Le librerie indipendenti in Francia sono una priorità nazionale. E in Italia?

librerie

I librai di Francia possono dormire sonni tranquilli: sono una priorità da difendere, anche in pandemia. Questo è il messaggio che la politica ha dato alle librerie, specialmente le indipendenti, durante l’emergenza del 2020, e questo è il messaggio che continua a dare ancora oggi: incentivi e sostegno alle realtà culturali territoriali. Già durante la pandemia la sindaca di Parigi Anne Hidalgo invitò i cittadini a non comprare i libri su Amazon, bensì nelle librerie di quartiere per sostenerne l’esistenza nel periodo difficile del confinamento. Stesso messaggio arriva dal Ministro della Cultura francese, Roselyne Bachelot, che ha implorato la nazione di “Non comprare libri dalle piattaforme online”. Oggi la campagna politica in favore delle librerie indipendenti prosegue: una nuova legislazione in Francia stabilisce il prezzo minimo per le consegne di libri, con lo scopo di fermare quella che il governo definisce come una concorrenza sleale contro le librerie indipendenti da parte dei giganti digitali che consegnano libri a costi talvolta irrisori di 0,01 euro. La tariffa minima di consegna, che deve ancora essere decisa nelle trattative con il regolatore statale, dovrebbe entrare in vigore il prossimo anno, ma si tratta di un provvedimento atto ad arginare le vendite online in favore delle realtà locali. Il provvedimento interviene laddove l’obbligo di caricare il costo di spedizione veniva aggirato dalle grandi imprese, mentre le piccole realtà devono fare fronte da sole agli ordinari costi di spedizione.

In Francia le librerie hanno perso solo il 3% delle vendite nel 2020

Il governo francese sta sfruttando questa campagna di sostegno alle librerie indipendenti per portare avanti la sua guerra contro il dominio delle grandi aziende tecnologiche, in particolare Amazon. Tale posizione, oltre a portare avanti una certa idea di economia locale, strizza l’occhio all’elettorato, dato che l’approvazione di leggi per proteggere i libri e le librerie è un raro punto di consenso politico in Francia. Emmanuel Macron stesso ha dichiarato la lettura “una priorità nazionale”, estendendo gli orari di apertura delle biblioteche. La mossa per costringere i giganti della rete a pagare per la consegna quanto le piccole librerie fa parte della nozione francese di exception culturelle, che ha cercato a lungo di proteggere i libri e le librerie indipendenti dalle forze devastanti del libero mercato.

Leggi anche

Il destino delle librerie indipendenti francesi durante la pandemia ha fortemente influenzato la nuova legge. Durante i primi lockdown le librerie sono rimaste chiuse, nonostante le proteste di scrittori ed editori. Ma nel novembre 2020 il governo ha deciso di rimborsare le spese di spedizione per le piccole librerie indipendenti, che in questo modo hanno retto all’urto della crisi, mantenendo il 70% della loro attività. Ciò ha evidenziato quanto pesino sul giro di affari le spese postali per le librerie locali. I risultati delle politiche attuate sono tali che, in tutta la Francia, le librerie indipendenti hanno registrato un calo nelle vendite solo del 3,3% nel 2020, nonostante tre mesi di chiusura.

Librerie e sostegno della lettura in Italia

Sebbene non sia una vera e propria “priorità nazionale”, anche in Italia i libri e le librerie hanno avuto un notevole sostegno da parte dell’ultimo Governo Conte. Il 25 marzo del 2020 sono entrate in vigore le Disposizioni per la promozione e il sostegno della lettura, in relazione alla legge del 13 febbraio 2020 n.15. Tra le varie disposizioni, vi è il margine di sconto applicabile ai libri che non può superare il 5%, valido tanto per le librerie indipendenti che per quelle di catena e per le piattaforme online. Lo sconto massimo applicabile è un modo per livellare il mercato e mettere un limite alla concorrenza delle grandi piattaforme online (Amazon e non solo: in Italia ci sono Ibs, Feltrinelli e molte altre), in grado di proporre sconti che per una libreria fisica indipendente sarebbero impossibili da sostenere. In questo modo il monopolio dei libri in Italia, che rappresenta un grande problema sia dal punto di vista  distributivo che editoriale, ha un ostacolo in più rispetto al passato e non può dilagare con i suoi sconti, impensabili per un libraio di quartiere.

Priorità a librerie, biblioteche e scuole

Le disposizioni previste dalla legge del 2020 sono numerosi, e non riguardano solo l’ambito distributivo-commerciale, bensì la diffusione di iniziative a sostegno della lettura a tutto tondo, senza dimenticare naturalmente il ruolo delle librerie indipendenti e delle biblioteche. Si parla infatti, all’art.2, di “Piano nazionale di azione per la promozione della lettura”, con lo scopo di «diffondere l’abitudine alla lettura, come strumento per la crescita individuale e per lo sviluppo civile, sociale ed economico della Nazione, e favorire l’aumento del numero dei lettori, valorizzando l’immagine sociale del libro e della lettura nel quadro delle pratiche di consumo culturale, anche attraverso attività programmate di lettura comune». Tra le iniziative, la valorizzazione delle biblioteche comunali, che grazie all’erogazione di fondi sono state in grado di aggiornare il proprio catalogo, acquistando pubblicazioni recenti nelle librerie del proprio territorio. Un doppio vantaggio dunque per librai e biblioteche. Sempre nelle disposizioni, si evidenzia l’istituzione di un Fondo “Carta della Cultura” per combattere la povertà educativa e culturale e la qualifica di “Librerie di qualità”, un vero e proprio albo al quale possono accedere librerie che «assicurano un servizio innovativo e caratterizzato da continuità, diversificazione dell’offerta libraria e realizzazione di iniziative di promozione culturale nel territorio». Per quanto riguarda invece un importante ambito di promozione della lettura come la scuola, la legge afferma quanto segue: «Le scuole statali e non statali di ogni ordine e grado, nell’ambito dell’autonomia loro riconosciuta, promuovono la lettura come momento qualificante del percorso didattico ed educativo degli studenti e quale strumento di base per l’esercizio del diritto all’istruzione e alla cultura nell’ambito della società della conoscenza». Un passo significativo per il nostro Paese, il cui mercato librario si regge sui pochi lettori forti, e che ha dunque bisogno di un piano ampio e a lungo termine, che guardi ai lettori del futuro.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali