Come la pandemia ha cambiato l’informazione: intervista a Piero De Chiara

informazione

Intervistiamo Piero De Chiara, esperto di comunicazione e dirigente di reti televisive. Ex funzionario dell’AgCom, da sempre impegnato nei progetti di riforma del Servizio Pubblico radio-televisivo. Dopo una informazione dominata dal tema della pandemia, una guida per comprendere meglio cosa è cambiato e cosa cambierà.

Con le misure di lockdown, milioni di italiani si sono trovati giocoforza a casa, e ciò si è tradotto in una crescita rilevante dell’audience televisivo, in particolare della fascia di prime time. Per i Tg delle reti generaliste si è tornati agli ascolti di 10-11 anni fa, quando un pubblico di 20 milioni o più non era una rarità, bensì la norma. L’aumento dell’audience in questa fascia è stato, in proporzione, sensibilmente maggiore rispetto a quello che interessato le rispettive reti, sia del Servizio Pubblico che di Mediaset. A cosa la si deve, questa differenza?

 È stato un misto. Un po’ il lockdown ha ri-omogeneizzato gli orari delle famiglie, in giornate scandite dai bollettini della protezione civile. Naturalmente questo aumento è stato dovuto in gran parte all’interesse oggettivo verso le notizie per tutte le fasce di pubblico, quale che fosse l’età, il livello di reddito e di cultura. C’è stata una grande fame d’informazione.

Tg: aperture concentrate sui contagi, l’informazione torna in lockdown

In questa difficile fase c’è qualche merito specifico che possiamo riconoscere all’informazione televisiva, o più in generale alla tv generalista? 

Quello di esistere. Perché il fatto che esistano ancora in questa fase, seppure indeboliti, mezzi di comunicazione universali che si rivolgono potenzialmente a tutta la popolazione, è stato un elemento veramente utile. E questo anche a prescindere dalla qualità dell’informazione.

La pandemia ha prodotto un rafforzamento della coesione sociale che ha portato tutte le fasce d’età, reddito ed istruzione a condividere gli stessi programmi informativi

Si è dunque ricreata una platea unificata, nei confronti della quale la televisione ha offerto quella che gli studiosi della comunicazione chiamano una “shared cultural experience”. Quali insegnamenti il Servizio Pubblico può trarre da questa esperienza? E che dire delle reti commerciali?

Bisogna riflettere sulla coesione sociale. Negli scorsi anni, insieme ad altri, tra cui Francesco Siliato e Stefano Balassone, ho avviato un lavoro di ricerca i cui risultati sono poi confluiti nel contratto di servizio della Rai, e che la obbligano di dotarsi di un “indice di coesione sociale”. Cosa che, come tante altre, non è ancora avvenuto, ma che sarebbe prevista nel contratto di servizio. La pandemia ha prodotto un rafforzamento della coesione sociale, che ha portato tutte le fasce d’età, reddito ed istruzione a condividere gli stessi programmi, ed in particolare quelli informativi. Si è così dimostrato che la coesione sociale è difficile, ma la si può stimolare. Quanto alla tv commerciale, credo che con la fine dell’epidemia questa tornerà a privilegiare i target tradizionali, e quindi a concentrarsi su elementi di “dispersione sociale”. Il Servizio Pubblico dovrebbe fare l’opposto, ma perché ciò avvenga c’è bisogno di incentivi. Se l’obiettivo rimane quello di massimizzare gli ascolti, come avviene per le tv private, il Servizio Pubblico continuerà a produrre proposte “per vecchi”. Per invertire questo trend penso che una parte del canone dovrebbe essere dedicato all’indice di coesione sociale, ossia alla capacità di tenere insieme pubblici diversi. Non va valorizzato solo l’audience, ma l’obiettivo della coesione del pubblico.

Se i telegiornali puntano a tornare “quelli di prima”, il pubblico tornerà ad essere quello di prima

Nei primi mesi della pandemia il pubblico della tv generalista è assai mutato. Guardando alle fasce d’età, c’è stato un netto aumento qualitativo tra le fasce d’età più giovani. A suo giudizio, questa crescita del consumo televisivo da parte degli italiani tra i 25 ed i 44 anni – che forse si potrebbe anche descrivere come un “ritorno” – ha interessato anche il pubblico dei Tg di prime time, o il guadagno in ascolti va ricondotto a quella fascia degli over 60, che i telegiornali inquadrano come proprio target di riferimento?

Dai dati che anche l’Osservatorio Eurispes-Coris della Sapienza ha pubblicato, l’incremento maggiore in percentuale ha riguardato i giovani, le fasce da 15 a 45 anni. Gli spettatori più anziani erano già catturati dall’informazione di prime time. Certo, quando la pandemia finirà questo pubblico verrà disperso se non si trovano strategie per re-interessarlo e ri-motivarlo. Se i telegiornali puntano a tornare “quelli di prima”, il pubblico tornerà ad essere quello di prima, e le testate perderanno progressivamente le fasce più giovani. Aggiungo una cosa: sarebbe necessario scavare più a fondo nelle fasce auditel, rispetto ai classici indici 25-44. Proprio questa fascia comprende pubblici assai diversi, con giovani che vivono ancora con i genitori e quelli che vivono fuori casa, e che manifestano comportamenti diversi. Sono ancora molte le cose che possono emergere analizzando più a fondo questa straordinaria fase che stiamo affrontando.

Una parte del canone dovrebbe essere dedicato all’indice di coesione sociale, ossia alla capacità di tenere insieme pubblici diversi

Altro tema interessante è l’attendibilità dell’informazione. A suo giudizio il successo negli ascolti costituisce per l’informazione del primetime anche un riconoscimento della sua attendibilità? La tv è riuscita, in questa fase, a rappresentare correttamente la situazione della pandemia e a contrastare la circolazione delle fake news?

Nel complesso i telegiornali hanno svolto un buon lavoro. Ci sono però stati degli episodi discutibili, e qualche fake news è stata alimentata anche dai Tg. Mi viene in mente la ridicola ricerca del paziente 0 nelle prime settimane, o la pantomima sulle mascherine – che prima non servivano a nulla, e poi sono divenute indispensabili. E soprattutto va criticato l’uso molto provinciale che si è fatto dei dati, e che ha portato nel mese di settembre addirittura a parlare di un “modello Italia”, che chissà perché veniva messo a confronto con quello “europeo” o “mondiale”, e che ci porta oggi a leggere il vaccino come una gara fra regioni e tra nazioni. Come se un fenomeno come la pandemia si potesse gestire entro confini regionali o nazionali. Credo che nessuno sappia – o almeno nessun ne ha parlato – di come sta andando la campagna di vaccinazione in India o in Africa. È illusorio credere che se un numero sufficiente di italiani, di europei, si vaccinano, la pandemia scomparirà, quando è evidente che questo è un fenomeno di livello mondiale.

 L’informazione, dunque, è vittima di un certo provincialismo…

Sì, ma la situazione resta nel complesso più che sufficiente, e l’informazione delle tv generaliste sta operando accettabilmente.

Covid-19 e pandemia, il diritto fondamentale ad essere informati

Con il varo del Next Generation Ue e la mutualizzazione del debito, l’informazione di prime time ha vissuto in tarda primavera e in estate una sorta di “innamoramento” nei confronti di Bruxelles. Durerà? Questa pandemia ci ha davvero reso tutti più europei, o lo scetticismo tornerà a prendere il sopravvento?

Come molti altri fenomeni, la pandemia ha accelerato un processo che è già in corso. La fase acuta dell’anti-europeismo era già in via di superamento. Ancora un anno e mezzo fa la maggioranza degli elettori italiani ha votato per partiti anti-europei. Oggi non lo farebbe, anche perché i Cinque stelle hanno cambiato opinione. Relativamente a quello che da noi chiamiamo Recovery fund è evidente a tutti che l’operazione “europea” debba andare a buon fine. Non vorrei, però, che cominciassimo a sentirci “esclusivamente” europei. Il rischio è che il “mondo” sia un po’ scomparso, il che è paradossale di fronte alla pandemia e ad un’economica sempre più interconnessa. Va bene essere europeisti, ma pensare che l’Europa sia autosufficiente sarebbe un errore.

Tornando all’analisi dell’informazione, la pandemia ha “divorato” gli spazi dedicati a molti altri temi, che in passate stagioni si erano dimostrati centrali. Un caso particolare è poi quello dell’immigrazione: sotto il peso dei numeri del contagio sono, in qualche modo, spariti quelli degli arrivi, e lo stesso è avvenuto per l’attenzione verso ciò che accade sulle coste africane.

Come ho detto prima, il quadro dell’informazione televisiva è nel complesso positivo. La “scomparsa del mondo” oltre il Covid è qualcosa che però può compromettere anche quei temi di coesione generazionale di cui abbiamo parlato prima. I giovani sono spesso più interessati a quello che succede negli altri continenti, non solo nel Nord America ed in Europa. Si tratta di una occasione non colta: la pandemia poteva essere un’occasione per acquisire una prospettiva più ampia, ed “accorgersi” che 4 miliardi di persone abitano in Asia e più di un miliardo in Africa…

Immigrazione, il coraggio di una corretta informazione

Anche quando si è parlato di altri continenti, penso al Sudamerica, tutto si è ridotto alla gestione della pandemia. Si è parlato molto del Brasile sul Tg5, ma solo per criticare la gestione dei contagi da parte di Bolsonaro, non dell’avvitamento antidemocratico di un grande paese.

Infatti. È mancato un quadro generale.

La cronaca nera, e soprattutto la “cronaca criminale” che storicamente occupa nelle scalette del primetime spazi rilevanti, dallo scorso febbraio è sostanzialmente svanita, eclissata da un altro genere di testimonianze: le voci dai territori, dei medici, degli imprenditori e poi ancora degli eroi del Covid, ed anche delle sue tante vittime. Queste storie sono state raccontate con il dovuto rispetto, o in alcuni casi c’è stata una qualche forma di miticizzazione o spettacolarizzazione?

L’informazione televisiva resta anche un po’ spettacolo. Ci sta un po’ di caratterizzazione delle vicende, e mi pare che – nel complesso – lo si è fatto con rispetto delle persone coinvolte. Un rispetto che, spero, possa rimanerci impresso ed accompagnarci nell’affrontare, finita l’epidemia, anche quei fatti di cronaca nera di cui parli. Sia chiaro, la cronaca nera è un genere televisivo da non disprezzare, salvo che non si mostri il dovuto rispetto per le persone coinvolte, ed anche per i presunti colpevoli. Certamente tornerà nei palinsesti, e tornerà con un forte tasso di spettacolarizzazione. Vedremo se tornerà con lo stesso rispetto che si è riusciti ad avere nell’analizzare le vicende del Covid. Siamo stati messi davanti a tante facce di persone “normali”, ed abbiamo imparato ad apprezzarle…

 

 

 

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali