Clima e fine vita, ambiente e temi etici “sorpassano” politica e cronaca. L’analisi dei Tg

Friday for Future: i giovani protagonisti del primetime; il “fine vita” e le parole della società civile nel silenzio della politica. Migranti: l’accordo di Malta sotto la lente delle opposizioni. I principali temi della settimana, secondo il report dell’Osservatorio sui Tg dell’Eurispes e della Sapienza Università di Roma dal 23 al 27 settembre.

La settimana dell’informazione presenta uno scenario assai atipico, con i temi dell’ambiente e dei diritti che rubano la scena, sia nei titoli sia nelle edizioni, alla consueta cronaca politica.

Il terzo Friday for Future, lo sciopero mondiale dei giovani per protestare contro l’inazione dei governi sui temi del cambiamento climatico, monopolizza le edizioni di venerdì: aperture per tutti, salvo Tg4, e titolo unico per Tg3. Molto alto, ad inizio settimana, anche l’atteso intervento di Greta Thunberg all’Onu: primo titolo per Studio Aperto e Tg5, con le altre testate (salvo Tg4) che lo segnalano in seconda posizione subito dopo gli esiti del vertice di Malta. Tornando alla manifestazione di venerdì, Tg La7 ne parla come di un evento storico, non solo in termini quantitativi (si parla di un milione di giovani in 160 città), ma anche qualitativi, per una mobilitazione giovanile di massa compiuta al di fuori di qualunque schieramento politico (riflessioni analoghe su Tg2). Sempre Tg La7 interpella lunedì il Ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, che in una circolare ha legittimato l’assenza da scuola per «prendere parte alla storia».

Sottotono, nel complesso, le dichiarazioni della politica sui temi green, nonostante gli interventi del Premier Conte dall’Onu. L’attenzione ai cambiamenti climatici si riflette comunque in settimana su numerose coperture. Tra queste, ben 12 titoli sono dedicati all’allarme lanciato per uno dei ghiacciai sul Monte Bianco, che rischia di crollare a valle: apertura per Studio Aperto martedì e Tg5 mercoledì. Da segnalare gli approfondimenti del Tg3 sulle industrie dello sviluppo sostenibile.

L’attesa sentenza della Corte Costituzionale in merito al fine vita, intervenuta per ovviare ad un altro, grave silenzio della politica, spicca nelle edizioni di giovedì (5 titoli, con Tg2 che mercoledì vi dedica l’apertura). Tg La7, che già la scorsa settimana aveva riacceso i riflettori su questi temi, lunedì intervista Marco Cappato (interpellato giovedì anche dal Tg2), per il quale l’inattività del Parlamento va attribuita all’impossibilità, da parte dei vari leader politici, di imbastire su simili tematiche delle “campagne” personali. Tg5 interpella giovedì il Ministro per le Pari opportunità, Elena Bonetti. Presenti in molti servizi i pareri pro e contro, in un clima che sembra favorire una prospettiva laica. Da segnalare Tg4 che giovedì raccoglie la soddisfazione di Mina Welby.

L’accordo di Malta non convince Mediaset. I migranti, proiettili dello scontro tra gli ex Vicepremier. Tg4 “scopre” la non emergenza

La voce della politica si fa sentire sul tema dei migranti, con l’accordo di Malta che lunedì raccoglie 5 aperture. La soddisfazione nella maggioranza, ripresa in molti servizi, lascia presto, nel corso della settimana, spazio a dubbi e polemiche, soprattutto nei Tg Mediaset. Agguerritissimo Tg4, che “manca” le aperture su clima e fine vita privilegiando giovedì le falle di questo accordo. A tenere banco, nel complesso, sono gli accesi scambi tra Conte e Salvini, e poi Di Maio e Salvini. Tra questi ultimi due, i migranti divengono come “munizioni” di un fuoco incrociato, che poco aggiungono sul fenomeno. Fuori dalla diatriba, Tg2 titola giovedì su di un episodio drammatico di cronaca romana, mentre Tg3 conserva un’attenzione più diffusa su questi processi, anche a livello europeo. Interessante il servizio di lunedì sulla prima cooperativa etica per braccianti stranieri, che assicura un lavoro nei campi pienamente tutelato e retribuito. Da segnalare, inoltre, una singolare apertura di Tg4, che venerdì dedica un servizio al Rapporto Caritas Migrantes, che lo costringe a dover sostanzialmente “disconoscere” la retorica dell’“emergenza”.

La comunicazione politica: Conte trionfa sui titoli. Salvini domina nei servizi con interventi “made in social”

Aprendo una parentesi sulla comunicazione dei leader politici, se Conte mantiene il primato di presenze nei titoli, con la sua figura oggetto di attenzioni e di apprezzamento anche dai Tg Mediaset per la ripresa dei rapporti con i sindacati, a spiccare nei servizi resta indubbiamente Salvini, sia per numero di citazioni sia, soprattutto, per tipologia degli interventi. Il volto e la voce del leader leghista, proposti dalle numerose irruzioni nei social, risultano assai prominenti in molti servizi, e capita anche che alcune testate (ultimamente Tg2 e Tg4), ripropongano gli audio di Salvini anche in più di un pezzo, o più volte nello stesso servizio, probabilmente con intento di rinforzare il messaggio del leader d’opposizione, spesso sostenuto da Meloni e Berlusconi. Il Tg di Sangiuliano, mercoledì, regala al suo pubblico l’atmosfera giubilante che ha preceduto le parole del leader leghista, al quale sono andati diversi secondi di “puro chiasso” senza commento.

L’Ucraina-gate che scuote Trump. Johnson “schiaffeggiato” per la Brexit

L’evolversi del nuovo scandalo che riguarda la Casa Bianca spicca sulle edizioni del primetime, raccogliendo tra mercoledì e giovedì 9 titoli e le aperture di Studio Aperto, Tg3, Tg1 e Tg La7 (mercoledì) e Tg5 (giovedì). Tutte le testate illustrano in modo chiaro la vicenda, con Tg La7 che profila già l’impatto che l’avvio di una procedura d’impeachment potrebbe sortire sulle presidenziali 2020. Tg2, da sempre vicino alle posizioni del leader americano (grande spazio al suo intervento di martedì all’Onu), sembra voler derubricare la vicenda, affrontandola nella seconda parte delle sue edizioni, e accostandovi brevi servizi che ci ricordano quanto cresce il Pil dell’America di Trump.

Assorbiti dai fatti d’oltre-oceano (vertice Onu e telefonata a Zelensky), i Tg del primetime affrontano solo in seconda battuta le ultime evoluzioni sul fronte Brexit. La decisione della Corte Suprema britannica, che ha giudicato illegale la chiusura richiesta da Johnson, è nei titoli solamente martedì, con Tg4 che parla di un premier Johnson “schiaffeggiato” dalla Corte Suprema, dedicando un servizio alla giudice responsabile di questo giudizio.

“Stidda” e Spada, successi per lo Stato. Scuole pericolanti: la denuncia di Mediaset e Tg3

L’operazione congiunta tra Lombardia e Sicilia, che mercoledì ha portato all’arresto di ben 110 affiliati dell’organizzazione mafiosa della “Stidda”, figura mercoledì nei servizi, ma è oggetto di titolo solo su Tg1. Maggiori coperture vanno, nel complesso, alle condanne comminate agli esponenti del clan Spada di Ostia (titoli per Tg3 e Tg2), con i Tg Rai che tornano a visitare le zone storicamente sotto il controllo della famiglia.

I dati raccapriccianti sull’edilizia scolastica, che vedono troppi edifici a rischio e crolli ogni tre giorni, suscitano servizi assai critici sia per Tg3 che per Studio Aperto e Tg4.

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse