Sardegna, un’isola in fiamme che racconta la crisi climatica

sardegna

La conta dei danni provocati dagli incendi che, anche quest’anno, hanno martoriato la Sardegna deve essere ancora ultimata, ma sin da quando, lo scorso luglio, era scattata l’emergenza, la sua enormità era subito apparsa chiara a tutti. Difficilmente quantificabile, ma evidente. A tenere veramente banco non sono ora tanto il calcolo esatto dei danni materiali e l’urgenza delle misure e delle procedure per l’accreditamento dei Ristori destinati ai singoli e alle comunità, quanto l’annosa discussione sulla cronica difficoltà (ma c’è chi parlerebbe di incapacità) di fare fronte al fenomeno degli incendi estivi attraverso efficaci interventi preventivi.

Sempre più consapevoli del cambiamento climatico

Pare, comunque, che stia crescendo la consapevolezza della globalità del fenomeno, riferibile non più soltanto a variabili locali come la trascurata e poco oculata gestione dell’ambiente o la carenza di risorse da mettere in campo per contrastare la piaga stagionale e ricorrente degli incendi. Negli interventi dei politici sardi si fa, finalmente, sempre più riferimento a dinamiche e problematiche globali come il cambiamento climatico e il surriscaldamento del Pianeta, argomenti forti, di rado affrontati con la necessaria conoscenza, di cui – per quanto poco ragionevole possa sembrare – non si teme più l’impopolarità. Di fronte alle temperature record dello scorso agosto e alla prevedibilità di effetti sempre più numerosi e minacciosi diventerebbe complesso, se non penoso, negare l’evidenza della crisi climatica. Ciò non toglie, però, che si possano rilevare fattori, per così dire, endemici, e cioè caratteristici di una determinata area perché altrove meno presenti, come la sensibilità ecologica, le politiche di tutela del patrimonio zootecnico, la mancata, o inefficace, programmazione di studi sul territorio, la siccità. Anche questi fattori, per niente trascurabili, contribuiscono a mandare in fumo ogni 15 anni, secondo le stime di Coldiretti, qualcosa come 40mila ettari di bosco.

Un più efficace presidio del territorio

Potrebbero essere le classiche lacrime di coccodrillo quelle che sono state versate sulle rovine fumanti delle Regioni italiane che più di tutte hanno avuto a che fare con la piaga degli incendi. Non è un’accusa, ma il dato di una facile constatazione perché, secondo Coldiretti, la soluzione potrebbe essere davanti agli occhi di tutti, se è vero che per tutelare i boschi italiani basterebbe incrementare il presidio del territorio. Secondo questa logica, la maggiore vigilanza di un bene agirebbe come un deterrente nei confronti di chi è mosso da intenzioni criminali, perché a queste è purtroppo riconducibile in gran parte la casistica dei roghi, dei quali 6 su 10 continuerebbero, infatti, ad essere di origine dolosa. Ma nessuno meglio di Coldiretti sa quanto sia difficile contrastare l’allontanamento dalle campagne, proposito concretamente praticabile solo con l’aumento del numero degli imprenditori agricoli. Come potrebbero agire, d’altronde, come un incentivo le immagini della terra che brucia, di boschi inceneriti e della mattanza di animali imprigionati tra le fiamme? Sullo sfondo di queste immagini terribili c’è, poi, la desolazione di migliaia di piccole imprese e famiglie che perdono, in poche ore, il lavoro e le fortune di un’intera vita. Eppure, è arduo immaginare soluzioni altrettanto concrete e incisive come quella indicata da Coldiretti, che vede nel pascolamento e nell’insediamento diretto l’unica, realistica condizione per salvaguardare il territorio.

La paradura, dalla Sardegna alla solidarietà globale

La devastazione provocata dagli incendi sarebbe stata più grave se ancora una volta non si fosse messa in moto la macchina interna della solidarietà che nell’Isola prende il nome di “paradura”. È, questa, un’antica pratica comunitaria alla quale si ricorre in Sardegna quando un pastore, o un allevatore, vengono colpiti da una calamità: può essere il furto di una pecora, o la perdita di un intero gregge. La comunità si “appropria” della perdita subita da uno dei suoi componenti e interviene per ristabilire l’equilibrio infranto. Tutti contribuiscono, mettendo a disposizione (“paradura” significa proprio questo) foraggio o capi di bestiame, e quanto più è grave il danno da riparare, tanto più la “paradura” si fa generosa. È accaduto anche questa estate, con tutte le comunità della Sardegna che si sono attivate per assicurare ai pastori dell’oristanese, una delle aree più colpite dagli incendi, quanto serviva loro per non far morire di fame migliaia di pecore e bovini. La “paradura”, quindi, come espressione di sempre, vive forme di solidarietà che si reggono sui princìpi di un’antica, quasi ancestrale, etica mutualistica. Solidarietà che è diventata poi globale quando si sono visti sorvolare nel cielo dell’Isola i canadair provenienti da Grecia e Francia, perché il fuoco che brucia i boschi è un nemico che non conosce confini.

L’olivastro resiliente simbolo della Sardegna

Ci sono dei simboli e delle testimonianze che il fuoco piromane non ridurrà in cenere. Viene da pensare ai tanti animali – pecore, cerbiatti, cinghiali – messi in salvo dalla Clinica Veterinaria Duemari di Oristano e, purtroppo, anche ai tanti che non sono sopravvissuti. C’è invece speranza per il Patriarca, l’olivastro millenario di Cuglieri che ha conosciuto l’inferno delle fiamme. La tempra di questo prodigio della natura è così forte che per lui si profila la possibilità di sopravvivere alla violenza del fuoco. Questa dovrebbe avere risparmiato una parte delle radici, dalle quali potrebbe germogliare nuova vita. Come un centenario aggrappato con tutte le sue forze alla vita, l’olivastro resiliente è sotto l’osservazione di una squadra di botanici dell’Università di Cagliari che ne sta monitorando la complessa convalescenza. Se sopravvivrà, non sarà più quello di prima, ma diventerà il simbolo di una resilienza disperata e possibile.

Leggi anche

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia