Salute

Sconti fiscali per favorire il “fumo alternativo”. La proposta

417

E’ un male che non lascia scampo. Francesco Cognetti lo dimostra con un dato impressionante: «Soltanto il 16 per cento delle persone alle quali sia stato scoperto un tumore al polmone, dopo cinque anni è ancora viva. Questo – precisa il direttore del Dipartimento di Oncologia medica dell’Istituto Regina Elena – mentre dopo cinque anni è in vita il 90 per cento delle donne colpite da tumore alla mammella, l’80 per cento di chi lo ha al colon, il 60-70 per cento di chi invece lo ha alla prostata». E aggiunge un particolare essenziale, il professore: «Nove volte su dieci, il tumore al polmone viene ai fumatori». Nell’ampia sala conferenze dell’Associazione Stampa Estera si sta discutendo infatti del Rapporto Eurispes “Fumo: nuovi prodotti e riduzione del danno”. Quanto sia difficile smettere lo prova la risposta ad una delle domande sottoposte a un campione di 1.135 fumatori: solo il 9 per cento ha risposto di volerlo fare entro sei mesi. Ma il 60 per cento sarebbe disposto ad abbandonare le sigarette, passando ad altri prodotti del tabacco che, in base a una prova scientifica, risultassero meno dannosi.
Si confessa fumatore incallito, ma intenzionato a passare all’iQuos, la sigaretta che scalda ma non brucia tabacco, lo stesso presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, il quale saluta e ringrazia i convenuti. Oltre a Cognetti c’è un altro medico, Damiano Parretti, della Società italiana di Medicina generale, e poi Antonio Catricalà, nella veste di professore di Diritto dei consumatori alla Luiss, Giovambattista Palumbo, direttore dell’Osservatorio Eurispes sulle politiche fiscali, Alberto Baldazzi, coordinatore della ricerca e Gerardo D’Amico, giornalista Rai, che fa da moderatore.

Baldazzi ha ricordato che il 12 per cento circa dei consumatori italiani è passato alle due alternative meno dannose: il 10,5 per cento alla sigaretta elettronica, e l’1,6-1,7 per cento al tabacco riscaldato, che riduce gli effetti negativi del 90 per cento e che ha uno straordinario successo in Paesi come il Giappone. Il Regno Unito ha completamente annullato la tassazione sulla sigaretta elettronica, per favorirne la diffusione. In Francia, Macron ha reso meno conveniente l’acquisto di sigarette, che costano oggi 8 euro a pacchetto, con la prospettiva di arrivare a 10 euro nel 2020, come ricorda Stefano Caliciuri, direttore di Sigmagazine, il bimestrale dell’alternativa al fumo tradizionale. L’Italia, invece, è fra i Paesi che hanno la tassazione più elevata, anche se non quanto le sigarette tradizionali, ed è un dovere della politica aprirsi alla tematica della riduzione del danno. Giovambattista Palumbo, che è dirigente dell’Agenzia delle Entrate, ha raccomandato però di non abbandonarsi all’improvvisazione, sulle norme di carattere fiscale: «Ci vuole una strategia – ha detto – e non può essere decisa soltanto da un Paese: deve essere comune a tutti i membri dell’Unione».

I medici generali, ha ricordato il loro rappresentante, Damiano Parretti, debbono invitare preventivamente i loro pazienti a non fumare, senza invece limitarsi a chiedere se fumano o no. Un’azione educativa, dunque, senza aspettare che subentri la patologia. Antonio Catricalà ha ricordato un episodio della sua vita: era allora capo di gabinetto del ministero della Ricerca, anno 1987, e un giorno entrò nel suo ufficio Francesco Cognetti, che, annusando una nuvola di fumo sopra la sua scrivania, gli disse: «Devi smettere di fumare, o rischi di prendere un tumore. Se lo fai entro i 35 anni, salvi i polmoni. Quanti anni hai?». Ne aveva allora proprio 35, Catricalà. E smise. Senza se e senza ma.

Ultime notizie
Salute

Farmaci e prestazioni inutili, colpa della medicina difensiva. Ma è davvero così?

Malasanità ed errori sanitari: a due anni dall'entrata in vigore della legge Gelli, che aveva come obiettivo quello di ridefinire il tema della responsabilità medica e arginare la medicina difensiva, abbiamo raccolto l'opinione dell'avvocato Franco Di Maria, membro dell'Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione