Le infiltrazioni criminali nell’economia: il ruolo della Pubblica amministrazione e la funzione del gestore

infiltrazioni criminali

Ue e la lotta alle infiltrazioni criminali nell’economia

Le istituzioni dell’Unione europea sono state impegnate per l’armonizzazione dei metodi di prevenzione e contrasto del fenomeno del riciclaggio, ritenuto in grado di «minare l’integrità, la stabilità e la reputazione del settore finanziario e costituire una minaccia per il mercato interno dell’Unione nonché per lo sviluppo internazionale»[1].      

Per la criminalità, l’ingresso e il successivo investimento nell’economia costituisce una necessità imprescindibile, si realizza attraverso l’acquisizione della proprietà o della gestione delle imprese, ovvero attraverso il loro finanziamento[2] e si indirizza alla ricollocazione e reinserimento, nel tessuto dell’economia lecita, delle risorse finanziarie illecitamente accumulate.

L’antiriciclaggio nel nostro Paese

L’ordinamento italiano, per effetto del decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007 e con le modifiche e integrazioni che si sono susseguite nel corso degli anni, ha inteso recepire e dare attuazione alle numerose disposizioni normative, ai princìpi fissati e agli orientamenti forniti a livello di Unione europea, individuando un sistema di prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario ed economico per scopi di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo[3].

La Pubblica amministrazione pur non essendo più compresa formalmente nella categoria dei “Soggetti obbligati” di cui all’art.3 del decreto antiriciclaggio, è tenuta a comunicare alla UIF dati e informazioni concernenti le operazioni sospette, sulla base di istruzioni dettate dalla medesima Unità.

Il ruolo fondamentale della Pubblica amministrazione nel combattere le infiltrazioni criminali nell’economia

Un elevato livello di partecipazione e collaborazione attiva è dunque richiesto agli uffici della Pubblica Amministrazione, alla luce delle attività istituzionali in concreto svolte e dei delicati compiti cui è investita in particolare nei settori degli appalti, dei contratti e dei finanziamenti pubblici. La PA costituisce un “osservatorio privilegiato” idoneo a intercettare i contesti più rischiosi e permeabili all’ingresso di capitali proventi di comportamenti criminosi alla luce dell’attuale sistema di prevenzione disegnato dalla disciplina antiriciclaggio; rappresenta un importante presidio di legalità che deve contribuire fattivamente all’inibizione delle infiltrazioni della criminalità nel tessuto economico legale, evitando che le risorse pubbliche vengano sottratte alla loro naturale destinazione.

I doveri di collaborazione in capo alle Pubbliche Amministrazioni tese al riconoscimento e alla successiva comunicazione delle operatività sospette di riciclaggio trovano la loro base normativa al comma 4 dell’ articolo 10 del decreto legislativo n. 231 del 2007, nella sua versione attualmente vigente, secondo cui «Al fine di consentire lo svolgimento di analisi finanziarie mirate a far emergere fenomeni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, le Pubbliche amministrazioni comunicano alla UIF dati e informazioni concernenti le operazioni sospette di cui vengano a conoscenza nell’esercizio della propria attività istituzionale».

Il Gestore

All’interno dello scenario oggetto della presente analisi, si è avvertita la necessità di individuare un unico soggetto, incaricato di effettuare le attività di analisi e approfondimenti, nonché di gestire le comunicazioni alla UIF. Ebbene, tale profilo professionale, è denominato: “Gestore”. Il gestore è il soggetto che, in quanto accertatore di primo livello all’analista/segnalatore, è titolato a interfacciarsi con la UIF. Spetta allo stesso gestore farsi carico dell’onere di organizzare la formazione del personale interessato e l’eventuale filiera di collaboratori.

UIF e Pubblica amministrazione

Al fine di comprendere appieno il livello di collaborazione sinora offerto dalle Amministrazioni pubbliche al sistema di prevenzione antiriciclaggio si rende necessaria una analisi dei flussi segnaletici indirizzati all’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia. Nell’anno 2021 si è assistito all’invio di ben 139.524 segnalazioni di operazioni sospette trasmesse all’UIF, in aumento del 23,3% rispetto a quelle pervenute nel periodo corrispondente del 2020 che sono state pari a 113.187[4], a testimonianza di un trend in continuo e costante aumento negli ultimi anni.

Tuttavia, a fronte dell’incoraggiante dato che emerge dall’analisi macroscopica dei flussi, non ci si può esimere dal valutare la partecipazione delle singole categorie di soggetti, misurando i singoli livelli di partecipazione all’aggregato.

La risposta formulata da parte della Pubblica amministrazione risulta essere suscettibile di un adeguato incremento rispetto alle esigenze di prevenzione del sistema economico e finanziario dall’utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. Il contributo prestato dal comparto pubblico potrà risultare maggiormente significativo nel prossimo futuro e garantire gli standard di collaborazione.

Alla data del 30 novembre 2021, nonostante l’ampiezza del perimetro del settore pubblico, risultavano iscritti al sistema telematico “Infostat-UIF” soli 151 Uffici della Pubblica Amministrazione, con un aumento di appena 22 nuovi iscritti rispetto al precedente anno 2020.[5]

Tra gli uffici iscritti, il flusso segnaletico diretto all’Unità di Informazione Finanziaria ha interessato il 23% del totale, corrispondente a soli 35 Uffici della Pubblica Amministrazione; all’organo preposto sono pervenute sinora 436 comunicazioni totali a partire dall’anno 2007.

Ulteriore utile analisi statistica deve rivolgersi alla tipologia di uffici della Pubblica Amministrazione protagonisti nella fase di invio delle comunicazioni. Il contributo maggiore è stato prestato dalle PA “centrali” come l’Agenzia delle Entrate, che polarizzano un apporto superiore al 75% del totale, seguite con il 17,5% dagli enti territoriali (regioni, province e comuni). In misura minore intervengono le Camere di Commercio con il 5,5 % e gli Enti sanitari con l’1,50%.

Accrescere il dialogo e i flussi di informazioni

Come si è più volte affermato, la Pubblica amministrazione riveste un ruolo chiave nella valutazione e comprensione dei rischi insiti nell’attività istituzionale svolta, nell’ottica di una imprescindibile, corretta ed efficiente collaborazione attiva nel sistema di prevenzione disciplinato dalla normativa antiriciclaggio.

Risulta quindi determinante accrescere l’apporto complessivo prestato alla disciplina antiriciclaggio da parte di questi uffici che, in ragione dell’attività istituzionale svolta, rappresentano un cruciale presidio di protezione dalle infiltrazioni criminali. Una opportuna politica di formazione e di aggiornamento del personale che opera all’interno della PA non può che considerarsi propedeutica al conseguimento di questo fondamentale risultato e, anche in questo caso, emerge con evidenza il ruolo del gestore che deve risultare formalmente incaricato dalla PA.

 

 

 

[1]Dir. (UE) 2015/849 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 maggio 2015 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo.

[2] Banca d’Italia, La criminalità organizzata in Italia: un’analisi economica, dicembre 2021.

[3] Per un opportuno approfondimento si rimanda a: Bozzelli G., Miceli G., Vavallo L. “Nuovo Manuale Antiriciclaggio: Rischio criminalità nel sistema finanziario, fiscale e dei crypto asset”, Legislazione Tecnica, 2022; Miceli G. Nuovi obblighi antiriciclaggio. Guida operativa per professionisti e intermediari finanziari. Con Prefazione scritta dal Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes, Maggioli, 2017.

[4]Banca d’Italia, Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia, Quaderni dell’antiriciclaggio dell’Unità di Informazione Finanziaria, Dati statistici, marzo 2022.

[5]Banca d’Italia, Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia, newsletter 1 – 2022, “Le comunicazioni di operazioni sospette della pubblica amministrazione”, gennaio 2022.

 

*Giuseppe Miceli, AML e compliance expert.

**Leonardo Vavallo Ispettore del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della GdF.

 

Leggi anche

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare