea.

Dipendenti che lavorano da casa in percentuale dell’occupazione totale, per sesso, età e stato professionale
Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Eurostat

Secondo le ricerche effettuate dall’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, nel 2018 il numero di lavoratori “agili” in Italia ha raggiunto la quota di 480mila, vale a dire il 12,6% del totale degli occupati che potrebbero lavorare in smart working. Il lavoro da casa era diffuso maggiormente fra gli uomini (76%) residenti nel Nord-Ovest del Paese (48%), di età compresa fra i 38 e i 58 anni (50%). Degli intervistati, il 38% si dichiarava completamente soddisfatto di questa modalità di lavoro, e per il 46% uno dei principali vantaggi era rappresentato dalla possibilità di evitare lo stress derivato dallo spostamento casa-ufficio, portando ad un vero e proprio miglioramento della sfera personale. Il 43%, inoltre, vedeva nel lavoro da casa una fonte di benessere, capace di migliorare l’equilibrio tra vita privata e professionale. Non ultima la volontà di limitare l’impatto ambientale, evitando l’utilizzo dei mezzi di trasporto per il tragitto casa-ufficio: tale proposito vedeva coinvolti il 33% degli intervistati. L’anno seguente, nel 2019, prima che l’emergenza sanitaria cambiasse radicalmente il nostro modo di vivere e di lavorare, gli smart worker erano arrivati a circa 570mila. Erano soprattutto le grandi aziende, tecnologicamente avanzate e preparate al cambiamento, ad applicare in maniera considerevole questa modalità lavorativa (58%), mentre solo il 16% dei lavoratori della Pubblica amministrazione ne era effettivamente interessato (Dati Osservatorio Politecnico di Milano).

Ma com’è la situazione attuale? Nel 2020, con il periodo di chiusura forzata del nostro Paese, si è arrivati a ben 8 milioni di lavoratori coinvolti, adottando il lavoro da casa come unica soluzione possibile, in grado di conciliare i limiti imposti dall’emergenza sanitaria con la necessità di garantire una continuità produttiva. Rispetto ai dati degli anni precedenti si nota immediatamente come la crescita del fenomeno sia stata, per forza di cose, rapidissima ed esponenziale. «In Italia – osserva Mariano Corso, responsabile scientifico dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano – siamo passati da un potenziale di 5 milioni di lavoratori a oltre 8». Inizialmente, più di qualcuno ha pagato il prezzo di una scarsa alfabetizzazione digitale, o la mancanza di una banda larga o ultra larga, o ancora l’assenza di una adeguata strumentazione personale.
Fin dai primi giorni di lockdown ci si è resi conto che questa forma di lavoro digitale non corrispondeva all’esatta definizione di smart working, in quanto aveva ben poco di “intelligente” presentando, fin da subito, luci ed ombre. Se, come si è detto, ha fatto bene all’ambiente – con una drastica riduzione dell’inquinamento –, alla salute delle persone, e alla vita privata – garantendo maggiori spazi in famiglia –, dall’altro lato ha comportato una serie di effetti negativi per l’economia: interi quartieri si sono svuotati, con ripercussioni sul mercato immobiliare e sul commercio; il numero dei pasti fuori casa in pausa pranzo si è annullato; si è registrato un incremento considerevole degli acquisti on line, per comodità, ma anche per paura.

Lo smart working è stato possibile per i dipendenti del settore finanziario, assicurativo, delle informazioni e delle comunicazioni, della Pubblica amministrazione e dei servizi professionali. Sono restati completamente fermi, invece, settori come quello del commercio o della ristorazione, parzialmente quello manifatturiero: quelli che comportavano i rischi maggiori per la salute dei lavoratori. Ma al di là delle ripercussioni economiche, lo smart working è piaciuto agli italiani che lo hanno sperimentato, come dimostrano i dati forniti dalla Luiss Business School (Casadei, C., Testi di massa per passare da lavoro remoto a smart, Il Sole-24Ore, 16 luglio 2020)

La ricerca è stata condotta su un campione di riferimento di 450 lavoratori con un’età media di 36 anni. Il 66% degli intervistati è riuscito a svolgere tutte le attività da remoto (senza incontrare particolari problemi); il 74% si dice disposto a proseguire questa esperienza di “lavoro intelligente”, potendo lavorare da casa più giorni a settimana (anche consecutivi). Il 69% del campione ritiene, inoltre, che lo smart working possa avere un ruolo importante nel rafforzamento delle pari opportunità.
Tornare alla normalità, quindi, non è facile e spesso neanche desiderato, visto che più della metà degli intervistati vorrebbe far diventare il lavoro da remoto una vera e propria abitudine. Come dimostrato da studi e sondaggi, il gradimento sembra essere legato, soprattutto in questo momento di emergenza sanitaria, alla volontà di preservare la propria salute, evitando spostamenti su mezzi pubblici o potenziali contagi in ufficio. Il Coronavirus si è tradotto in una repentina possibilità di innovazione, costringendo tutti i settori ad utilizzare, o sviluppare da zero, forme di lavoro agile. Come si è visto, rispetto agli altri paesi europei l’Italia è ancora indietro, ma la pandemia potrebbe rappresentare, veramente, il punto di svolta. Considerati i pro e i contro dello smart working, la soluzione migliore, da elaborare in un futuro non molto lontano – quello della seconda ondata di Covid? – potrebbe consistere in una forma di lavoro “ibrido”, capace di conciliare l’home working – perché in realtà di questo si tratta – con il lavoro in presenza. Una forma di lavoro in grado, soprattutto, di superare quei limiti culturali che misurano la produttività del dipendente solamente in termini di orario. Una cosa è certa: sono stati compiuti notevoli progressi in questo àmbito, siamo disposti a tornare al lavoro di prima?

Ultime notizie
Futuro

Fake news, molestie, furto di dati: la percezione del rischio su scala mondiale

Tracciare un profilo unico della percezione del rischio dei cittadini e delle imprese a livello mondiale. Questo è quello che hanno tentato di fare uno studio condotto dalla Lloyd’s Register Foundation e il Report Regional Risks for Doing Business del World Economic Forum.
di Roberta Rega
Immigrazione

Dossier Statistico Immigrazione 2020, minori stranieri in Italia: i senza patria

Anticipiamo, alcuni dati e rilievi proposti nel Dossier Statistico Immigrazione 2020, redatto dal Centro Studi e Ricerche Idos, in collaborazione con il Centro Studi Confronti, alla cui presentazione prenderà parte il sociologo dell’Eurispes, Marco Omizzolo.
di redazione
Crescita

PMI italiane e pandemia: un viaggio dal presente al futuro

il contesto della ricerca italiana conferma la sua attualità, grazie alla tradizionale “vivacità” delle micro e piccole imprese, che, più di altre, si confrontano (e si scontrano) con le particolari esigenze di innovazione dettate dalla trasformazione digitale e da un bisogno sempre crescente di flessibilità e resilienza.
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella*
International

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future   Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella Sapienza, Università di Roma European Network...
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella 
Futuro

Le App: una finestra sulla nostra vita digitale

Se nel 2008 il mercato delle app era praticamente inesistente, negli otto anni successivi esso arriva a valere 1.300 miliardi di dollari, indotto compreso, e nel 2021 l’economia che ruota intorno alle App potrebbe diventare la terza a livello mondiale, con una crescita del 385% rispetto al 2016.
di redazione
Economia

Sugar tax, Italia ancora lontana dall’obiettivo

La Sugar Tax, approvata in Italia con la Legge di Bilancio 2020, sarebbe dovuta partire proprio da ottobre 2020, ma il Governo sembra ora orientato ad un ulteriore slittamento a luglio 2021
di redazione
Cultura

Una ridda di sigle per la scuola italiana

C’è la ddi, la dad, la dip, e se le si conta per bene, le sigle che caratterizzano oggi il mondo della scuola possono costituire tutte insieme l’indice di un corposo dizionario burocratico: se ne contano addirittura più di 500.
di Giuseppe Pulina
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

L'indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, ha monitorato, per la volta in Italia, i provvedimenti in materia di mandato di arresto europeo ed estradizione.
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

Il fenomeno mafioso è antico ma va stadiato a scadenze regolari allo stesso modo delle malattie nel campo medico. Gli intervalli sono quelli dettati dalla geopolitica che la storia ci presenta, i cambiamenti geopolitici mondiali comportano come conseguenza l’adeguamento di strutture e organizzazioni preesistenti ai nuovi paradigmi.
di Pasquale Preziosa*