Società

“Populismo sovrano”: i rischi per la democrazia. Il libro di Feltri

128

La politica reclama sovranità totale, il populismo ha conquistato partiti, intellettuali e giornali, alimentato dalla paura, dal senso di insicurezza e da prospettive sempre più incerte.
«Di fronte a problemi che nessun governo nazionale è in grado di risolvere, elettori e politici, sfiduciati verso la globalizzazione, inseguono le sirene del populismo». Questa la tesi di fondo dell’interessante e lucidissimo saggio di Stefano Feltri, Populismo sovrano (Giulio Einaudi editore).
Feltri affronta la tematica del populismo, attualissima e già declinata in tutte le sue sfumature, legandola al concetto di sovranità. Populismo sovrano nella sua doppia accezione: nel senso che ha conquistato una egemonia culturale e perché reclama sovranità. Si è rotto il compromesso della delega, nemica giurata dei populismi, e si assiste a ogni tipologia di ostilità nei confronti della élite politica e tecnocratica.

«I populisti hanno già vinto – scrive l’autore – anche quando non sono al governo: perché tutti i partiti, gli intellettuali, i giornali e le televisioni, ne hanno assorbito il linguaggio, l’agenda, gli strumenti, le parole d’ordine». Inseguire il miraggio della sovranità, inoltre, è molto pericoloso: «porta a rimettere in discussione – scrive Feltri – le fondamenta della nostra democrazia rappresentativa, senza avere nulla di meglio con cui rimpiazzarla».
Nel volume, vengono trattati i temi della sovranità, che l’autore definisce «fantasmi che agitano questa notte inquieta dell’Europa e dell’Italia», oltre alla seducente tentazione di abbandonare la complessità e la fatica della democrazia per le rassicurazioni della chiusura, al riparo di muri e di barriere intellettuali.

«Sono tentazioni a cui è difficile resistere – spiega il giornalista e scrittore – perché l’alternativa a inseguire la sovranità è accettare che bisogna ancora fidarsi degli altri, dei rappresentanti eletti, dell’Unione europea, delle istituzioni sovranazionali, degli accordi commerciali e di tutti quegli strumenti che, magari, devono trovare una nuova legittimità, ma che sarebbe assai pericoloso abbandonare, visto che su di essi abbiamo costruito pace e prosperità». Una specie di corto circuito, dal quale non si capisce bene come si possa uscirne. Tutti invocano la sovranità, ossia il potere di comando, in ultima istanza. Potere esclusivo, supremo e non derivato. Le leve del comando, in ultima analisi. Ed è la politica a rivendicarla, in una fase in cui il vero potere decisionale sta altrove, nei consessi della finanza globale, nei gruppi di potere delle multinazionali, nelle speculazioni finanziarie. L’autore affronta il tema delle nuove categorie della politica: ampiamente superata quella di destra e sinistra, se è vero come è vero che l’Economist ha dedicato una copertina a quello che considera il “new political divide”, che risiede nei concetti di “aperto e chiuso”, nelle società politiche che si aprono o che si chiudono, al dialogo, ai commerci, al confronto. Un’altra categoria considerata, a livello europeo, è proprio quella tra sovranisti ed europeisti, sostenitori, i primi, di un ritorno alla sovranità nazionale, a differenza dei secondi, fautori di una sovranità europea, sebbene consapevoli della necessità di un nuovo modello di Unione, più solidale e meno autoreferenziale. Nel saggio vengono affrontati i temi della paura, della diversità, dell’integrazione, del senso di insicurezza, della tecnologia che riscrive il mercato del lavoro, delle migrazioni di massa, delle prospettive sempre più incerte sulla crescita economica, della sostenibilità del nostro stile di vita, dei nuovi modelli di sviluppo. Temi che costituiscono il contesto dentro il quale si muove il conflitto tra populismo sovranista e politica globale, tra protezionismo e mercato libero, tra la società della chiusura e quella del dialogo. Sullo sfondo, i pericoli dell’autoritarismo strisciante, dei conflitti tra gli Stati nazionali, delle disuguaglianze sociali ed economiche, del rischio di una crescita dell’esclusione sociale e della marginalizzazione e dell’impoverimento di ampie fasce della popolazione, attratte dal sogno di una autosufficienza e dalla chiusura nei confronti del resto del mondo. Un ritorno al passato peggiore, ed il pericolo reale della perdita delle conquiste sociali e dei diritti faticosamente conquistati.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Cyber war, prepariamoci alla madre di tutte le guerre asimmetriche

C’è una guerra silenziosa alle porte che nessuno può permettersi di sottovalutare, sarà combattuta con armi invisibili, schieramenti fluidi, in “trincee virtuali”. Aldo Giannuli Alessandro Curioni, con Cyber War, la guerra prossima ventura introducono il lettore in uno scenario complesso.
di Massimiliano Cannata
Lavoro

Parassiti al Sud? In realtà il Mezzogiorno è più operoso ed eroico del Nord

I meridionali sono inoperosi. Sono degli indolenti e degli scansafatiche. Marco Ascione interprella e analizza i dati, ed emerge una realtà totalmente diversa alla banale "vulgata" comune.
di Marco Ascione
Cultura

Fenomeno Tarantino “pulp e cool”. “Ma la sua violenza è etica e il suo cinema scomodo”

Quentin Tarantino torna nelle sale italiane con C'era una volta...a Hollywood (Once Upon a Time...in Hollywood). Attesa altissima per il nono film del regista che, fin dal suo folgorante esordio, ha “scritto” un nuovo modo di fare cinema. Qual è, quindi, l'impatto che il cinema di Tarantino ha avuto dagli anni Novanta ad oggi? Ne parliamo con Gianluca Pelleschi, redattore della rivista di cinema online Gli Spietati.
di Raffaella Saso
Economia

Governo e Sud, Saverio Romano: “Ferrovie, Anas, Eni investano come fanno al Nord”

Il Governo Conte bis ha dedicato al Sud il punto numero 19 del suo programma, indicando la necessità di «lanciare un piano straordinario di investimenti per la crescita e il lavoro». Si tratta di «enunciazioni di principio, alle quali spero seguano fatti», commenta Saverio Romano, ex Ministro delle politiche agricole, che guida il Dipartimento Mezzogiorno dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Il punto

“Golden Power e il 5G”, non è il titolo di un film 007 ma la nostra vita

È il 2012 quando la Repubblica Italiana si dota (finalmente) di uno strumento fondamentale in tempi di globalizzazione tecnologica: la cosiddetta Golden...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, ecco come si formano i giovani finanzieri. Gen. Ricozzi: «Il primo insegnamento è il rispetto»

Guida gli Istituti di formazione che preparano e addestrano i giovani aspiranti finanzieri: uomini e donne che, nel Corpo della Guardia di Finanza, sono chiamati a tutelare i princìpi e i valori della Costituzione economica. Il Generale Carlo Ricozzi, Ispettore per gli Istituti di Istruzione, spiega a L'Eurispes.it che il primo insegnamento è il «rispetto delle persone, della legalità e del diritto».
di Valentina Renzopaoli
Informazione

Social media come le slot machine. L’attesa di un like è come quella di una vincita in denaro

Social media e gioco d'azzardo: alcune ricerche dimostrano che il meccanismo di dipendenza è simile, grazie a veri e propri “trucchi” psicologici che alimentano il cosiddetto “loop ludico”.
di Alfonso Lo Sardo
Gioco

Fortnite: chi è Edoardo alias Carnifex, il campione italiano pagato per giocare

Esports: chi è Edoardo Badolato, il 24enne italiano arrivato sesto al Campionato del mondo di Fortnite. Nato e cresciuto a Bergamo, in arte Carnifex, racconta a L'Eurispes.it perché ha scelto questa strada.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Governo Conte, Bombardieri (Uil): “Il lavoro è la priorità. Zingaretti al posto di Salvini? Tratteremo allo stesso modo”

Governo giallorosso ai nastri di partenza. Pd e Movimento 5 Stelle alleati per “rendere l’Italia migliore”. Ma quali sono i dubbi, le prospettive, le difficoltà all’orizzonte? E quali sono le misure che potrebbero favorire la crescita e la tutela del lavoro? Lo abbiamo chiesto a Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale aggiunto della Uil.
di Valentina Renzopaoli
Informazione

Tempi da guru. Il “caso Panzironi”

Ho visto Panzironi. Cioè, non lo sapevo che quel tizio fosse Panzironi e, a dirla tutta, non sapevo nemmeno chi fosse, questo...
di Alberto Mattiacci