Catastrofi naturali e gestione del rischio in agricoltura

agricoltura

Nell’ultimo decennio, gli eventi meteorologici estremi in Italia sono più che quadruplicati, passando da 348 nel 2011 a 1.602 nel 2021 (European Severe Weather Database). Nonostante la sua elevata suscettibilità alle catastrofi, solo il 5% delle abitazioni italiane gode di una protezione assicurativa contro terremoti e alluvioni, a fronte di un rischio che riguarda almeno il 78% degli edifici adibiti ad abitazione (Report sui cambiamenti climatici, ANIA). Spostando l’attenzione sul settore dell’agricoltura, solo il 10% delle aziende agricole è assicurata contro rischi meteoclimatici, laddove il danno determinato dagli eventi estremi si attesta in media su oltre 600 milioni di euro all’anno. Nel 2022 per la siccità si sono stimati oltre 6 miliardi di euro di danni. In questo contesto si inscrive l’iniziativa del Fondo nazionale Agricat, rivolto a tutti gli agricoltori italiani beneficiari dei finanziamenti del Piano di Politica Agraria Comunitaria (PAC) (circa 700.000 aziende) e destinato a coprire, in una logica d’intervento pubblico-privato, i danni catastrofali da siccità, gelo e alluvione.

Agricoltura, un asset strategico

Il peso del settore primario sull’economia nazionale si è attestato su circa il 2,2% del Pil (Istat, 2021). L’importanza del settore agricolo è ancora più evidente considerando l’indotto dell’industria alimentare che ha un peso analogo (2,1% del Pil), confermando complessivamente la posizione strategica dell’agroalimentare nel quadro economico nazionale. I dati Istat (2021) fotografano inoltre un calo delle aziende agricole (-30% rispetto al 2010), con un aumento della dimensione media della superficie agricola gestita da una singola azienda.

La gestione del rischio in agricoltura

L’Italia è stato uno dei primi paesi ad affrontare il tema della gestione del rischio in agricoltura, introducendo già dagli anni Settanta, il Fondo di Solidarietà Nazionale. Le misure previste consistono principalmente nella erogazione di aiuti contributivi e creditizi alle imprese agricole che, per effetto della perdita delle produzioni, subiscono danni in misura non inferiore al 20% della produzione aziendale. Le polizze assicurative agevolate invece sono finalizzate alla prevenzione del rischio e sono gestite principalmente a livello provinciale attraverso i consorzi agricoli di difesa. Il numero di aziende assicurate rimane ancora contenuto: circa 76.000 unità a fronte di 705.000 aziende agricole (Infocamere, 2020). La persistente concentrazione territoriale e la limitatezza della base assicurata, in abbinamento al trend sfavorevole dei fenomeni climatici avversi, hanno generato un aumento progressivo dei tassi praticati dalle compagnie assicurative. Dopo un lieve calo registrato nel primo triennio, le tariffe assicurative medie sono aumentate fino a raggiungere un aumento medio nazionale del 9,2% nella campagna 2021 (ANIA).

Verso un sistema pubblico-privato per far fronte agli eventi estremi

In ragione di quanto sin qui considerato, per il raggiungimento degli obiettivi di rafforzamento a livello nazionale del sistema di gestione del rischio è stata delineata un’articolazione per livelli. Interviene in prima istanza una copertura obbligatoria di primo livello, con l’obiettivo di coprire la maggior parte dei danni catastrofali, poi un secondo livello caratterizzato dal sistema agevolato delle polizze assicurative agricole e dei fondi di mutualità privati e infine un terzo livello che interessa le misure di investimento in prevenzione e mitigazione dei rischi.

Il nuovo Fondo mutualistico nazionale Agricat

Il nuovo Fondo per la copertura dei danni catastrofali meteoclimatici alle produzioni agricole causati da alluvione, gelo o brina e siccità è stato istituito con legge 30 dicembre 2021, n. 234. Nel Piano di gestione del rischio agricolo è stata prevista per la campagna 2022 una sperimentazione con la duplice finalità di: simulare “in campo” l’applicazione del nuovo strumento; affiancare l’avviamento della Società Agricat Srl nata a luglio 2022 e riconosciuta quale Soggetto Gestore del Fondo.

Nel 2020 in Italia l’incidenza sul Pil dei premi del ramo danni era del 2%, contro una media Ocse del 4,9%

Nel 2020 in Italia l’incidenza sul Pil dei premi del ramo danni era appena del 2%, contro una media Ocse del 4,9%. Le motivazioni di tale situazione, secondo Banca d’Italia, sono da ricercarsi negli interventi pubblici ex post che disincentivano una copertura assicurativa ex ante e nella mancanza di un tetto al massimo danno assicurabile, insieme a una bassa cultura assicurativa. Secondo l’IVASS è importante ripensare le modalità con cui si è perseguita l’esigenza di stabilizzare i redditi degli operatori agricoli in caso di calamità naturali e di favorire il pronto ristabilimento dei livelli di produzione alimentare. Negli ultimi vent’anni, in Italia, si è passati da un sistema di intervento pubblico a fondo perduto ex post ad un sistema misto, con un progressivo incremento degli strumenti ex ante costituiti da assicurazioni dei rischi in agricoltura agevolate. Queste ultime sono fondamentali nell’attuazione di strategie di adattamento delle imprese ai cambiamenti climatici. Secondo l’ANIA è il momento di allineare la legislazione italiana a quella di gran parte degli altri paesi europei, con l’adozione di uno schema assicurativo obbligatorio pubblico-privato contro le catastrofi naturali. L’obiettivo è stimolare la protezione sostenibile dei cittadini e assicurare omogeneità di garanzie fra i paesi europei, ma vi sono resistenze alla proposta.

La possibilità di prevenire gli eventi futuri

Le catastrofi naturali mostrano in tutti i continenti preoccupanti dinamiche di crescita. I drammatici effetti di questa escalation sono distribuiti in modo disuguale a livello sia geografico sia sociale. Favorire un’allocazione dei rischi efficiente, equa e finanziariamente sostenibile è una sfida complessa e urgente per le Istituzioni pubbliche. La prevenzione è generalmente materia di competenza esclusiva delle Regioni e Province autonome, mentre le politiche d’intervento ex post sono centralizzate a livello statale in quanto gravano sulla finanza pubblica. Agricat potrà concorrere, da un lato, a rafforzare il supporto agli agricoltori nel fronteggiare l’impatto di eventi estremi connessi ai cambiamenti climatici e, dall’altro lato, stimolare l’ampliamento del mercato delle assicurazioni danni favorendo un riequilibrio dei tassi dei premi e una più omogenea distribuzione delle coperture assicurative tra Nord e Centro-Sud del Paese.

Leggi anche

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali