Giovani e tabagismo, si comincia prima dei 18 anni per curiosità e appartenenza al gruppo

tabagismo

L’indagine di Eurispes sul tabagismo si concentra su giovani e adolescenti della Sardegna. Quanto fumano i ragazzi sardi? Quanto il consumo di tabacco o l’uso della sigaretta elettronica si stanno radicando tra le loro abitudini di vita? In che modo sta prendendo forma il tabagismo tra i giovanissimi? A queste domande ha cercato di rispondere l’indagine sulla diffusione del tabagismo nelle scuole della Sardegna condotta dall’Istituto Eurispes ha tra gli studenti dell’Isola che frequentano le Superiori. Hanno partecipato all’indagine 1.259 adolescenti di 34 diversi Istituti scolastici della Sardegna di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Le scuole, che attraverso l’adesione dei loro studenti hanno sostenuto il progetto di ricerca, sono state individuate in diverse aree geografiche della Regione e ne sono per questo ben rappresentative: 5 scuole secondarie di secondo grado nella Città Metropolitana di Sassari, 5 nel Nord-Est Sardegna, 4 a Nuoro, 3 nell’Ogliastra, 5 a Oristano, 7 nella Città Metropolitana di Cagliari, 2 nel Medio Campidano e 3, infine, nel Sulcis-Iglesiente.

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità il tabagismo riguarda 11,6 milioni di italiani

L’indagine è stata realizzata dall’Eurispes grazie al contributo dell’Assessorato regionale alla Programmazione e Bilancio e alla collaborazione con l’Assessorato regionale alla Pubblica Istruzione. L’indagine sul tabagismo rientra in un percorso già intrapreso e al momento in corso attraverso il quale, in un periodo molto critico per tutti, si è voluto rivolgere uno sguardo più attento al mondo delle giovani generazioni e, in particolare, alle scuole. In quest’ottica globale vanno letti i progetti di ricerca sul cyberbullismo e sul tabagismo e quelli attualmente in corso sulla dispersione scolastica e il rapporto tra i giovani e la rete, promossi dall’Eurispes.

Il 49,4% dei ragazzi ha iniziato a fumare prima di avere raggiunto 18 anni

I dati offrono una serie di informazioni utili per definire il profilo della generazione dei teenager sardi e vanno messi in relazione a quelli forniti da altre precedenti rilevazioni. Nel 2019, ad esempio, l’Istituto Superiore di Sanità ha stimato in 11,6 milioni il numero degli italiani che hanno rapporti con il consumo di tabacco. È una quota significativa, perché pari al 22% della popolazione. All’interno di questo dato si rileva che è cresciuto il numero delle fumatrici e che non può non far riflettere l’11,1% costituito da giovani tra i 14 e i 17 anni. Dalla ricerca dell’Eurispes risulta che il 49,4% dei ragazzi ha iniziato a fumare prima di avere raggiunto 18 anni, e il 48,7% tra i 15 e i 18 anni. A diventare precocemente abituali consumatori sono prevalentemente i ragazzi (62,1%) anziché le ragazze (29,9%). I giovani fumatori sardi non fumano, inoltre, soltanto sigarette tradizionali, ma anche tabacco trinciato (55%) e le sigarette elettroniche (23,5%).

Uno studente su quattro chiede aiuto alla famiglia per acquistare un pacchetto di sigarette

Per il tabagismo i giovanissimi sardi devono sostenere una spesa settimanale da 5 a 10 euro nel 31,1% dei casi, da 11 a 20 euro nel 17,4% dei casi e più di 30 euro nel 6,2% dei casi. Si servono di risparmi personali (33,6%) o dei guadagni da lavori occasionali e/o stagionali (28,1%). Uno studente su quattro chiede aiuto alla famiglia per acquistare un pacchetto di sigarette, e una sparuta quota di fuomatori si fa prestare i soldi necessari dagli amici (1,9%). Dall’indagine emerge che le famiglie sono spesso al corrente del tabagismo dei figli (51,7%), essendo proprio queste a coprirne, almeno per un quarto dei casi, le spese dal tabaccaio. Potrebbe essere opportuno, allora, chiedersi quale sia il rapporto degli adulti, e cioè i genitori, con il fumo. Si scopre che più della metà degli intervistati (il 56,5%) ha genitori non fumatori, mentre il 29,4% dei ragazzi afferma che a fumare in casa e con una certa regolarità è almeno uno dei due genitori.

Il 40% dei ragazzi si avvicina al tabagismo per curiosità

L’indagine ha voluto anche investigare sulle ragioni che hanno spinto i ragazzi a fumare la prima sigaretta. La motivazione principale risulta essere la curiosità (40,3%) e, solo in misura minore, il fatto di appartenere a gruppi amicali in cui qualcuno fuma (16,4%). Il 21,7% dichiara, inoltre, di avere tentato di smettere almeno una volta nella sua giovane vita, segno della consapevolezza che il tabagismo può diventare nel tempo una dipendenza sempre più problematica. Chi ha provato a smettere – in prevalenza le ragazze (44,1%) – ammette di averlo fatto senza esservi riuscito. Quasi tutti gli intervistati hanno espresso la volontà di liberarsi dalla dipendenza, benché uno su dieci (9,9%) non sia assolutamente interessato a farlo. Tra le ragazze emerge, inoltre, una maggiore propensione a scelte da mettere in pratica nel breve termine (32,9%).

Un adolescente su dieci non ha nessuna intenzione di smettere di fumare

Gli intervistati sono a conoscenza del fatto che il tabagismo comporta rischi per la salute, anche quando si tratta del cosiddetto fumo passivo subìto da chi non è fumatore (45%), ma non è così per tutti. Hanno cognizione dei divieti e delle sanzioni che normano l’uso della sigaretta il 67% degli intervistati. Sono anche consapevoli che a scuola non si può fumare, ma il 71,7% ritiene giusto che lo si faccia negli spazi esterni come giardini, piazzole o cortili. Eppure, c’è chi fuma anche nei locali della scuola (58,2%). Un ragazzo su cinque dichiara di farlo in modo abituale, e uno su due dichiara di avere ricevuto almeno un reclamo dal personale scolastico per avere infranto il divieto. I ragazzi dichiarano di riconoscere l’impegno della scuola per informarli sui rischi del tabagismo, ma uno su dieci dichiara di non avere ricevuto informazioni in merito e il 32,8% sostiene che la scuola non avrebbe mai provveduto a informarli sui rischi del tabagismo.

L’indagine in versione integrale è visualizzabile online previa iscrizione al sito

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento