Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

Rebibbia carcere

Lo scorso 28 aprile, presso la sala teatro della Casa Circondariale Femminile Rebibbia, è stato presentato il report dal titolo La funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento – storie di vita dal carcere, frutto della collaborazione tra il dipartimento della pubblica sicurezza e il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.

Il lavoro presentato offre uno spaccato del sistema penitenziario in grado di cogliere e raccontare i segnali indicativi delle mutazioni dei fenomeni criminali più evidenti nella realtà carceraria, avvalendosi delle testimonianze delle figure che operano all’interno dell’istituto penitenziario: il direttore, il comandante del reparto, l’ispettore di polizia penitenziaria, il funzionario della professionalità giuridico pedagogica e un gruppo di psicologhe. Il report lascia ampio spazio inoltre, alle esperienze di vita delle detenute e in particolare il contesto sociale di provenienza e i motivi che le hanno spinte a delinquere
Centrale, nel report, emerge inoltre il valore attribuito al profilo della rieducazione, prevista dalla Costituzione all’articolo 27, e intesa come possibilità per le detenute di impiegare il proprio tempo anche nell’apprendimento di un lavoro, in vista di un futuro reinserimento nella società. 

Hanno preso parte all’incontro, oltre al direttore della Casa Circondariale Germana Stefanini, il vice direttore generale della pubblica sicurezza Vittorio Rizzi, il vice capo di dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Roberto Tartaglia, il comandante del reparto Dario Pulsinelli e il direttore del Servizio analisi criminale della direzione centrale di polizia criminale Stefano Delfini.  Il report realizzato dal Servizio Analisi Criminale è stato definito proprio da Stefano Delfini come un lavoro «frutto della collaborazione avviata tra il Dipartimento della PS, Direzione Centrale Polizia Criminale e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria». Il report, ha inoltre aggiunto Delfini, «offre uno spaccato del sistema detentivo, da sempre inestimabile fonte informativa, che consente di cogliere quei segnali indicativi delle mutazioni dei fenomeni criminali, più evidenti nella realtà carceraria, la cui individuazione costituisce il presupposto per fornire supporto al decisore e orientare l’azione delle Forze di Polizia. È fondamentale mettere a fattor comune competenze trasversali per affrontare le sfide del presente e del futuro».

«Desidero sottolineare la grande potenzialità rappresentata dalla costante e proficua collaborazione con il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria che ha consentito, tra l’altro, la realizzazione del report. La criminalità è un fenomeno complesso che per essere combattuto richiede studio, strategia e, soprattutto, prevenzione, cercando di anticiparne le iniziative», ha commentato il prefetto Rizzi.
Il lavoro, predisposto dal Servizio analisi criminale, è la seconda tappa di un percorso di analisi iniziato lo scorso giugno con la condivisione del report Donne e Criminalità, Analisi dei reati commessi dalle donne e della detenzione femminile negli Istituti Penitenziari.

Leggi anche

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare