Caso Siri “archiviato”. Irrompe la “tangentopoli lombarda”

Caso Siri 30 volte nei titoli dei Tg tra lunedi e martedi, poi “archiviato; irrompe la “tangentopoli lombarda”; il Presidente Mattarella rivendica i meriti dell’Europa a due settimane dal voto; il “fascismo del terzo millennio” conquista il suo spazio mediatico con gli episodi di Casal Bruciato e del Salone del libro di Torino. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 6 al 10 maggio.

A due settimane dal voto europeo, le aperture del primetime sono andate, ancora una volta, in buona parte, ai conflitti interni alla maggioranza. La vicenda della revoca di Siri è stata presente 30 volte nei titoli, concentrati tra lunedì e mercoledì. Per i Tg Mediaset e La7, la Lega “incassa e contrattacca”, aprendo un nuovo fronte polemico con l’alleato di Governo su migranti e lotta alla droga; in particolare, su questo secondo tema Salvini minaccia di «essere pronto a far cadere il Governo». Più tranquillizzanti Tg1 e Tg2, che parlano di “confronto”; l’ammiraglia Rai giovedì rilancia in apertura le dichiarazioni di Conte: «Avanti senza polemiche».

La “nuova tangentopoli lombarda” ‒ così battezzata martedì nei titoli di Tg3 e Tg La7 ‒ con i suoi 43 arresti tra politici ed imprenditori (tra cui tre esponenti di Forza Italia) è martedì in apertura per 5 testate. Studio Aperto e Tg5 riportano la notizia, forse un po’ a malincuore, ma correttamente. Tg4 fa “di tutto” per glissare, non sulla notizia, ma sull’appartenenza politica degli indagati, rintracciabile solo a metà del servizio. Tg2 riporta l’attenzione alle evoluzioni dell’inchiesta in Umbria per i concorsi truccati sulla sanità che hanno colpito i vertici regionali dei democratici. Buone coperture, martedì, anche per le indagini che coinvolgono esponenti Pd e Forza Italia della politica calabrese.

Le dichiarazioni del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che, assieme ad altri 20 Capi di Stato europei, ha lanciato un non convenzionale appello al voto, rivendicando i meriti dell’Unione, e presentandola come «La migliore idea che abbiamo mai avuto», sono riprese in 5 titoli, ed in apertura per Tg1.

Nonostante le dichiarazioni di Mattarella, i temi dell’Europa sono sostanzialmente assenti dalle scalette, con l’eccezione delle coperture del Tg3 e di alcuni servizi di Tg2. L’attenzione generale si concentra infatti sull’impatto che il voto potrà avere sugli equilibri tra le forze politiche, indagati dai due sondaggi proposti in settimana da Tg La7. Su questa linea ha ribattuto il leader di Forza Italia, Berlusconi, intervistato venerdì da Tg5 e nel complesso assai ripreso, soprattutto dai Mediaset e Tg2: 10 presenze nei titoli e numerosi interventi registrati.

L’agguato di Napoli: la politica e l’informazione strette attorno Noemi
L’agguato di camorra a Napoli, con il ferimento della piccola Noemi, si ripropone da lunedì sulle scalette di primetime: aperture per Tg4 e Tg5, e raccoglie complessivamente 17 titoli. Tg5 propone una copertina dedicata alle violenze mafiose ed ai bambini che spesso ne sono vittime. Venerdì, sul risveglio di Noemi, aperture per i Tg Mediaset e Tg2.

Insulti e “libertà d’espressione”: tra Casal Bruciato e Torino in onda il “fascismo del terzo millennio”
Le proteste nella periferia romana di Casal Bruciato, per un’altra casa popolare assegnata ad una famiglia rom, sono state centrali in settimana e hanno ricevuto 10 titoli. Gli insulti, le minacce e le sobillazioni dei fascisti di Casapound, gli attacchi alla famiglia, ma anche alla Sindaca Raggi, e l’intervento del Papa (apertura per Tg3), che giovedì ha ricevuto la famiglia rom, scandiscono le tappe di una crisi che coniuga marginalità, ignoranza e discriminazione razzista. I diversi Tg propongono cronache alquanto simili tra loro. Da segnalare il Tg3 che, attraverso un’intervista, ci presenta un “padre di famiglia rom” simile a tanti altri cittadini delle periferie della capitale.

Trascinato anche dall’attivismo dei neofascisti romani, l’altra provocazione di Casapound con la presenza della casa editrice neofascista (che edita un libro intervista a Salvini) al Salone del Libro di Torino, è trasversalmente presente su molti Tg per tutta la settimana. Le cronaca e i commenti vedono, ai due “estremi”, schierarsi Tg3 che riprende ampiamente le posizioni critiche dell’Anpi e di diversi ospiti ed editori, e dall’altra il Tg2 che da lunedì ingaggia una strenua difesa della presenza della Altaforte al Salone del Libro, o, sarebbe meglio dire, del Vicepresidente Salvini, che in qualche misura è chiamato in causa in questa polemica.

Il ritorno degli sbarchi sui Tg. Libia e Medioriente, continua l’attenzione ad “intermittenza”
Il naufragio nelle acque tunisine, con il bilancio di 70 dispersi, e lo sbarco a Lampedusa della nave Ong Mare Jonio, riportano il fenomeno migratorio sulle scalette dei Tg: titoli venerdì per tutti, con Tg La7 che riprende in apertura la soddisfazione del Ministro dell’Interno per il blocco della «nave dei centri sociali«, e annuncia maggiore impegno per i rimpatri. La situazione libica resta, questa settimana, quasi dimenticata, con servizi solo da parte di Tg La7 e Tg2; la prima documenta le manovre di Serraj per non essere abbandonato a livello internazionale, mentre l’altra dà voce alle proteste degli abitanti di Tripoli.

Quasi scomparso dai titoli il Venezuela, con eccezione del Tg2 e del Tg3 che presentano interviste ed interessanti approfondimenti.

Europa e crescita: questioni di decimali. La guerra dei Dazi rievoca lo spettro dello spread
Le nuove previsioni economiche di Bruxelles, che martedì tagliano ulteriormente le stime di crescita per il nostro Paese, sono riprese da tutte le testate, con Tg5 che vi dedica un’allarmata apertura, mentre i Tg Rai ripropongono le dichiarazioni rassicuranti di Tria che parla di “dati vecchi” e “valutazioni politiche”.

La nuova guerra di dazi tra Usa e Cina, il cui annuncio da parte di Trump aveva già lunedì affossato le borse europee, venerdì torna in primo piano con 5 titoli. Sia Tg5 che Tg2 segnalano, mercoledì, la crescita dell’indice di gradimento di Trump, indicando nella politica economica del Presidente americano uno dei motivi del suo successo.

Il Royal Baby: tra favola e business
La nascita di Archie Harrison Mountbatten-Windsor, ultimogenito della casata inglese e nuovo “Royal baby” della monarchia britannica spopola sui tg nostrani, raccogliendo in settimana 11 titoli e numerosi servizi. Davanti all’ottavo nipote della Regina Elisabetta II, Mediaset rispolvera la sua predilezione, proponendo coperture che spaziano dalle quotazioni dei bookmakers sul nome del nascituro, alla sua eventuale “assonanza” con i nomi dei gatti di Meghan. Anche Tg La7, in qualche misura, si lascia contagiare dal fenomeno “Royal Baby”; titolo lunedì e servizio che analizza l’impatto dell’ultimo nascituro sull’economia inglese in termini di gadget e merchandising, stimato in più di un miliardo di sterline.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili