Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

Rebibbia carcere

Lo scorso 28 aprile, presso la sala teatro della Casa Circondariale Femminile Rebibbia, è stato presentato il report dal titolo La funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento – storie di vita dal carcere, frutto della collaborazione tra il dipartimento della pubblica sicurezza e il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.

Il lavoro presentato offre uno spaccato del sistema penitenziario in grado di cogliere e raccontare i segnali indicativi delle mutazioni dei fenomeni criminali più evidenti nella realtà carceraria, avvalendosi delle testimonianze delle figure che operano all’interno dell’istituto penitenziario: il direttore, il comandante del reparto, l’ispettore di polizia penitenziaria, il funzionario della professionalità giuridico pedagogica e un gruppo di psicologhe. Il report lascia ampio spazio inoltre, alle esperienze di vita delle detenute e in particolare il contesto sociale di provenienza e i motivi che le hanno spinte a delinquere
Centrale, nel report, emerge inoltre il valore attribuito al profilo della rieducazione, prevista dalla Costituzione all’articolo 27, e intesa come possibilità per le detenute di impiegare il proprio tempo anche nell’apprendimento di un lavoro, in vista di un futuro reinserimento nella società. 

Hanno preso parte all’incontro, oltre al direttore della Casa Circondariale Germana Stefanini, il vice direttore generale della pubblica sicurezza Vittorio Rizzi, il vice capo di dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Roberto Tartaglia, il comandante del reparto Dario Pulsinelli e il direttore del Servizio analisi criminale della direzione centrale di polizia criminale Stefano Delfini.  Il report realizzato dal Servizio Analisi Criminale è stato definito proprio da Stefano Delfini come un lavoro «frutto della collaborazione avviata tra il Dipartimento della PS, Direzione Centrale Polizia Criminale e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria». Il report, ha inoltre aggiunto Delfini, «offre uno spaccato del sistema detentivo, da sempre inestimabile fonte informativa, che consente di cogliere quei segnali indicativi delle mutazioni dei fenomeni criminali, più evidenti nella realtà carceraria, la cui individuazione costituisce il presupposto per fornire supporto al decisore e orientare l’azione delle Forze di Polizia. È fondamentale mettere a fattor comune competenze trasversali per affrontare le sfide del presente e del futuro».

«Desidero sottolineare la grande potenzialità rappresentata dalla costante e proficua collaborazione con il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria che ha consentito, tra l’altro, la realizzazione del report. La criminalità è un fenomeno complesso che per essere combattuto richiede studio, strategia e, soprattutto, prevenzione, cercando di anticiparne le iniziative», ha commentato il prefetto Rizzi.
Il lavoro, predisposto dal Servizio analisi criminale, è la seconda tappa di un percorso di analisi iniziato lo scorso giugno con la condivisione del report Donne e Criminalità, Analisi dei reati commessi dalle donne e della detenzione femminile negli Istituti Penitenziari.

Leggi anche

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica